Cartomanzia GRATIS al:339-27.29.722, Rituali GRATIS al:339-27.29.722, Tarocchi GRATIS al:339-27.29.722, Sibille GRATIS al:339-27.29.722, Ritualista GRATIS al:339-27.29.722, Maestro Spirituale GRATIS al:339-27.29.722, Astrologia GRATIS al:339-27.29.722, Lettura Carte Online GRATIS al:339-27.29.722, Carte Napoletane GRATIS al:339-27.29.722, Tarocchi e Sibille GRATIS al:339-27.29.722, Tarocchi Egizi GRATIS al:339-27.29.722, Tarocchi Bolognesi GRATIS al:339-27.29.722, Consulti GRATIS al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS Diego al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS Amore al:339-27.29.722, Tarocchi degli Angeli GRATIS al:339-27.29.722, Tarocchi Lavoro GRATIS al:339-27.29.722, Cartomanzia online GRATIS AL:339-27.29.722, Cartomanzia Telefonica GRATIS al:339-27.29.722, Cartomanzia Virtuale GRATIS al:339-27.29.722, Numeri Vincenti GRATIS al:339-27.29.722, Tanto altro sempre GRATIS al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATUITA al:339-27.29.722, Cartomante GRATIS al:339-27.29.722, Sensitivo GRATIS al:339-27.29.722, Veggente GRATIS al:339-27.29.722, Chiaroveggente GRATIS al:339-27.29.722, Angeologia GRATIS al:339-27.29.722, Medium GRATIS al:339-27.29.722 Astrologo GRATIS al:339-27.29.722, Incantesimi GRATIS al:339-27.29.722, Legamenti GRATIS al:339-27.29.722, Ritorni GRATIS al:339-27.29.722, Filtri d'Amore GRATIS al:339-27.29.722, Alta Magia GRATIS al:339-27.29.722, Cartomanzia Professionale GRATIS al:339-27.29.722, Consulti GRATIS al:339-27.29.722, Consulenze GRATIS al:339-27.29.722, Perizie GRATIS al:339-27.29.722, Cartomagia GRATIS al:339-27.29.722, Astrocartomagia GRATIS al:339-27.29.722, Magia Bianca GRATIS al:339-27.29.722, Magia Rossa GRATIS al:339-27.29.722, Magia Nera GRATIS al:339-27.29.722, Magia Gialla GRATIS al:339-27.29.722, Magia Brasiliana GRATIS al:339-27.29.722, Dai risposte sicure ad ogni tuo dubbio e risolvi i tuoi problemi di lavoro, amore, affari etc... GRATIS al:339-27.29.722, Massima riservatezza e segreto Professionale GARANTITI al:339-27.29.722. https://www.cartomanziagratissempre.it https://www.cartomanziagratissempre.it/home.html Cartomanzia GRATIS a Agrigento al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Alessandria al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Ancona al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Aosta al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Arezzo al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Ascoli Piceno al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Asti al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Avellino al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Bari al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Barletta Andria Trani al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Belluno al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Benevento al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Bergamo al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Biella al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Bologna al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Bolzano al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Brescia al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Brindisi al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Cagliari al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Caltanissetta al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Campobasso al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Carbonia Iglesias al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Caserta al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Catania al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Catanzaro al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Chieti al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Como al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Cosenza al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Cremona al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Crotone al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Cuneo al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Enna al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Fermo al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Ferrara al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Firenze al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Foggia al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Forli Cesena al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Frosinone al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Genova al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Gorizia al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Grosseto al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Imperia al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Isernia al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a La Spezia al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a L-Aquila al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Latina al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Lecce al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Lecco al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Livorno al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Lodi al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Lucca al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Macerata al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Mantova al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Massa Carrara al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Matera al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Messina al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Milano al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Modena al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Monza Della Brianza al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Napoli al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Novara al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Nuoro al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Olbia Tempio al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Oristano al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Padova al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Palermo al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Parma al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Pavia al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Perugia al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Pesaro Urbino al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Pescara al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Piacenza al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Pisa al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Pistoia al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Pordenone al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Potenza al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Prato al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Ragusa al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Ravenna al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Reggio Calabria al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Reggio Emilia al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Rieti al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Rimini al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Roma al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Rovigo al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Salerno al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Medio Campidano al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Sassari al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Savona al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Siena al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Siracusa al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Sondrio al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Taranto al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Teramo al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Terni al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Torino al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Ogliastra al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Trapani al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Trento al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Treviso al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Trieste al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Udine al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Varese al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Venezia al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Verbano Cusio Ossola al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Vercelli al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Verona al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Vibo Valentia al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Vicenza al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Viterbo al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Abruzzo al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Basilica al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Calabria al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Campania al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Emilia Romagna al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Friuli Venezia Giulia al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Lazio al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Liguria al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Lombardia al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Molise al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Marche al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Piemonte al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Puglia al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Sardegna al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Sicilia al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Toscana al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Trentino Alto Adige al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Umbria al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Valle D-Aosta al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Veneto al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Milano al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Torino al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Napoli al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Palermo al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Bologna al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Firenze al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Venezia al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Genova al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Trento al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Trieste al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Pordenone al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Bari al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Pescara al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Verona al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Udine al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Perugia al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Cagliari al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS in tutta Italia al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Spagna al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Cina al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS in Svizzera al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS in Germania al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS in Francia al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS in Belgio al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS in Europa al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS in Australia al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS in Argentina al:339-27.29.722, Operatore Olistico GRATIS al:339-27.29.722, Pranoterapeuta GRATIS al:339-27.29.722, https://www.cartomanziagratissempre.it https://www.cartomanziagratissempre.it/home.html Consigli GRATIS al:339-27.29.722, Pareri GRATIS al:339-27.29.722, Telefono Amico GRATIS al:339-27.29.722, Rituali per l'amore GRATIS al:339-27.29.722, Rituali per l'anima gemella GRATIS al:339-27.29.722, Rituali per attrarre denaro GRATIS al:339-27.29.722, Legamenti coppie gay GRATIS al:339-27.29.722, Rituali di Protezione Universale GRATIS al:339-27.29.722, Cartomanzia Spirituale GRATIS al:339-27.29.722, Cartomanzia Cattolica GRATIS al:339-27.29.722, Cartomanzia di Luce GRATIS al:339-27.29.722, Cartomanzia Reale GRATIS al:339-27.29.722, Cartomanzia Vera GRATIS al:339-27.29.722., Tarocchi GRATIS Diego&Francesco al:339-27.29.722, Tarocchi GRATIS Diego&Alessandro al:339-27.29.722, Servizi Esoterici GRATIS al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS Diego&Princess al:339-27.29.722, Cartomanzia gratis amore al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia gratis carte napoletane al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia gratis Francesco al Telefono:339-27.29.722, Lettura carte gratis Zingara al Telefono:339-27.29.722, Lettura dei tarocchi gratis al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi consulto gratuito al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia gratis al telefono al Telefono:339-27.29.722, Lettura carte gratis sull'amore al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia gratis francesco al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia gratis amore zingara al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia gratis carte napoletane al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia gratis al telefono al Telefono:339-27.29.722, Lettura dei tarocchi gratis al Telefono:339-27.29.722, Lettura carte gratis al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi consulto gratuito al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi gratis topazio al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi gratis decani al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi gratis amore al Telefono:339-27.29.722, Lettura dei tarocchi gratis al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi gratis lavoro al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi gratis Francesco al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi consulto gratuito al Telefono:339-27.29.722, Lettura carte napoletane gratis al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi gratis Topazio al Telefono:339-27.29.722, tarocchi gratis Topazio al Telefono:339-27.29.722, Lettura delle carte gratis al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi gratis amore al Telefono:339-27.29.722, Lettura tarocchi gratis al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi consulto gratuito al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi gratis lavoro al Telefono:339-27.29.722, Lettura carte napoletane gratis al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi degli Angeli al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi antichi gratis al Telefono:339-27.29.722, Consulto tarocchi gratuito cartomanzia da nejma al Telefono:339-27.29.722, Consulto gratuito tarocchi amore al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi consulto gratuito al telefono al Telefono:339-27.29.722, Lettura carte Napoletane gratis al Telefono:339-27.29.722, Lettura delle carte gratis al Telefono:339-27.29.722, I tarocchi di Francesco al Telefono:339-27.29.722, Lettura carte gratis Zingara al Telefono:339-27.29.722, Cartomante gratis primo consulto al Telefono:339-27.29.722, Cartomante gratis prima domanda al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia telefonica primo consulto gratuito al Telefono:339-27.29.722, Cartomanti gratis al cellulare al Telefono:339-27.29.722, Numeri cartomanti gratis al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia gratis al telefono fisso al Telefono:339-27.29.722, Cartomanti primo consulto gratuito gratis al telefono 7 giorni su7 al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia gratis sensitivo consulto gratuito eccezionale al Telefono:339-27.29.722, Lettura carte napoletane gratis al Telefono:339-27.29.722, Lettura delle carte gratis al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi gratis lavoro al Telefono:339-27.29.722, Lettura carte gratis zingara al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi gratis amore al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi gratis topazio al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi consulto gratuito al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi degli angeli al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi amore gratis angeli al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi dell'amore predire al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi amore veri al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi gratis amore si o no al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia gratis amore ritorni al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi gratis amore carte napoletane al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi amore oggi al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi gratis amore infallibili al Telefono:339-27.29.722, Cartomante gratis primo consulto al Telefono:339-27.29.722, Cartomante gratis prima domanda al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia telefonica primo consulto gratuito al Telefono:339-27.29.722, Cartomanti gratis al cellulare al Telefono:339-27.29.722, Numeri cartomanti gratis al Telefono:339-27.29.722, Consulto cartomanzia 5 minuti gratis al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia gratis al telefono fisso al Telefono:339-27.29.722, Cartomanti primo consulto gratuito gratis al telefono 7 giorni su7 al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia di zoe al Telefono:339-27.29.722, Cartomanti dell'amore al Telefono:339-27.29.722, Cartomanti on line al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia professionale telefonica al Telefono:339-27.29.722, Cartomanti a basso costo al Telefono:339-27.29.722, Cartomanti al telefono al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia.net turni al Telefono:339-27.29.722, Cartomanti melissa al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi del ritorno della persona amata Tornerà da me tarocchi gratis al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi ritorno amore perduto al Telefono:339-27.29.722, Carte amore destino al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi amore veri gratis al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia gratis amore francesco al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi gratis amore veri egiziani al Telefono:339-27.29.722, Stesa per il ritorno al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia gratuita 24 ore su 24 al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia a basso costo da cellulari al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia consulti 24 ore al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia gratis 24 ore su 24 al Telefono:339-27.29.722, Chiamare cartomanti gratis al Telefono:339-27.29.722, Cartomanti gratis al telefono 24 ore su 24 al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia gratis da cellulare al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia 24h su 24 al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi consulti gratuiti al Telefono:339-27.29.722, Consulto esoterico gratuito al Telefono:339-27.29.722, Consulti gratuiti in chat al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi in diretta gratis al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia in chat gratuita e immediata al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia online gratis carte napoletane al Telefono:339-27.29.722, Cartomante online gratis francesco al Telefono:339-27.29.722, Stella cartomante palermo al Telefono:339-27.29.722, Oracolo dell'amore GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Oracolo della sibilla GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Oracolo delle rune GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Oracolo gratis GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Oracolo si e no GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Oracolo angeli GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Oracolo imperatrice GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Oracolo dell'amore mi richiamerà GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia chat gratuita e immediata GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Vera cartomante chat GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi in diretta gratis GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi consulti gratuiti GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi on line chat xat GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Consulto esoterico gratuito GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi online tagboard GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Cartomante online gratis francesco GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Cartomante veggente sensitiva gratis online GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Consulto veggente gratuito GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Consulti sensitivi gratis GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Chiaroveggenza amore GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Zoradamus chiaroveggenza sua veggenza gratuita GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Chiaroveggenza consulto gratis online GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Veggenti gratis al telefono GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Prima veggenza gratuita GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Veggenza gratis via email GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Chiaroveggenza consulto gratis GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Veggenza gratuita immediata GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Consulti sensitivi gratis GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Veggenti gratis al telefono GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Zoradamus chiaroveggenza sua veggenza gratuita GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Veggenti gratis via email GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Potente sensitiva gratis una domanda GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Sensitiva prima domanda gratis GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Sensitiva gratis via email GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Sensitiva gratis online GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia via email gratis GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Cartomante domanda conoscitiva gratuita GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Sensitiva luce GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Cartomante sensitiva Celeste GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Sensitiva esoterica GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Sensitivi veri gratis GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Medium sensitivi gratis GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Sensitiva veramente brava GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Sensitivi veri a Milano GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Vera sensitiva gratis GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Sensitivi famosi Milano GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Medium simonetta recensioni GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Mira sensitiva GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Sensitivi veri a Milano GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Cerco sensitiva seria GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Medium a Milano GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Sensitivi a Milano GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Vera sensitiva gratis GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Sensitivi Italiani famosi GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Sensitiva Maria Monica GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Esistono i veri sensitivi GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Magia legamenti d'amore GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Riti d'amore GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Legamenti d'amore indissolubili GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Legamento d'amore potentissimo GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Legamenti d'amore potenti fai da te GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Legamento amore eterno GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Veri legamenti d amore GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Incantesimi d'amore potenti gratis GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Legamenti d'amore potenti fai da te GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Riti d'amore gratis GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Legamenti d'amore indissolubili GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Legamento amore eterno GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Magia legamenti d'amore gratis GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Legamento d'amore potentissimo GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Veri legamenti d amore GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Legamenti d'amore fai da te riusciti GRATIS al Telefono:339-27.29.722,

