https://www.cartomanziagratissempre.it/

ECCO COME AVERE IL REDDITO DI CITTADINANZA








pixel ECCO COME AVERE IL REDDITO DI CITTADINANZA

Da oggi è on line il sito dedicato al reddito di cittadinanza. Il nuovo portale è stato presentato dal premier Conte e dal ministro del Lavoro Luigi Di Maio. “Una rivoluzione per il mondo del lavoro” è il sottotitolo del sito che però, almeno per il momento, sarà puramente informativo. In sostanza per fare domanda bisognerà aspettare il 6 marzo. Nel frattempo chi spera di ottenere il reddito di cittadinanza può leggere sul sito quali sono requisiti da rispettare, anche se si tratta comunque di informazioni gia’ note. Il premier: «Devono essere orgogliosi tutti gli italiani». Di Maio: «Oggi una giornata importante, 5 milioni di italiani interessati». Ridimensiona il presidente dell’Inps Tito Boeri: 2,4 milioni, e gli effetti di scoraggiamento al lavoro saranno rilevanti». Come se fosse proprio la monetina «numero uno» di Paperon de’ Paperoni, il vicepremier Luigi Di Maio ha «svelato» lunedì pomeriggio, sul palco dell’Auditorium Enel di Roma, la prima card del reddito di cittadinanza. Visibilmente emozionato, presentando quello che considera uno dei capisaldi del programma 5 Stelle, Di Maio è «orgoglioso»: lo si vede, e lo dice, numerose volte. «In questi mesi di governo abbiamo trovato i soldi quando ci dicevano che non c’erano, abbiamo scritto il decreto quando ci dicevano che mancavano le norme. E oggi facciamo un altro passo in avanti per smentire coloro che ci dicevano che il reddito di cittadinanza era una presa in giro. Oggi per me è una giornata importante. Tutti coloro che dicono che è impossibile dovrebbero lasciar stare chi ce la sta facendo», dice Di Maio citando Einstein. «Orgoglioso» si dice anche il premier Giuseppe Conte: «Ma orgogliosi devono esserli gli italiani, perché questa è una misura di equità sociale, riforma molto complessa, fondata su un patto di lavoro, di formazione. È un patto di inclusione sociale. Abbiamo faticato tanto, studiato quelle che erano le riforme simili realizzate in Europa e abbiamo cercato di far di meglio. Vi lascio con un augurio- saluta Conte dopo un brevissimo intervento- mentre noi abbiamo studiato molto per fare questa riforma, saranno altri che ora studieranno la nostra di riforma». I «complimenti» a «Di Maio che non ha mai mollato» arrivano anche dal leader M5S Alessandro Di Battista, su Facebook. Per accedere al reddito, sarà necessario avere un Isee inferiore a 9360 euro (se si vive in una casa in affitto), un patrimonio immobiliare di non più di 30 mila euro, un patrimonio finanziario inferiore a 6 mila euro, ed essere residenti in Italia da almeno 10 anni, di cui gli ultimi due in maniera continuativa. Limiti che cambiano se il nucleo familiare è più numeroso. Nessun familiare deve aver lasciato un lavoro volontariamente nei 12 mesi precedenti. Un esempio: se si vive soli, si potranno ricevere fino a 780 euro al mese, fino a 1180 se si hanno due figli minorenni. Si può presentare la domanda sul sito dal 6 marzo, presso gli uffici postali o ai Caf. Per richiederlo bisogna avere un Isee aggiornato richiesto al Caf o all’INPS: «Questo è un passaggio fondamentale per la richiesta», nota Di Maio. Inoltre bisognerà possedere l’identità digitale (le credenziali SPID). Per tutte le richieste presentate, l’Inps verificherà l’esistenza dei requisiti. Se sarà accettata la domanda, si verrà contattati dai centri per l’impiego o dal Comune per valutare l’inserimento lavorativo o la formazione. C’è tempo fino al 31 marzo per avere la card ad aprile. Quasi in contemporanea con la conferenza stampa, è stato attivato il sito sul reddito di cittadinanza. All’indirizzo redditodicittadinanza.gov.it, sono disponibili tutte le informazioni dettagliate su cos’è il beneficio, i requisiti necessari per richiederlo e cosa bisogna fare per ottenerlo: presentare la domanda, ritirare la carte, sottoscrivere i patti per il lavoro e l’inclusione sociale. Una sezione ad hoc è dedicata anche agli incentivi alle imprese che assumono i beneficiari. Il sito internet fino ad ora è informativo, dal 6 marzo si sbloccherà il modulo per la richiesta online: quindi chi sarà pronto con un’identità digitale e un Isee aggiornato, potrà accedere. «Digitalizzeremo l’identità di tanti italiani che fino ad