Treviso, Dopo 32 anni di lavoro e tasse vivo in strada e senza pensione.

image

image

Una vita tra i grandi cantieri del mondo, sempre pagando i contribuiti. Ma Adriano Montellato ora è costretto a vivere in strada, perché ritenuto troppo giovane

per ricevere la pensione.Aveva un lavoro come operaio a contratto per la Permasteelisa, multinazionale delle costruzioni, poi però una grave malattia gli ha portato via tutto. Ma Adriano Montellato era certo di essersi guadagnato un futuro tranquillo con quei 32 anni di contributi versati allo Stato. E invece non è andata come sperava. Non è più riuscito a lavorare, la malattia lo ha straziato. E gli ha portato via ogni cosa.Ora si ritrova in strada, senza una famiglia. Per un paio d’anni, come raccontato su Il Gazzettino, ha vissuto si una panchina della stazione dei treni di Treviso. Ora è riuscito a trovare una sistemazione a palazzo Moretti. In tasca solo una piccola pensione di invalidità che ovviamente non gli consente di affrontare la vita di tutti i giorni. Eppure Montellato, visti i numerosi contributi pagati dovrebbe avere una pensione vera e propria. E invece no, nemmeno un euro. È ancora troppo giovane per ricevere l’assegno dell’Inps. Ma il 50enne ci spera e racconta: “Mi hanno detto che forse tra un po’ mi danno qualcosa mi auguro che la situazione possa sbloccarsi presto”.

Lascia un commento