CITAZIONE FRASE AFORISMA DEL GIORNO










pixel CITAZIONE FRASE AFORISMA DEL GIORNO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

1) “Gli uomini discutono, la natura agisce …” (Voltaire)

2) “Io così, non per teoria ma per esperienza, che può vivere infinitamente meglio con pochissimi soldi e un sacco di tempo libero, che non con più soldi e meno tempo. Il tempo non è moneta, ma è quasi tutto il resto … “(Ezra Weston Loomis Pound)

3) “Congratulazioni: esprimere con garbo la propria invidia …” (Ambrogio Gwinnett Bierce)

4) “E purtroppo destino ineluttabile che il tempo distrugga ogni cosa nel suo fluire perenne …” (Ugo Foscolo)

5) “È più difficile comprendere le opere della natura che il libro di un poeta” (Leonardo da Vinci)

6) “La felicità più grande non sta nel non cadere mai, ma nel risollevarsi sempre dopo una caduta” (Confucio)

7) “La solitudine crea persone di ingegno o idioti” (Victor Hugo)

8) “Il guerriero che crede nel suo cammino, non ha bisogno di dimostrare che quello degli altri è sbagliato” (Paulo Coelho)

9) L’uomo superiore comprende ciò che è giusto, l’uomo inferiore quello che vede … (Confucio)

10) Potrete ingannare tutti per un po ‘; Potrai ingannare qualcuno per sempre; Ma non puoi ingannare tutti per sempre … (Abramo Lincoln)

11) “Le anatre depongono le loro uova in silenzio Le galline invece schiamazzano sono impazzite Qual è la conseguenza Tutto il mondo mangia uova di gallina …” (Henry Ford)

12) “La critica è una spazzola che non si può usare sulle stoffe leggere, dove portare via tutto …” (Honoré de Balzac)

13) “Quanto più ci innalziamo, tanto più piccoli sembrano quelli che non possono volare …” (Friedrich Wilhelm Nietzsche)

14) Le donne ricordano solo gli uomini che le hanno fatto ridere. Gli uomini delle donne che hanno fatto morire … (Henri François Joseph de Régnier)

15) Tutto arriva un chi sà aspettare … (Confucio)

16) “sei diventato qualcuno quando ti accorgi che non vorresti essere ness’altro …” (Henry Ford)

17) “Un bambino può imparare sempre tre cose ad un adulto:
1. Un essere contento senza motivo …
2. Un essere sempre occupato con qualche cosa …
3. A pretendere con ogni sua forza quello che vuoi … ”
(Paulo Coelho)

18) “A volte è meglio tacere e sembrare stupidi che apriscano la bocca e toglie ogni dubbio …” (Oscar Wilde)

19) “Ti criticheranno sempre, parleranno male di te e sarà difficile che incontri qualcuno a cui tu possa piacere come sei! Vivete, fai quello che dice il tuo cuore, la vita è come una teatro ma non ha iniziali prove: senti, balla , ridi e vivi intensamente ogni giorno della tua vita prima che l’opera finisca priva di applausi … ”
(Charlie Chaplin)

