Mese: Ottobre 2018

https://www.cartomanziagratissempre.it/

ECCO LA DIETA DELLA LONGEVITÀ… VI DIAMO I SEGRETI PER L’IMMORTALITÀ…







 

 

 

 

 

 

 

pixel ECCO LA DIETA DELLA LONGEVITÀ... VI DIAMO I SEGRETI PER L'IMMORTALITÀ...DIETA MIMA DIGIUNO… ECCO COME FUNZIONA E PERCHÉ SE NE PARLA TANTO…

 

Dieta mima digiuno: come funziona e perché se ne parla tanto…

“Cosa c’è da sapere sul regime alimentare ideato dallo scienziato Valter Longo che permette grandi risultati in termini di rallentamento del processo d’invecchiamento”

 

 

Dieta mima digiuno: come funziona e perché se ne parla tanto

„Si chiama ‘dieta mima digiuno’ il regime alimentare che promette grandi risultati in termini di rallentamento del processo d’invecchiamento, prevenendo l’obesità e altre malattie croniche come il morbo di Alzheimer”

 

 

Non è una dieta per perdere peso… per quanto possa avere effetti su persone particolarmente grasse, ha come obiettivo quello di ridurre i fattori di rischio di malattie cardiovascolari e oncologiche.

 

A metterla a punto è stato Valter Longo, professore dell’istituto di oncologia molecolare FIRC di Milano e della University of Southern California School of Gerontology di Los Angeles, inserito dalla rivista americana Time nell’elenco delle 50 personalità più influenti nell’ambito della salute.

 

Famoso anche per i suoi studi sulla giuventologia oltre che per il suo bestseller ‘La dieta della longevità’ che spiega alla perfezione il metodo alimentare, il ricercatore ha riproposto la propria teoria della longevità programmata introducendo due neologismi: ‘youthspan’ che indica il lasso di tempo in cui un organismo rimane sano e giovane, e ‘iuventologia’ un campo di ricerca volto a comprendere i meccanismi alla base dello youthspan.

 

Come funziona la ‘dieta mima digiuno

 

La dieta mima digiuno prevede un’alimentazione con poche calorie e pochi zuccheri, ma ricca di grassi insaturi. Va seguita per cinque giorni ogni tre/sei mesi sotto stretto controllo medico: lo stesso Longo, infatti, ha precisato quanto sia importante evitare il fai da te e affidarsi alla supervisione di un medico o, comunque, di un esperto in nutrizione.

 

Lo schema della dieta mima digiuno

 

La dieta mima digiuno segue uno schema ben preciso che si sviluppa in 5 giorni di restrizione calorica e a basso contenuto proteico.

Il primo giorno, la dieta mima digiuno prevede l’assunzione di circa 1000 calorie, divise tra 34% di carboidrati, 56% di grassi e 10% di proteine.

Nei 4 giorni successivi, le calorie scendono a 750: 47% carboidrati, 44% grassi e 9% proteine.

In questo modo si ottiene una riduzione drastica delle calorie e degli alimenti che agiscono sui livelli di insulina, come quelli altamente proteici.

 

Cosa mangiare nella ‘dieta mima digiuno

 

La dieta mima digiuno punta sul basso apporto calorico e si basa sull’eliminazione dei cibi che stimolano la produzione di insulina e dell’ormone della crescita. Largo spazio, dunque, a verdura, poche proteine, qualche grasso buono e dei carboidrati complessi.

 

 

Uno dei principi fondamentali della dieta mima digiuno è che la restrizione calorica deve essere mirata e controllata. Inoltre, importante è anche la riduzione dell’apporto di proteine, soprattutto di quelle animali, che attivano l’ormone della crescita responsabile dell’invecchiamento cellulare e di malattie ad esso correlato, come cancro, diabete, malattie cardiovascolari e neurodegenerative.

 

Quando è consigliata la ‘dieta mima digiuno’

 

Come riporta Donna Moderna che ha intervistato Longo, la dieta mima digiuno è uno schema alimentare potenzialmente adatto a una fascia d’età che va dai 20 ai 70 anni. Tuttavia, prima di iniziare a praticarla, occorre accertarsi di non avere patologie in corso e, nel caso, sottoporsi a tutte le analisi mediche necessarie.

 

 

La dieta mima digiuno non è indicata a chi soffre di disturbi alimentari (per esempio, anoressia), alle donne in gravidanza, agli anziani, ai diabetici (è pericolosa in abbinamento con i farmaci per il diabete), a coloro che sono affetti da disturbi di tipo metabolico”, ha precisato il dottor Longo…