ora non avevano trovato alcun interesse per iscriversi a SPID», prevede il leader M5S. «Attenzione, saranno 5 milioni gli interessanti: quindi non è che dovranno accedere tutti il 6 marzo», avverte Di Maio, immaginando probabilmente la ressa e il possibile black out del sito nel giorno clou. Secondo il vicepremier, entro i primi 12 mesi del reddito arriverà almeno una proposta di lavoro per l’interessato, su tutto il territorio nazionale. «Non è una misura assistenzialistica questa- insiste Di Maio- ma è un contratto in cui il cittadino si impegna a fare una serie di cose, pena la decadenza del reddito. Il nostro obiettivo è reinserire le persone nel mondo del lavoro e formarle». Secondo il ministro M5S, «grazie al reddito di cittadinanza verranno immessi 8 mld euro all’anno nell’economia reale». Il beneficiario si impegna ad accettare almeno una di tre offerte di lavoro: nei primi sei mesi entro 100 chilometri di distanza; oltre il sesto mese entro 250 km; in tutta Italia dopo un anno. È escluso dal reddito di cittadinanza chi non sottoscrive il Patto, non partecipa alle iniziative formative e non presenta una giustificazione, non aderisce ai progetti utili per la comunità predisposti dai Comuni, rifiuta la terza offerta congrua, non aggiorna le autorità competenti sulle variazioni del proprio nucleo, fornisce dati falsi. In questo caso, si rischiano da 2 a 6 anni di carcere. Di Maio ha presentato in diretta anche la prima card, la prima di tre milioni stampate per il reddito di cittadinanza. Non potrà essere usata per il gioco d’azzardo, «che ha rovinato milioni di italiani». «Con questa rinnoviamo un rapporto di fiducia tra Stato e cittadino», dice Di Maio. Una carta uguale in tutto e per tutto alla normale card Poste Pay, dello stesso colore giallo, con gli stessi loghi e senza alcun riferimento al reddito di cittadinanza. Tutto per evitare che chi percepisce il beneficio «venga riconosciuto e discriminato». Come una doccia fredda, sull’entusiasmo di Di Maio arrivano le osservazioni del presidente dell’Inps, Tito Boeri. La platea del Reddito di cittadinanza secondo le stime dell’Inps sarà di 1,2 milioni di nuclei familiari per 2,4 milioni di persone. Il 50% dei nuclei sarebbero senza redditi e comunque senza redditi da lavoro «tra i quali, sottolinea Boeri, si celano anche gli evasori e i sommersi totali». Oltre la metà dei nuclei sarebbe costituito da single (644.000) . Inoltre il reddito di cittadinanza «fissa un livello di prestazione molto elevato per un singolo» e questo «spiazza i redditi da lavoro», dice Boeri, spiegando che gli effetti di scoraggiamento al lavoro sono «rilevanti». In sostanza, a chi lavora -guadagnando poco -conviene di più il reddito di cittadinanza che proseguire il proprio lavoro. Boeri afferma che quasi il 45% dei dipendenti privati del Sud ha «redditi da lavoro netti inferiori a quelli garantiti dal Rdc a un individuo che dichiari di avere un reddito uguale a zero». Secondo l’Inps il 30% dei percettori del Rdc riceverà un trasferimento uguale o superiore a 9.360 euro netti mentre il valore mediano sarà di 6.000 euro. Inoltre il reddito di cittadinanza penalizzerebbe le famiglie numerose e i senza fissa dimora, ma «in virtù dei requisiti stringenti di residenza può escludere anche una fetta importante di poveri», secondo Boeri. Rese note anche le stime dell’Istat, che le ha presentate in commissione Lavoro al Senato. Secondo l’Istituto di statistica, il reddito di cittadinanza «potrebbe interessare 1 milione 308 mila famiglie», delle quali oltre la metà, il 57%, al Sud. Nelle stime «752mila vivono nel Mezzogiorno, 333 mila al Nord e 222 mila al centro». Calcolando le relative incidenze si ritiene che le famiglie beneficiarie siano «il 9%» di quelle residenti nel Mezzogiorno, il 4,1% al Centro e il 2,7% al Nord. Tra i potenziali beneficiari del reddito di cittadinanza in età da lavoro ci sono anche circa 120 mila laureati, compreso chi ha anche un titolo di studio post-universitario.I single rappresentano il 47,9% delle famiglie beneficiarie del reddito di cittadinanza (626 mila) e riceveranno, in media, un sussidio annuo di 4 mila 469 euro (82,1% del reddito).

READ  Pd, la nuova carica dei 101: tutti gli indagati, regione per regione.
Call Now ButtonCONSULTO GRATIS

CHIAMA GRATIS

error: Content is protected !!
× Ciao