20) “La vita è breve: Perdona in fretta, bacia lentamente, ama davvero, ridi sempre di gusto e non pentirti mai di qualsiasi cosa ti abbia fatto sorridere o piangere …”
(Sergio Bambarén)

21) “L’ignoranza è la notte della mente, ma una notte senza luna né stelle …” (Confucio)

22) “Tutto torna …” (Pirandello)

23) “Non abbiamo scelto di vivere
eppure dobiamo imparare a vivere
come si impara un lavoro
perché esistere è una cosa, vivere è un’arte …”
(Enzo Bianchi)

24) “La vita è un vaso invisibile e tu sei ciò che vi getti dentro.”
(Fabrizio Caramagna) “La gettata, l’empatia e il amore e la traboccherà serenità”

25) “La vita è troppo breve per sprecarla a realizzare i sogni degli altri …”
(Oscar Wilde)

26) “I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perché …”
(Mark Twain)

27) “Vivere è la cosa più rara al mondo. La maggior parte delle persone esiste, ecco tutto …”
(Oscar Wilde)

28) “È importante aggiungere più vita agli anni, non più anni alla vita …”
(Anonimo)

29) “La vita è un’enorme tela: rovescia su di essa tutti i colori che puoi …”
(Danny Kaye) 

30) “Dai un ogni giorno la possibilità di essere la più bella della tua vita …”
(Mark Twain)

31)   La vita non si misura attraverso il numero di respiri che facciamo, ma attraverso i momenti che ci lasciano senza respiro…”
(Maya Angelou)

32)   “La vita è come un’eco: se non ti piace quello che ti rimanda, devi cambiare il messaggio che invii…”
(James Joyce)

33)    “La vita è breve. Perdona in fretta, bacia lentamente, ama davvero, ridi sempre di gusto e non pentirti mai di qualsiasi cosa ti abbia fatto sorridere, oppure piangere…”
(Sergio Bambarén)

34)   “Gli Italiani vogliono la rivoluzione, ma preferiscono fare le barricate
con i mobili degli altri…” (Ennio Flaiano).

35)    “La patria, l’onore e la libertà non sono niente. L’universo intero gira intorno a un paio di… chiappe..” (Jean Paul Sartre).

36)   “Siate sereni perché tutta la storia dell’uomo si basa su falsità, inganni, traditori e complotti…” (Anonimo).

37)   “La vita è questa… Nulla è facile… Niente è impossibile…” (Anonimo)

38)   “C’è chi l’amore lo fa per noia
chi se lo sceglie per professione
bocca di rosa né l’uno né l’altro
lei lo faceva per passione…” (Fabrizio De André)
(Bocca di rosa)

39)    “Bisogna imparare a stare soli, solo così si può imparare a stare con gli altri, altrimenti ci stai perché ne hai bisogno.
Bisogna fare a scuola un’ora di insegnamento alla solitudine, imparare a bastarsi…” (Vasco Rossi)

40)   “Io accetto, ho sempre accettato più che il rischio […] le conseguenze del lavoro che faccio, del luogo dove lo faccio e, vorrei dire, anche di come lo faccio. Lo accetto perché ho scelto, ad un certo punto della mia vita, di farlo e potrei dire che sapevo fin dall’inizio che dovevo correre questi pericoli. La sensazione di essere un sopravvissuto e di trovarmi, come viene ritenuto, in estremo pericolo, è una sensazione che non si disgiunge dal fatto che io credo ancora profondamente nel lavoro che faccio, so che è necessario che lo faccia, so che è necessario che lo facciano tanti altri assieme a me. E so anche che tutti noi abbiamo il dovere morale di continuarlo a fare senza lasciarci condizionare dalla sensazione che, o financo, vorrei dire, dalla certezza, che tutto questo può costarci caro…” (Paolo Borsellino).

41)    “Se non puoi, devi. E se devi, puoi…” (Anthony Robbins)

42)   “Ogni male ha la sua compensazione. Meno è il denaro, meno i problemi; meno i favori, minore è l’invidia. Perfino in quei casi che ci fanno uscir di senno, non è la perdita in se stessa che ci angustia, bensì la nostra valutazione della perdita…” (Seneca)

43)   “Un singolo evento è sufficiente a invalidare un convincimento frutto di un’esperienza millenaria. Ci ripetono che il futuro è prevedibile e i rischi controllabili, ma la storia non striscia, salta. I cigni neri sono eventi rari, di grandissimo impatto e prevedibili solo a posteriori. Sono all’origine di quasi ogni cosa, e spesso sono causati ed esasperati proprio dal loro essere imprevisti. Se il rischio di un attentato con voli di linea fosse stato concepibile il 10 settembre, le torri gemelle sarebbero ancora al loro posto. Se i modelli matematici fossero applicabili agli investimenti, non assisteremmo alle crisi degli hedge funds…”
(Nassim Nicholas Taleb)

44)    “Questa democrazia l’abbiamo conquistata col sangue e la galera. Non possiamo correre il rischio di perdere la libertà per colpa di chi la usa per rubare.” (Sandro Pertini)

45)    “Gesù ha dato le armi, le ha date anche a noi, per vincerlo. Il demonio può ancora tentarci, tutti possiamo essere tentati, come dimostra la preghiera contro il maligno che Gesù stesso ci ha insegnato, nel Padre nostro…” (libro L’ultimo esorcista: La mia battaglia contro Satana)  (Padre Gabriele Amorth)

46)   “La preghiera è la migliore arma che abbiamo; è una chiave che apre il cuore di Dio. Devi parlare a Gesù anche col cuore, oltre che col labbro; anzi, in certi contingenti, devi parlargli soltanto col cuore…” (San Padre Pio)

47)   “Non è importante che pensiamo le stesse cose, che immaginiamo e speriamo lo stesso identico destino, ma è invece straordinariamente importante che, ferma la fede di ciascuno nel proprio originale contributo per la salvezza dell’uomo e del mondo, tutti abbiano il proprio libero respiro, tutti il proprio spazio intangibile nel quale vivere la propria esperienza di rinnovamento e di verità, tutti collegati l’uno all’altro nella comune accettazione di essenziali ragioni di libertà, di rispetto e di dialogo…” (Aldo Moro)

48)    “Moro vivo non serve più a nessuno…” (Giulio Andreotti)

49)   “Naturalmente non posso non sottolineare la cattiveria di tutti i democristiani che mi hanno voluto nolente ad una carica, che, se necessaria al Partito, doveva essermi salvata accettando anche lo scambio dei prigionieri. Son convinto che sarebbe stata la cosa più saggia. Resta, pur in questo momento supremo, la mia profonda amarezza personale. Non si è trovato nessuno che si dissociasse? Bisognerebbe dire a Giovanni che significa attività politica. Nessuno si è pentito di avermi spinto a questo passo che io chiaramente non volevo? E Zaccagnini? Come può rimanere tranquillo al suo posto? E Cossiga che non ha saputo immaginare nessuna difesa? Il mio sangue ricadrà su di loro…“ (Aldo Moro)

50)   “Amor che nella mente mi ragiona”
cominciò egli a dir si dolcemente
che la dolcezza ancor dentro mi suona…” (Dante Alighieri)

51)   “Studia il passato se vuoi prevedere il futuro…”
(Confucio)

52)    “Wikipedia ha anche un’altra proprietà: chiunque può correggere una voce che ritiene sbagliata. Ho fatto la prova per la voce che mi riguarda: conteneva un dato biografico impreciso, l’ho corretto e da allora la voce non contiene più quell’errore. […] La cosa non mi tranquillizza per nulla. Chiunque potrebbe domani intervenire ancora su questa voce e attribuirmi (per gusto della beffa, per cattiveria, per stupidità) il contrario di quello che ho detto o fatto…” (Umberto Eco)

53)   “L’uomo coltiva la propria infelicità per avere il gusto di combatterla a piccole dosi. Essere sempre infelici, ma non troppo, è condizione ‘sine qua non’ di piccole e intermittenti felicità…”  (Eugenio Montale)

54)  “Grazie per il tempo pieno, grazie per la te più vera, grazie per i denti stretti, i difetti, per le botte d’allegria, per la nostra fantasia…” (Luciano Ligabue) (da L’amore conta)

