https://www.cartomanziagratissempre.it/

ECCO TUTTO QUELLO CHE NON SAPETE E NON VI DICONO SUL CORONAVIRUS


——–CLICCATE QUI PER AVERE IL VOSTRO CONSULTO COMPLETO APPROFONDITO E PROFESSIONALE DI CARTOMANZIA GRATIS——–








pixel ECCO TUTTO QUELLO CHE NON SAPETE E NON VI DICONO SUL CORONAVIRUS

Coronavirus, cosa fare e come riconoscere i sintomi. I sintomi dell’infezione da coronavirus sono simili a quelli dell’influenza: febbre, tosse, difficoltà respiratorie. Fondamentale è l’igiene.

Niente panico. È questa la raccomandazione che occorre fare per evitare l’infodemia, ovvero l’ansia che appare correlata alla diffusione delle notizie relative alla malattia da CoViD-19, come è stato recentemente definito il coronavirus che da qualche settimana sta creando timori in tutto il mondo.

In questa fase, visto che non esiste un vaccino, per fermare o almeno limitare la diffusione del virus ci sono solo due misure: l’isolamento dei casi e la quarantena dei contatti, che potrebbero sviluppare l’infezione. Ed è quanto si sta facendo, anche dopo i casi riscontrati in Italia. Ma è anche importante sapere come riconoscere un’eventuale infezione e come comportarsi.

Il coronavirus ha una particolare predilezione per le cellule dell’apparato respiratorio, come prova il fatto che molti casi di raffreddore di stagione sono legati proprio a ceppi di questo tipo di virus. Nel caso dell’infezione da virus che si è “rivelato” in Cina, quindi, ci potremmo trovare di fronte ad una sindrome simil-influenzale.

I sintomi sono soprattutto febbre, tosse, difficoltà respiratorie, quindi, in base alla gravità, si può pensare a qualcosa di simile ad una brutta influenza. Per questo gli esperti hanno ribadito l’importanza della vaccinazione per questa malattia, visto che per chi è vaccinato può essere più semplice individuare un eventuale pericolo, soprattutto in caso di contatti a rischio.

Purtroppo l’infezione può indurre una risposta particolarmente intensa sul fronte dell’infiammazione del tessuto polmonare, fino a causare gravi quadri di insufficienza respiratoria acuta grave, ma anche su questo fronte, abbiamo la prova che il sistema di controllo e individuazione dei casi funziona: grazie alla conoscenza della sequenza genetica del virus è stato possibile ottenere un test diagnostico rapido e quindi a riconoscere precocemente chi ha contratto l’infezione. Questa misura può essere estremamente semplice da associare a quelle disponibili, come l’isolamento o la quarantena.

READ  CHIUDE IMMEDIATAMENTE IL GRANDE FRATELLO VIP PER L'EMERGENZA CORONAVIRUS

Al momento, purtroppo, non esistono farmaci mirati per attaccare direttamente il virus, pur se si stanno utilizzando medicinali che possono risultare efficaci. Ed è fondamentale quindi che, nei casi più gravi, siano disponibili tutti i trattamenti di supporto alla funzione respiratoria che possono consentire di superare la fase più acuta del quadro.

A preoccupare, semmai, è un altro aspetto: appare ormai confermato che il virus si trasmette anche da persone che non hanno sintomi. Questo rende più difficile identificare precocemente chi potrebbe aver contratto l’infezione che ha anche un’incubazione abbastanza lunga. Per questo occorre sempre tenersi in contatto con il proprio medico di medicina generale e segnalare da casa quadri che potrebbero in qualche modo ricordare l’infezione. Bisogna insomma tenere alta l’attenzione, sfruttando le armi che abbiamo a disposizione per frenare l’epidemia.

In questo senso il Ministero della Salute ha messo a punto una nuova ordinanza che prevede misure di isolamento quarantenario obbligatorio per i contatti stretti con un caso risultato positivo oltre alla sorveglianza attiva a domicilio per chi è stato in aree a rischio nelle ultime due settimane. Queste persone devono comunicare la loro situazione alle autorità sanitarie locali.

Puntiamo sull’igiene
Il virus entra nell’organismo attraverso le vie respiratorie e gli occhi, per questo è fondamentale prestare particolare attenzione all’igiene. Occorre sempre tenere presenti le norme di prevenzione, come del resto si fa (o si dovrebbe fare) con qualsiasi tipo di infezione che si trasmette per via respiratoria. Il che significa lavarsi spesso, e con cura, le mani, utilizzando acqua e sapone o soluzioni alcoliche e utilizzare fazzoletti monouso per soffiarsi il naso curando di controllare eventuali starnuti o colpi di tosse.

READ  Mattarella-Renzi: scompare Grade Attore

La trasmissione, a prescindere dai dati sulla permanenza del virus all’esterno, avviene per contatto stretto, quindi non c’è motivo di mantenere a distanza chilometrica le persone o chiudersi in casa. E non bisogna nemmeno girare con le mascherine, che oltre a non essere efficaci in molti casi per bloccare il passaggio di un virus risultano difficili da portare a lungo. Questi strumenti possono essere utili per chi ha un’infezione respiratoria per evitare di trasmetterla ad altri.

Ricordate sempre che in caso di sintomi “strani” – mai dimenticare che è in corso l’epidemia di influenza stagionale – non andate al pronto soccorso ma fate riferimento al vostro medico o chiamate il 112. E soprattutto informatevi presso fonti certificate. Il portale del Ministero della Salute è a disposizione con tutte le informazioni più recenti e c’è un numero verde dedicato (1500) per saperne di più.

——–CLICCATE QUI PER AVERE IL VOSTRO CONSULTO COMPLETO APPROFONDITO E PROFESSIONALE DI CARTOMANZIA GRATIS——–








pixel ECCO TUTTO QUELLO CHE NON SAPETE E NON VI DICONO SUL CORONAVIRUS


Call Now ButtonCONSULTO GRATIS

CHIAMA GRATIS

error: Content is protected !!
× Ciao