https://www.cartomanziagratissempre.it/

MADONNA DI LOURDES

——–CLICCATE QUI PER AVERE IL VOSTRO CONSULTO COMPLETO APPROFONDITO E PROFESSIONALE DI CARTOMANZIA GRATIS——–









E’ il giorno in cui la chiesa venera la Madonna di Lourdes.

MADONNA DI LOURDES, GIORNATA DEL MALATO Vescovi Asia: “Ci protegga da coronavirus”.

Oggi la Chiesa ricorda la prima apparizione della Vergine, l’11 febbraio 1858. Una mattina, a Lourdes, aai piedi dei Pirenei, in una grotta sulla riva del fiume Gave, la Madonna apparve a una giovane e poverissima ragazza, figlia del mugnaio del paese, mentre era intenta a raccogliere la legna sul greto del fiume Gave.

Bernadette si trovava assieme ad una sorella e ad una loro amica, ma le sue compagne non videro nulla.

Il 18 febbraio l’apparizione chiese a Bernadette di tornare alla grotta per quindici giorni consecutivi, le raccomandò di andare a dire ai sacerdoti di costruire una chiesa sul luogo delle apparizioni e solo il 25 marzo successivo la Signora disse finalmente il suo nome: «Io sono l’Immacolata Concezione».

Dopo le apparizioni, Bernadette visse da religiosa e morì il 16 aprile 1878, all’età di 33. Fu beatificata nel 1925 e canonizzata nel 1933.

Le apparizioni di Lourdes vennero ufficialmente riconosciute dal vescovo di Tarbes il 18 febbraio del 1862. Ben presto fu eretta una grande chiesa così come la Vergine aveva richiesto e Lourdes divenne subito il più celebre dei luoghi mariani.

L’11 febbraio 1858 a Bernadette Soubirous si mostrò una “signora” molto bella, vestita di bianco, davanti alla quale la ragazza, non sapendo che fare, iniziò a pregare il Rosario. La Vergine si mostrò ancora 17 volte fino al 16 luglio. A febbraio sgorgò la famosa sorgente d’acqua prima inesistente. Il 25 marzo la donna si presentò come l’Immacolata Concezione: la proclamazione del dogma risaliva a quattro anni prima.

« Vidi una Signora rivestita di vesti candide. Su ognuno dei piedi aveva una rosa d’oro»

«Un giorno, recatami sulla riva del fiume Gave per raccogliere legna insieme con due fanciulle, sentii un rumore. Mi volsi verso il prato ma vidi che gli alberi non si muovevano affatto, per cui levai la testa e guardai la grotta. Vidi una Signora rivestita di vesti candide. Indossava un abito bianco ed era cinta da una fascia azzurra. Su ognuno dei piedi aveva una rosa d’oro, che era dello stesso colore della corona del rosario. A quella vista mi stropicciai gli occhi, credendo a un abbaglio. Misi le mani in grembo, dove trovai la mia corona del rosario. Volli anche farmi il segno della croce sulla fronte, ma non riuscii ad alzare la mano, che mi cadde.

Avendo quella Signora fatto il segno della croce, anch’io, pur con mano tremante, mi sforzai e finalmente vi riuscii. Cominciai al tempo stesso a recitare il rosario, mentre anche la stessa Signora faceva scorrere i grani del suo rosario senza tuttavia muovere le labbra. Terminato il rosario la visione subito scomparve.
Domandai alle due fanciulle se avessero visto qualcosa, ma quelle dissero di no; anzi mi interrogarono cosa avessi da rivelare loro. Allora risposi di aver visto una Signora in bianche vesti, ma non sapevo chi fosse. Le avvertii però di non farne parola.

Allora anch’esse mi esortarono a non tornare più in quel luogo, ma io mi rifiutai.
Vi ritornai pertanto la domenica, sentendo di esservi interiormente chiamata. Quella Signora mi parlò soltanto la terza volta e mi chiese se volessi recarmi da lei per quindici giorni. Io le risposi di sì. Ella aggiunse che dovevo esortare i sacerdoti perché facessero costruire là una cappella; poi mi comandò di bere alla fontana. Siccome non ne vedevo alcuna, andavo verso il fiume Gave, ma ella mi fece cenno che non parlava del fiume e mi mostrò col dito una fontana. Recatami là, non trovai se non poca acqua fangosa.

Accostai la mano, ma non potei prender niente; perciò cominciai a scavare e finalmente potei attingere un pò d’acqua; la buttai via per tre volte, alla quarta invece potei berla. La visione allora scomparve, ed io me ne tornai verso casa.
Per quindici giorni però ritornai colà e la Signora mi apparve tutti i giorni tranne un lunedì e un venerdì, dicendomi di nuovo di avvertire i sacerdoti che facessero costruire là una cappella di andare a lavarmi alla fontana e di pregare per la conversione dei peccatori. Le domandai più volte chi fosse, ma sorrideva dolcemente. Alla fine, tenendo le braccia levate ed alzando gli occhi al cielo mi disse di essere l’Immacolata Concezione.

Nello spazio di quei quindici giorni mi svelò anche tre segreti, che mi proibì assolutamente di rivelare ad alcuno cosa che io ho fedelmente osservato fino ad oggi».

Lourdes, 162 anni fa l’apparizione della Madonna «Io sono l’Immacolata Concezione».

In Irpinia ad Ariano, Rione San Pietro ospita una grotta dalle stesse sembianze.

E’ il giorno in cui la chiesa venera la Madonna di Lourdes, ricordando le più grandi apparizioni mariane. Quando la giovane Bernadette contadina di quattordici anni riferì di aver visto diciotto volte dinanzi ai suoi occhi una bella Signora in una grotta, vestita di bianco. In quel luogo indicato come teatro delle apparizioni fu posta nel 1864 una statua della Madonna, intorno alla quale, nel tempo è sorto un imponente santuario, con un imponente movimento di pellegrini. Si calcola che oltre settecento milioni di persone abbiano visitato Lourdes.

Ariano Irpino nel Rione San Pietro, lungo la trafficata statale novanta delle Puglie, ospita una piccola grotta dalle stesse sembianze. Rolando Sciarrillo da anni, volontario fedele della Vergine, dopo essersi svegliato dal coma anni fa a seguito di un gravissimo incidente ha allestito come sempre al meglio questo luogo così bello e suggestivo in vista di questa ricorrenza. Alle 15.30 oggi pomeriggio è previsto il rosario e dalle 17.00 tempo permettendo, la tradizionale processione verso la Basilica Cattedrale dove ci terrà la celebrazione presieduta dal Vescovo Sergio Melillo.

Nel Santuario di Valleluogo come ogni anno, il consueto momento di meditazione, in quest’oasi di pace tanto cara all’apostolo degli ammalati, il beato Luigi Novarese, fondatore dei Silenziosi Operai della Croce e del Centro Volontari della Sofferenza, oggi alle ore 12.00 alla presenza del Vescovo Sergio Melillo.

——–CLICCATE QUI PER AVERE IL VOSTRO CONSULTO COMPLETO APPROFONDITO E PROFESSIONALE DI CARTOMANZIA GRATIS——–