 55)  “In Italia sembra che i rom siano sempre colpevoli di tutto. E la cosa più imperdonabile è l’ascesa di Matteo Salvini, spiegatemi voi perchè se un italiano va all’estero è un cervello in fuga, mentre se un ragazzo viene da noi è un negro che ci ruba il lavoro e questo anche se ha due lauree…” (J-Ax)
56)     “Chi vorrà essere felice con me e per me sarà ben accetto, chi non ne avrà voglia può allegramente fottersi…” (libro L’amore è una cosa semplice) (Tiziano Ferro)
57)     “Quando io ero piccolo, in tv davano Happy Days: il protagonista era un tipo chiamato Fonzie, lavorava in un’officina, si faceva un gran culo, era il tipo di ragazzo che piaceva alle ragazze. Oggi in tv trasmettono Uomini e Donne, un programma dove il protagonista sta seduto su un trono senza saper fare un cazzo, vestito firmato e con più trucco in viso di una donna. Se un ragazzino di oggi viene in studio a registrare una canzone, si presenta tutto firmato e conciato come un tronista, quindi probabilmente senza saper fare un cazzo, e appena mi vede domanda: «Ma tu come fai ad avere successo?». Io rispondo: «coglione, io guardavo Happy Days…” (Fabri Fibra)
58)   “Appocundria me scoppia ogne minuto ‘mpietto, pecchè passanno forte haje scuncecato ‘o lietto. Appocundria ‘e chi è sazio e dce ca è diuno… Appocundria ‘e nisciuno…” (da Appocundria, 1980) (Pino Daniele)
59)    “L’amore è come la marea: quando si ritira lascia solo detriti…” (Claudio Baglioni)
60)     “Nonostante tutte le perdite e le privazioni che ho subito, io amo ardentemente la vita, amo la vita per la vita e, davvero, è come se tuttora io mi accingessi in ogni istante a dar inizio alla mia vita [… ] e non riesco tuttora assolutamente a discernere se io mi stia avvicinando a terminare la mia vita o se sia appena sul punto di cominciarla: ecco il tratto fondamentale del mio carattere; ed anche, forse, della realtà…” (Fëdor Dostoevskij)
61)    “Ama e ridi se amor risponde  piangi forte se nown ti sente dai diamanti non nasce niente dal letame nascono i fior…” (da Via del Campo) (Fabrizio De André)
62)    “Chi segue Cristo, riceve la vera pace, quella che solo Lui, e non il mondo, ci può dare. San Francesco viene associato da molti alla pace, ed è giusto, ma pochi vanno in profondità. Qual è la pace che Francesco ha accolto e vissuto e ci trasmette? Quella di Cristo, passata attraverso l’amore più grande, quello della Croce. È la pace che Gesù Risorto donò ai discepoli quando apparve in mezzo a loro. La pace francescana non è un sentimento sdolcinato. Per favore: questo san Francesco non esiste! E neppure è una specie di armonia panteistica con le energie del cosmo… Anche questo non è francescano! Anche questo non è francescano, ma è un’idea che alcuni hanno costruito! La pace di san Francesco è quella di Cristo, e la trova chi “prende su di sé” il suo “giogo”, cioè il suo comandamento: Amatevi gli uni gli altri come io vi ho amato. E questo giogo non si può portare con arroganza, con presunzione, con superbia, ma solo si può portare con mitezza e umiltà di cuore…” (Papa Francesco)
63)    ”  Sono assuefatto dal dolore, dallo stress, dal dramma, sto annegando nella merda, credo di essere un guaio, maledetto e benedetto, ma questa volta non cambio idea…” (Eminem)
64)    “Ciò che avviene, non avviene tanto perché alcuni vogliono che avvenga, quanto perché la massa degli uomini abdica alla sua volontà, lascia fare, lascia aggruppare i nodi che poi solo la spada potrà tagliare, lascia promulgare le leggi che poi solo la rivolta farà abrogare, lascia salire al potere gli uomini che poi solo un ammutinamento potrà rovesciare…” (libro Odio gli indifferenti) (Antonio Gramsci)
65)    “Non c’è coppia perfetta perché nessuno è perfetto da solo | * l’attrazione non è sempre amore come dicono | due calamite uguali a volte si respingono | e a volte vincono gli errori, se servono a imparare…” (da Parole di ghiaccio, n.° 3) (Emis Killa)
66)    “Ma se so già che è un errore, perché lo dovrei fare?” “L’errore in sé conta poco, conta come diventiamo dopo quell’errore, come incide su di noi, come ci rende. Magari ti migliora. Chi può dirlo? dai Elena, per una volta nella vita fai una cosa anche se non ha senso!” “A cosa può servire una cosa che so già che non ha senso?” “Non è che nella vita si fanno le cose solo se servono a qualcosa. È un gioco… ma tu quando giocavi da bambina avevi bisogno di sapere a cosa serviva…?“ (Fabio Volo)
67)    “Ma se un bivio un dì | ci aspettasse per dividerci così | che restassimo da soli | tu già sai che vivrei per aspettarti | io ti proteggerei lo sai | con il vento piano ti accarezzerei | con il primo raggio io ti sveglierei | ed io spero di saperti | lì con qualcuno, che possa amarti…” (da Quello che non ti ho detto mai, n.° 4) (Adriano Celentano)
68)    “Non mi fido molto delle statistiche, perché un uomo con la testa nel forno acceso e i piedi nel congelatore statisticamente ha una temperatura media…” (Charles Bukowski)
69)    “Sei addosso, sei l’inchiostro, il peccato senza il rimorso. Ubriaco con un sorso, tutto è scritto.. sul tuo corpo. In testa ho troppi viaggi, mi perdo dei passaggi, mi perdo sulla tua pelle tra i tuoi mille tatuaggi.. Sul petto hai delle rondini, penso alla vita mia, le guardo e sogno di volare via da sti disordini…” (da Indelebile) (Gue Pequeno)
70)    “Un codardo muore un migliaio di volte. Un soldato muore, ma una sola volta…” (Tupac Shakur)
71)    “Non sono mai stato un grande studente. Pur essendo diplomato ed essendo andato alla scuola pubblica per ben 7 anni non è che ho imparato granché. Qualcosa ho letto, qualcosa mi ha ispirato sicuramente. In realtà prendo molto ispirazione dalla vita vera, anche se poi ho un modo di spiegare le cose un po’ particolare, come dicevo prima. Non mi sento di citare nessun autore specifico, anche se forse dal Cinema qualcosa mi ha ispirato…” (Noyz Narcos)
72)     “Ci sono molte squadre, in ogni sport, che hanno grandi giocatori ma non vincono mai titoli. La maggior parte delle volte quei giocatori non sono disposti a sacrificarsi per il bene della squadra. La cosa divertente è che, alla fine, la scarsa disponibilità al sacrificio rende più difficile raggiungere gli obiettivi personali. È mia convinzione profonda che se si pensa e si ha successo come una squadra, i riconoscimenti individuali verranno da sé. Il talento fa vincere le partite, l’intelligenza e il lavoro di squadra fanno vincere un campionato…” (Michael Jordan)
73)      “Anche se mi ero fatto per la prima volta proprio in quelle settimane avevo dichiarato che era “qualcosa che avrei fatto per il resto della mia vita!”. E avrei fatto praticamente di tutto per assicurarmi il rifornimento di quell’erba meravigliosa…” (Kurt Cobain)
74)    “Vale la pena vivere solo per le cose per le quali vale la pena anche morire…” (Jovanotti)
75)       “Sono affascinato dal dubbio. La certezza, il pregiudizio non fanno per me. Il bello è che il famoso beneficio del dubbio esiste: coltivo il dubbio ed è più rilassante della marijuana…” (Caparezza)
76)     “Il più grande distruttore di pace nel mondo è l’aborto. Se una madre può uccidere il proprio figlio nella culla del suo grembo, chi potrà fermare me e te dall’ucciderci reciprocamente…?” (Madre Teresa di Calcutta)
77)     “Forse sto sbagliando, forse dovrei soltanto mollare e non viaggiare con questo male a fianco, troppo rimpianto e mi sento tutta Milano addosso e ancora cerco di essere il miglior essere umano che posso…” (Mondo Marcio)
78)     “Andate dunque e ammaestrate tutte le nazioni, battezzandole nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito santo, insegnando loro ad osservare tutto ciò che vi ho comandato. Ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo…” (Gesù)
