«Huawei entro 2 anni sarà il numero uno negli smartphone in Italia».

image
http://www.cartomanziagratissempre.it

Fino a un paio di anni fa chi comprava uno smartphone Huawei lo faceva soprattutto per risparmiare e veniva guardato con sospetto. Oggi il gruppo cinese in Italia ha una quota di mercato del 19,7% (Gfk, dati di marzo): «Abbiamo fatto un buon lavoro ma non è abbastanza», dice al Sole 24 Ore Walter Ji, presidente della divisione consumer di Huawei per l’Europa Occidentale. È tipico delle aziende cinesi – si pensi a quanto fatto da Lenovo

nei pc – scalare le classifiche in tempi rapidissimi con obiettivi molto ambiziosi. E, infatti, «oggi in Italia come volumi siamo i numeri 2, ma entro 2-3 anni vogliamo essere numeri 1».

Vuol dire togliere il trono a Samsung. Al terzo posto c’è Apple, che era seconda fino a pochi mesi fa ma ancora leader se si considerano i margini e non i telefoni venduti. Per Huawei il nostro Paese è il secondo mercato al mondo in ambito consumer. Una divisione cresciuta rapidissimamente: nel 2015 su 60,8 miliardi di dollari di ricavi globali, 20 sono arrivati dalla vendita di dispositivi; in crescita del 73%. Le reti hanno invece totalizzato 35,8 miliardi (+21,4%) e l’enterprise 4,3 miliardi (+43,8%).

«In Italia abbiamo costruito la nostra fondazione grazie al rapporto con gli operatori e siamo cresciuti con il focus sul retail. Abbiamo lavorato molto sui punti vendita e su un’offerta che contempla molte fasce di prezzo», spiega Daniele De Grandis, executive director di Huawei consumer in Italia. Rilevanti anche gli investimenti su pubblicità e sponsorizzazioni, a partire dalle squadre di calcio. Il risultato è che oggi il marchio Huawei è conosciuto dall’87% degli italiani.

Ora è il momento del cambio di passo. Con il nuovo smartphone P9 «vogliamo presidiare l’area premium. Puntiamo sull’innovazione, a partire dalla capacità hardware e dalla fotocamera grazie a un accordo con Leica», continua Walter Ji. La partnership con l’azienda tedesca è molto reclamizzata, con il logo evidente sotto la fotocamera del telefono e di recente un sito cinese ha sollevato un polverone online scrivendo che la fotocamera è prodotta in Cina, nelle fabbriche di Sunny Optical. Solo marketing? «No, da subito abbiamo parlato di co-ingegnerizzazione con Leica – sottolinea Ji -. È l’inizio di un lungo percorso di collaborazione: i nostri team di ricerca hanno lavorato insieme su questo prodotto». Le aziende non sono entrate nei dettagli, ma ha detto che la «collaborazione profonda» riguarda lo sviluppo di algoritmi, meccaniche e ottiche. Si tratta dunque di un lavoro a monte con Leica che si pone come garante della qualità anche se la lente, a quanto sembra, non esce dalle sue fabbriche tedesche ma da quelle di un partner, forse per un tema di capacità produttiva.

Il telefono costa 600 euro e per la prima volta punta la parte più ricca del mercato, presidiata da Apple e Samsung. Già il P8 aveva permesso a Huawei di accrescere la sua quota di mercato nella cosiddetta medium price, ovvero 400-500 euro. La fascia alta consente di ottenere migliori margini? «Siamo una società privata, non ancora quotata e puntiamo a una strategia di medio-lungo termine – risponde Ji -. Al momento il focus è sull’innovazione e il servizio per i consumatori piuttosto che i margini». È ancora il momento di investire: soltanto per il lancio del nuovo prodotto in Italia si parla di 15 milioni di euro.

I marchi cinesi risentono di un pregiudizio quando si parla di qualità? «Abbiamo iniziato nelle infrastrutture lavorando con le telecom. Ci siamo dovuti conquistare la fiducia e ce l’abbiamo fatta con qualità e innovazione. Stiamo facendo lo stesso percorso con gli smartphone e i numeri ci danno ragione», sottolinea Ji. Per gli smartphone, però, gli anni della corsa sono finiti: gli ultimi numeri di Idc fotografano un mercato sostanzialmente fermo a livello mondiale. E Apple ha registrato il primo calo degli utili da 13 anni. «In Italia il mercato cresce ancora, magari non a doppia cifra – afferma De Grandis -. Quello che succede è che si sta chiudendo il gap tra i leader consolidati e gli altri».

Start a Conversation