79)      Ho sempre pensato che l’amore ci rendesse stupidi. Che ci rendesse deboli. Pessimi Cacciatori. Amare è distruggere. Ci credevo. [… ] Una volta pensavo che essere un buon guerriero significasse non voler bene a niente e a nessuno. [… ] E poi ho incontrato te. Tu eri una mondana. Eri debole. Non eri una Cacciatrice. Non avevi mai fatto l’addestramento. Ma ho visto quanto amavi tua madre, quanto amavi Simon… Ho visto che eri pronta ad andare all’inferno per salvarli. [… ] L’amore non ti rendeva più debole: ti rendeva più forte di chiunque io avessi mai conosciuto. E mi sono reso conto di essere io quello debole. [… ] E adesso ti sto guardando. E tu mi chiedi se ti voglio ancora, come se io potessi smettere di amarti. Come se potessi essere disposto ad abbandonare la cosa che più di ogni altra mi rende forte. Non ho mai osato dare tanto di me a nessuno, prima d’ora. Poche briciole ai Lightwood, a Isabelle e ad Alec, e mi ci sono voluti anni… Ma, Clary, dalla prima volta che ti ho vista, io ti sono appartenuto completamente. Ed è ancora così. Se tu mi vuoi…” (Cassandra Clare)
80)     “Al di là delle montagne, dei fiumi, dei mari restiamo ciò che siamo semplicemente esseri umani, semplicemente qualcosa di stupendo, qualcosa di orrendo, qualcosa che a volte non comprendo…” (Nesli)
81)      “Perché?- ripeté Naoko guardando fisso la terra ai suoi piedi. -A capire che se uno si rilassa si sente più leggero ci arrivo anch’io. Ma non capisci quanto è assurdo dirmi una cosa del genere? E sai perché? Se io provassi a rilassarmi, andrei a pezzi. Ho sempre vissuto così, da tanto tanto tempo, e anche adesso è l’unico modo in cui posso vivere. Se una sola volta mi lasciassi andare, non potrei più tornare indietro. E se andassi a pezzi, il vento mi spazzerebbe via. Perché non lo capisci? Come pensi di potermi aiutare se non riesci a capire questo…?” (Haruki Murakami) 
82)     “Se si prega per qualcuno, gli si manda un po’ della propria forza…” (Etty Hillesum)
83)     “Una volta un tale m’ha detto: «E io le dico che, se lei fa questo, la Germania va a rotoli nel giro di 6 settimane». Ed io: «Che cosa intende dire?». «Dico che la Germania va a carte quarantotto». E io: «Vuol spiegarsi meglio?» «La Germania cessa di esistere». Io allora ho replicato: «Il popolo tedesco a suo tempo è sopravvissuto alle guerre con i romani. Il popolo tedesco è sopravvissuto all’emigrazione dei popoli. Poi, il popolo tedesco è sopravvissuto alle grandi lotte del primo e del tardo medioevo. Il popolo tedesco è sopravvissuto anche alle lotte religiose del periodo successivo. Il popolo tedesco è sopravvissuto quindi alla guerra dei trent’anni. E dopo, il popolo tedesco è sopravvissuto alle invasioni napoleoniche, alle guerre di liberazione, persino ad una guerra mondiale, persino ad una rivoluzione – e sopravvivrà anche a me…” (Adolf Hitler)
84)     “Mio padre non c’era e mia madre, ogni volta che le cose si mettevano male, accendeva la radio e ci mettevamo a cantare e saltare come se facessimo le prove di un’opera lirica. Anche quando abbiamo vissuto per due anni nella stanzetta di un bed and breakfast a Londra sopravvivevamo grazie alle nostre fantasie. Così funziona la testa di chi si sposta spesso. Crea un mondo che si porta con sé a ogni viaggio…” (Mika)
85)     “…so però che stare nel Barcellona ha fatto la mia fortuna, perché qui ci sono grandissimi calciatori. Il Barça mi ha fatto vincere tutto, titoli e premi individuali, e questa squadra è già entrata nella storia per tutto ciò che ha vinto. Una cosa è certa, nel Barcellona e nell’Argentina: è la squadra che mi rende grande, senza l’aiuto dei miei compagni non farei niente, e non avrei vinto nulla…” (Lionel Messi)
86)      …Il talento cresce, migliora, va protetto e non invecchia. Maradona lo avrà per sempre: se tirasse una punizione, anche a ottant’anni metterà la palla all’incrocio. Siamo noi a invecchiare, il nostro corpo, non la classe. Il talento è pulizia del movimento, è il concetto zen per cui il miglior tiro con l’arco sorprende per primo il tiratore. Il talento è animale, non razionale. Il colpo giusto, quello che manderà la palla in gol, lo senti dentro di te appena l’hai scoccato: se si potesse fare un fermo immagine di una mia punizione, saprei dire con esattezza dove andrà a finire la palla. È come per il surfista, quando entra nel punto migliore dell’onda: ce ne sono altri, ma soltanto uno è quello giusto, il punto perfetto…” (Alessandro Del Piero)
87)     “Voglio sentirmi libero da questa onda… Libero dalla convinzione che la terra è tonda… Libero libero davvero non per fare il duro… Libero libero dalla paura del futuro… Libero perché ognuno è libero di andare… Libero da una storia che è finita male… E da uomo libero ricominciare… Perché la libertà è sacra come il pane… È sacra come il pane…” (Fabrizio Moro)
88)     “Il giorno cammina ancora sulle tegole del cielo e sembra non sedersi mai… (Claudio Baglioni)
89)     “L’Inter è sempre sola nel senso di solitaria, staccata da tutto il resto, al confine; è sola nel senso di unica, nel modo di pensare, di agire e di rapportarsi con il mondo. Non mi stancherò mai di ripeterlo, a costo di sembrare banale: l’Inter è una creatura diversa rispetto a tutte le altre squadre. Nel nostro DNA c’è una piccola dose, o forse qualcosa di più, di sana, lucida follia; l’Inter è genio e sregolatezza, l’Inter è sofferenza, l’Inter è dolore, l’Inter è estasi. Dall’Inter ci si può aspettare tutto e il contrario di tutto. Vittorie impossibili e tonfi clamorosi, partite della vita e passaggi a vuoto inimmaginamili. È così, storicamente…” (Javier Zanetti)
90)     “Mi sono reso conto che fare l’ermetico crea meno problemi, mentre invece parlare un linguaggio più semplice ti espone a maggiori possibilità di esser giudicato. Infatti più gente ti capisce e più hai potenziali giudici di ciò che fai. Ma questo mi è sembrato un rischio che vale la pena di correre: l’ermetico dorme sonni tranquilli, ha come unico giudice sé stesso visto che non è capito da nessuno…” (Lucio Battisti)
91)     “È una marmellata ottima», disse la regina.
«Tanto oggi non ne voglio.»
«Anche se tu ne avessi voluta, non avresti potuto averne», ribatté la regina. «La regola è marmellata domani e marmellata ieri, ma non marmellata oggi.
«Ma prima o poi ci potrà essere marmellata oggi!», obiettò Alice.
«No.» replicò la Regina. «La marmellata c’è negli altri giorni; e oggi non è un altro giorno, come dovresti sapere.»
«Non vi capisco» disse Alice. «È spaventosamente confuso…” (Lewis Carroll)
92)     „Siate, Cristiani, a muovervi più gravi: | non siate come penna ad ogne vento, | e non crediate ch’ogne acqua vi lavi. | Avete il novo e ‘l vecchio Testamento, | e ‘l pastor de la Chiesa che vi guida; | questo vi basti a vostro salvamento. | Se mala cupidigia altro vi grida, | uomini siate, e non pecore matte, | sì che ‘l Giudeo di voi tra voi non rida! (Beatrice: V, 73-81)“ (Dante Alighieri)
93)     “Così come si provocano o si esagerano i dolori dando loro importanza nello stesso modo questi scompaiono quando se ne distoglie l’attenzione…” (Sigmund Freud)
94)     “Lo sport insegna che per la vittoria non basta il talento, ci vuole il lavoro e il sacrificio quotidiano. Nello sport come nella vita…” (Pietro Mennea)
95)     “Io sono una femminista. E rifiuto con tutto il cuore, il modo in cui ci insegnano a percepire le donne. La bellezza delle donne, come una donna dovrebbe agire o comportarsi. Le donne sono forti e fragili. Le donne sono belle e brutte. Siamo pacate e forti, tutto in una volta. C’è un controllo della nostra mente sul modo in cui ci viene insegnato a guardarle. Il mio lavoro, sia visivamente che musicalmente, è un rifiuto di tutte queste cose. E soprattutto è una ricerca…” (Lady Gaga)
96)     “Credete in voi stessi, guardate ai grandi per diventare ancora più grandi, e siate scienziati: Sezionate. Non vi arrendete neanche se il mondo vi ostacola, vi deride e dice che non ce la farete. Credete in voi stessi nonostante tutto. A molti dei più grandi uomini che hanno lasciato un segno nella storia hanno riserbato un simile trattamento: Non ce la farai; Non otterrai nulla; Non arriverai da nessuna parte. Hanno deriso i fratelli Wright, Thomas Edison, Walt Disney. Si sono fatti beffe di Henry Ford poiché abbandonò gli studi senza ottenere una laurea, così lo trascinarono in tribunale per verificare la sua intelligenza… Ecco cosa sono arrivati a fare… Ma tutti questi uomini hanno plasmato e cambiato la nostra cultura, il nostro costume, il nostro modo di vivere. (da un’ intervista) (Michael Jackson)
97)     “La fede in Dio mi aiuta a credere nei miei sogni, specie nei momenti più difficili…” (Carolina Kostner)
98)     “Ho molto da imparare e tanti anni davanti a me per farmi un nome e per vincere un titolo. Non devo aver fretta. Sento che attorno a me si è creata molta attenzione, mi piace, mi stimola, quando faccio un bel numero e la gente si esalta è bello. Ma so bene che senza i compagni, il coach e l’organizzazione non sarei nessuno. Devo mantenermi coi piedi a terra. Trarre vantaggio dal fatto che ogni sera affronto i migliori al mondo, rubare qualcosa a ciascuno di loro. Giocare a basket mi fa sentire bene, non credo che mi monterò la testa… (LeBron James)
99)     “La mia etichetta non voleva che mi facessi questo look. Ma tagliandomi i capelli mi sono affermata come artista. Non mi interessa se piace o meno – questa sono io e basta…” (citato in Allure magazine, gennaio 2008) (Rihanna)”
100)     “Alza la fronte e non porre limiti alla tua ambizione: i limiti sono fatti per essere superati attraverso passione e capacità. Non è vero che nella vita bisogna accettarsi, piuttosto è fondamentale sapere che ti puoi migliorare, qualsiasi sia la stagione che stai attraversando…” (Paolo Crepet)
101)     “Predica il messaggio di Jah Rastafari unico signore supremo re della Terra, imperatore dei giusti leone conquistatore della tribù di Giuda, nemico eternò dell’iniquita, JAH!, l’alfa e l’omega, rastafari… (da Grande Metropoli, n.° 15)“ (Babaman)
102)     “L’ho visto volare leggero come un angelo, quando aveva la faccia da putto. L’ho visto inventare un tiro che è diventato solo il suo e lanciarsi tra i grandi ancora ragazzo. L’ho visto segnare con la sua squadra soprattutto nelle partite che contavano, negli scontri diretti, nelle finali in giro per il mondo.
L’ho visto arrabbiarsi e digrignare i denti se c’era un principio da difendere e chinare la testa se il suo bene non era quello dei compagni. L’ho visto lottare contro gli egoismi, anche contro i suoi, perché crescendo ha capito cosa voglia dire il gruppo. L’ho visto parlare di valori e comportarsi di conseguenza.
L’ho visto inciampare e poi cadere. L’ho seguito mentre si rialzava a fatica. L’ho visto lottare contro allenatori e mal di pancia nervosi. L’ho visto amare la maglia azzurra e non riuscire a farlo capire. Poi l’ho visto portarci a Berlino.
L’ho visto capire che le cose cambiano, modificare il gioco, segnare 11 gol di seguito su rigore se il rigore poteva essere il massimo da dare alla squadra in quel momento. L’ho visto adattarsi dove non voleva, sacrificarsi facendolo ricordare. L’ho visto umile e l’ho visto presuntuoso. L’ho visto soffrire quando ha sbagliato. L’ho visto uscire in smoking bianco, immacolato, da una discarica.
Non l’ho visto mollare, mai. Non ho mai letto di lui sui giornali degli scandali. Ieri sera l’ho guardato mentre si sedeva in panchina, con il broncio di chi vuole giocare. L’ho visto applaudire i compagni per i gol che segnavano, esultare per la squadra. L’ho visto entrare in campo senza riscaldamento, lui che non è più un ragazzino. L’ho visto strillare al ragazzo che parlava troppo, perché ci vuole rispetto. L’ho visto segnare una punizione da artista e un rigore da ragioniere. Sono contento di aver visto Alex Del Piero fare tutte queste cose. Alex Del Piero è un bell’esempio per i miei figli…” (Fabio Caressa)
103)     “Il cancro e l’AIDS sono bestie educate: mangiano una ben misera razione di carne rispetto a quella che hai mangiato tu e non ti lasciano solo come tu tenti di fare con loro…” (Fabrizio De Andrè)
104)     “La mia identità è in divenire perenne. Non ho un’identità da proteggere, ho un’identità da realizzare, un’identità che avanza, che cresce, che evolve. La mia identità di oggi non è più quella di ieri. Chi sono io? Sono le mie idee che ho cambiato, le emozioni che ho avuto, belle o brutte, sono la mia volontà. La mia identità è il comporsi di tutte queste cose, per cui sono braccia che si stendono, non sono radici immobili…” (Ermes Ronchi)
105)     “Mezzo pieno o mezzo vuoto questo è il solo ed unico bicchiere che abbiamo se si stava meglio quando si stava peggio non lo so però io vivo adesso [… ] Scorrono le immagini e non riesco più a capire se è la realtà…” (da Mezzo pieno mezzo vuoto) (Max Pezzali)
106)     “Un grande ideale dà sempre la forza di dominare il proprio corpo, di soffrire la fatica, la fame, il freddo. Che importano le notti bianche, il lavoro opprimente, gli affanni o la povertà! L’essenziale è avere in fondo al proprio cuore una grande forza che rianima e spinge avanti, che rinsalda i nervi, che fa pulsare a forti battiti il sangue stanco, che infonde negli occhi il fuoco ardente e conquistatore. Allora più nulla dà sofferenza, il dolore stesso diviene gioia perché esso è un mezzo di più per elevare il suo dono, per purificare il suo sacrificio…” (Léon Degrelle)
107)     “Grazie per questo rumore di passi intorno a me per queste nuove certezze per quel che fai per come sei. Darei di più di tutto quel che ho per abbracciarti ancora un altro po’ ti vorrei stringere il respiro su di me su di me Darei di più di tutto quel che ho per tutto il bello che nemmeno so di te…” (da Darei di più di tutto quel che ho) (Nek)
108)     “Tu vola alto amico caro, pure per chi non ce la fa, per chi di un sogno è prigioniero, per chi rinuncerà. Pensa in grande e fallo ancora tu cavalca quell’ideaa; suda, incazzati e poi prega e quando puoi tu scappa via che soffrire di coraggio è la più bella malattia! Vola alto…!” (da Vola alto) (Renato Zero)
109)     “È difficile da descrivere. Ti senti improvvisamente pieno di fiducia in te stesso, ti senti forte sulle gambe, con una buona visione del canestro e inizi a segnare. Dopo un po’ ti convinci che qualsiasi tiro sia destinato al canestro. Anche quelli che sbagli…” (Kobe Bryant)
110)     “L’amore, se posso dire come la penso, è una malattia della dignità. Agisce per picchi e inabissamenti. Compra e vende. La riconosci subito. Ha dei sintomi, – come dire, – dei sintomi che non ti sbagli. Intanto, ti fa sentire un eletto. Ti manda in giro a osservare la gente per compatirla. Sotto sotto, lascia passare l’idea che non siamo tutti uguali. Non è vero che quando sei innamorato il mondo ti sembra più bello. È solo che lo tratti dall’alto in basso. Guardi la gente che passa e pensi: «Poveracci, vedi come vanno avanti e indietro nelle loro scialbe vite. Vedi come s’affannano, lavorano, s’imbottigliano nel traffico, si mettono in cosa alla cassa?» In altre parole, quando t’innamori diventi un qualunquista di merda…” (Diego De Silva)
111)      “Mussolini si comportò come un vigliacco, senza un gesto, senza una parola di fierezza. Presentendo l’insurrezione si era rivolto al cardinale arcivescovo di Milano chiedendo di potersi ritirare in Valtellina con tremila dei suoi. Ai partigiani che lo arrestarono offrì un impero, che non aveva. Ancora all’ultimo momento piativa di aver salva la vita per parlare alla radio e denunciare Hitler che, a suo parere, lo aveva tradito nove volte. (da A Milano e a Torino nella fiammata insurrezionale, in Avanti!, 6 maggio 1945) (Sandro Pertini)
112)     “Tutti, o fratello Gallione, vogliono vivere felici, ma quando poi si tratta di riconoscere cos’è che rende felice la vita, ecco che ti vanno a tentoni. […] Perciò dobbiamo prima chiederci che cosa desideriamo; poi considerare per quale strada possiamo pervenirvi nel tempo più breve, e renderci conto, durante il cammino, sempre che sia quello giusto, di quanto ogni giorno ne abbiamo compiuto e di quanto ci stiamo sempre più avvicinando a ciò verso cui il nostro naturale istinto ci spinge. Finché vaghiamo a caso, senza seguire una guida ma solo lo strepito e il clamore discorde di chi ci chiama da tutte le parti, la nostra vita si consumerà in un continuo andirivieni e sarà breve anche se noi ci daremo giorno e notte da fare con le migliori intenzioni. Si stabilisca dunque dove vogliamo arrivare e per quale strada, non senza una guida cui sia noto il cammino che abbiamo intrapreso, perché qui non si tratta delle solite circostanze cui si va incontro in tutti gli altri viaggi; in quelli, per non sbagliare, basta seguire la strada o chiedere alla gente del luogo, qui, invece, sono proprio le strade più frequentate e più conosciute a trarre maggiormente in inganno. Da nulla, quindi, bisogna guardarsi meglio che dal seguire, come fanno le pecore, il gregge che ci cammina davanti, dirigendoci non dove si deve andare, ma dove tutti vanno. E niente ci tira addosso i mali peggiori come l’andar dietro alle chiacchiere della gente, convinti che le cose accettate per generale consenso siano le migliori e che, dal momento che gli esempi che abbiamo sono molti, sia meglio vivere non secondo ragione, ma per imitazione…” (Lucio Anneo Seneca)
113)     “Ho cominciato a viaggiare che avevo 18 anni fino. A quell’età facevano tutto i miei genitori, non avevo grandi responsabilità … Quando ho dovuto cominciare ad averle per età, le dovevo affidare a qualcun altro, perché io non avevo tempo, quindi sia le cose più semplici come far la spesa o vedermi con gli ex compagni di classe o stare con la mia famiglia o quelle più impegnative che sono quelle di riuscire a mantenere la tua vita, sapendo cosa vuol dire andare a pagare una bolletta, insomma: conoscere le cose naturali della vita che io non conosco, non le conosco perché non ho avuto il tempo di conoscerle, di studiarle, di capirle e mi vergogno e mi dà fastidio perché ho 35 anni e io vorrei non saper fare solo il mio mestiere, vorrei darmi la possibilità di essere un pochino più matura e conoscere di più anche nella vita quotidiana di tutti i giorni. (dall’intervista di Silvia Toffanin, Verissimo, Canale 5, 21 novembre 2009) (Laura Pausini)
114)     “Come se i colpevoli fossero sempre gli altri, come se le responsabilità non spettassero mai a noi, come se il potersi trovare in una situazione favorevole non fosse mai frutto del merito ma sempre e solo della fortuna sfacciata o del caso, come se ammettere che gli avversari sono stati più bravi fosse uno smacco inaccettabile per il nostro ego, come se per nascondere le nostre insicurezze e fragilità avessimo sempre bisogno dell’alibi, come se sapere se ci sono due omosessuali in nazionale fosse l’unico interesse del paese, come se, alla fine di questi giorni di caccia alle streghe, si scoprisse che all’estero sono migliori di noi… vabbè… come se questi pensieri servissero a qualcosa… Pensiamo a noi e cerchiamo di vincere, il resto è aria fritta, discorsi da bar, congetture da mediocri, argomentazioni da perdenti…” (Gianluigi Buffon)
115)     “C’aggi’ ‘a fa’? Tu saie tutto… Saie pure pecchè me trovo int’ ‘o peccato. C’aggi’ ‘a fa’? » Ma essa zitto, nun rispunneva. (Eccitata) «E accussì ffaie, è ove’? Cchiù nun parle e cchiù ‘a gente te crede?… Sto parlanno cu’ te! (Con arroganza vibrante) Rispunne!». (Rifacendo macchinalmente il tono di voce di qualcuno a lei sconosciuto che, in quel momento, parlò da ignota provenienza) «’E figlie so’ ffiglie!». Me gelaie. Rummanette accussì, ferma. (S’irrigidisce fissando l’effige immaginaria) Forse si m’avutavo avarria visto o capito ‘a do’ veneva ‘a voce: ‘a dint’ a na casa c’ ‘o balcone apierto, d’ ‘o vico appriesso, ‘a copp’ a na fenesta… Ma penzaie: «E pecchè proprio a chistu mumento? Che ne sape ‘a ggente d’ ‘e fatte mieie? E’ stata Essa, allora… È stata ‘a Madonna! S’è vista affrontata a tu per tu, e ha vuluto parlà… Ma, allora, ‘a Madonna pe’ parlà se serve ‘e nuie… E quanno m’hanno ditto: “Ti togli il pensiero!”, è stata pur’essa ca m’ ‘ha ditto, pe’ me mettere ‘a prova!… E nun saccio si fuie io o ‘a Madonna d’ ‘e rrose ca facette c’ ‘a capa accussì! (Fa un cenno col capo come dire: “Si, hai compreso”) ‘E figlie so’ ffiglie!» E giuraie…” (Eduardo De Filippo)
116)     “C’è chi dice: “Ma padre, io sono un benefattore della Chiesa! Metto la mano in tasca e do alla Chiesa”. Ma con l’altra mano, ruba: allo Stato, ai poveri. È un ingiusto. Questa è la doppia vita. E questo merita, lo dice Gesù non lo dico io, che gli mettano al collo una macina da mulino e sia gettato nel mare. Non parla di perdono, qui Gesù. [… ] tutti noi dobbiamo dirci peccatori. Sì, tutti lo siamo. Corrotti no. Il corrotto è fisso in uno stato di sufficienza, non sa cosa sia l’umiltà. Gesù, a questi corrotti, diceva: “La bellezza di essere sepolcri imbiancati”, che appaiono belli, all’esterno, ma dentro sono pieni di ossa morte e di putredine. E un cristiano che si vanta di essere cristiano, ma non fa vita da cristiano, è uno di questi corrotti. Tutti conosciamo qualcuno che è in questa situazione e quanto male fanno alla Chiesa! Cristiani corrotti, preti corrotti. Quanto male fanno alla Chiesa! Perché non vivono nello spirito del Vangelo, ma nello spirito della mondanità…” (Papa Francesco)
117)     “Ho avuto molte donne in vita mia, e in ogni camera ho lasciato qualche mia energia, quanti figli dell’amore ho sprecato io [… ] Se un figlio si accorgesse che per caso è nato fra migliaia di occasioni capirebbe tutti i sogni che la vita dà, con gioia ne vivrebbe tutte quante le illusioni…” (da Energia) (Franco Battiato)
118)     “Devo dire che seguo molto i critici quando si occupano di me [… ] La cosa che ricordo più di tutte fu quando Giorgio Bocca, in quel famoso “Fantastico”, disse che ero un cretino di talento [… ] Secondo me ancora adesso lui non sa che volesse dire. Il fatto è che io sono sicuro di aver talento, ma adesso ho anche il dubbio di essere un po’ cretino…” (Adriano Celentano)
119)      “Premetto un concetto, di musica e rispetto, non tanto verbale bisogna lavorare, regali, fortuna, schedina e lotteria, moneta che tradisce, ti illude e poi va via, se vero che il soldo, non da felicità, lasciate sta tristezza e portatemela qua, certo che soldo, da solo non può fare, ma dillo a chi non mangia e non sa dove abitare… ma io so cos’è il valore, te lo posso raccontare, ma intanto non fermarti, bisogna lavorare…” (Gigi D’Agostino)
120)     “la tua Leggenda Personale. [… ] è quello che hai sempre desiderato fare. Tutti, all’inizio della gioventù, sanno qual è la propria Leggenda Personale. In quel periodo della vita tutto è chiaro, tutto è possibile, e gli uomini non hanno paura di sognare e di desiderare tutto quello che vorrebbero veder fare nella vita. Ma poi, a mano a mano che il tempo passa, una misteriosa forza comincia a tentare di dimostrare come sia impossibile realizzare la Leggenda Personale. [… ] Sono le forze che sembrano negative, ma che in realtà ti insegnano a realizzare la tua Leggenda Personale. Preparano il tuo spirito e la tua volontà. Perché esiste una grande verità su questo pianeta: chiunque tu sia o qualunque cosa tu faccia, quando desideri una cosa con volontà, è perché questo desiderio è nato nell’anima dell’Universo. Quella cosa rappresenta la tua missione sulla terra. [… ] l’Anima del Mondo è alimentata dalla felicità degli uomini. O dall’infelicità, dall’invidia, dalla gelosia. Realizzare la propria Leggenda Personale è il solo dovere degli uomini. Tutto è una sola cosa. E quando desideri qualcosa, tutto l’Universo cospira affinché tu realizzi il tuo desiderio…” (Paulo Coelho)
121)     “Penso che la parte più difficile da affrontare con il passare degli anni, con l’invecchiare, sia imparare a convivere con il fatto che a questo mondo ci siano tanto dolore e tanta bellezza, uno di fianco all’altra… (dall’introduzione all’esecuzione dal vivo di Born to Run, anni 1987-88; citato in Ernesto Assante e Gino Castaldo, Bruce Springsteen: Born to run, in Lezioni di Rock. Viaggio al centro della musica, 4 maggio 2008) (Bruce Springsteen)
122)           “In amore, come in quasi tutte le faccende umane, l’intesa cordiale è il risultato di un malinteso. Questo malinteso è il piacere. L’uomo grida: «Oh!, angelo mio!». La donna tuba: «Mamma! Mamma!». E i due imbecilli sono persuasi di pensare all’unisono. – L’abisso invalicabile, che fa l’incomunicabilità, resta invalicato…” (Charles Baudelaire)
123)     “Se i Beatles o gli anni Sessanta hanno avuto un messaggio, era questo: impara a nuotare. Punto. E una volta che hai imparato, mettiti a nuotare. La gente che è rimasta ancorata ai Beatles e al sogno degli anni Sessanta ha perso di vista l’orizzonte non appena i Beatles e gli anni Sessanta sono diventati l’orizzonte. Portarseli dietro tutta la vita sarebbe come portarsi dietro Glenn Miller e la seconda guerra mondiale. Con questo non voglio dire che non si possano ascoltare con piacere Glenn Miller o i Beatles, ma vivere dentro quel sogno significa scegliere la via del tramonto…” (John Lennon)
124)      “Su Mussolini] Divinizzato, dichiarato infallibile, preconizzato organizzatore e ispiratore di un rinato Impero romano [… ] conosciamo quel viso: conosciamo quel roteare degli occhi nelle orbite che nel passato dovevano, con la loro ferocia meccanica, far venire i vermi alla borghesia e oggi al proletariato. Conosciamo quel pugno sempre chiuso alla minaccia [… ] Mussolini [… ] è il tipo concentrato del piccolo-borghese italiano, rabbioso, feroce impasto di tutti i detriti lasciati sul suolo nazionale da vari secoli di dominazione degli stranieri e dei preti: non poteva essere il capo del proletariato; divenne il dittatore della borghesia, che ama le facce feroci quando ridiventa borbonica…” (da Capo, L’Ordine Nuovo, anno III, n. 1, marzo 1924) (Antonio Gramsci)
125)      “Quanto più si è sprofondati in Dio, tanto più si debba uscire da sé, entrare nel mondo per portarvi la vita divina…” (Edith Stein)
126)       “Il buon senso è forse la qualità più preziosa e più valida nel carattere di una persona…” (da Giocare il gioco, p. 31) (Robert Baden Powell)
127)     “Autoritarie, paralizzanti, circolari, a volte ellittiche, le frasi a effetto, dette anche scherzosamente briciole d’oro, sono una piaga maligna, tra le peggiori che hanno infestato il mondo. Diciamo ai confusi, Conosci te stesso, come se conoscere se stessi non fosse la quinta e più difficile delle operazioni aritmetiche umane, diciamo agli abulici, Volere è potere, come se le realtà bestiali del mondo non si divertissero a invertire tutti i giorni la posizione relativa dei verbi, diciamo agli indecisi, Comincia dal principio, come se quel principio fosse il capo sempre visibile di un filo male arrotolato che bastasse tirare e continuare a tirare per giungere all’altro capo, quello della fine, e poi, tra il primo e il secondo, avessimo tra le mani una linea retta e continua dove non c’era stato bisogno di sciogliere nodi né di districare strozzature, cosa impossibile che accada nella vita dei gomitoli e, se ci è consentita un’altra frase ad effetto, nei gomitoli della vita…” (Josè Saramago)
128)     “Il nostro cuore deve essere vivo se desideriamo condurre un’esistenza che sia di stimolo anche per gli altri; deve essere pieno di passione ed entusiasmo. In tal senso abbiamo bisogno del coraggio di “vivere in coerenza con noi stessi”. Per fare ciò dobbiamo avere una mente forte, non essere sviati dal nostro ambiente né ossessionati dalla vanità e dalle apparenze esteriori. Invece di imitare gli altri, dobbiamo pensare da soli e agire partendo dal nostro stesso senso di responsabilità…” (da Giorno per giorno, 31 dicembre, Esperia) (Daisaku Ikeda)
129)     “Quando non c’è nulla da temere, il peggiore dei vili può essere coraggioso quanto il più valente degli uomini. E quando non c’è alcun prezzo da pagare, tutti noi sappiamo fare il nostro dovere. Eppure, presto o tardi, nella vita di ogni uomo viene un giorno in cui nulla è facile, un giorno in cui si deve compiere una scelta…” (libro Il Trono di Spade 1. Il Trono di Spade, Il Grande Inverno.: Libro primo delle cronache del Ghiaccio e del Fuoco) (George R R Martin)
130)       “La vita umana è strutturata in modo tale che soltanto guardando in faccia la morte possiamo comprendere la nostra autentica forza e il grado del nostro attaccamento alla vita. [… ] Una vita a cui basti trovarsi faccia a faccia con la morte per esserne sfregiata e spezzata, forse non è altro che un fragile vetro…” (da Lezioni spirituali per giovani samurai e altri scritti, traduzione di L. Origlia, Feltrinelli) (Yukio Mishima)
131)      “Che cosa succederebbe se il volto umano esprimesse fedelmente tutta la sofferenza di dentro, se l’espressione traducesse tutto il tormento interiore? Riusciremmo ancora a conversare? Non dovremmo parlare nascondendoci il volto con le mani? La vita diventerebbe decisamente impossibile se i nostri tratti palesassero l’intensità dei nostri sentimenti. Nessuno avrebbe più il coraggio di guardarsi allo specchio, perché un’immagine insieme grottesca e tragica mescolerebbe ai contorni della fisionomia macchie di sangue, piaghe sempre aperte e rivoli di lacrime irrefrenabili…” (Emil Cioran)
132)      “Fu piuttosto un sordo sentimento di rabbia che a poco a poco si dissolse in una delusione solitaria e passiva, simile a quella che aveva provato nei tempi in cui era rassegnato a vivere senza donna…” (Gabriel Garcia Marquez)
133)       “Ricordate le parole immortali di Socrate nel carcere di Atene? Parla delle leggi come di persone vive, come di persone di conoscenza. «le nostre leggi, sono le nostre leggi che parlano». Perché le leggi della città possano parlare alle nostre coscienze, bisogna che siano come quelle di Socrate, le «nostre» leggi. Nelle più perfette democrazie europee, in Inghilterra, in Svizzera, in Scandinavia, il popolo rispetta le leggi perché ne è partecipe e fiero; ogni cittadino le osserva perché sa che tutti le osservano: non c’è una doppia interpretazione della legge, una per i ricchi e una per i poveri! Ma questa è, appunto, la maledizione secolare che grava sull’Italia: il popolo non ha fiducia nelle leggi perché non è convinto che queste siano le sue leggi. Ha sempre sentito lo Stato come un nemico. Lo Stato rappresenta agli occhi della povera gente la dominazione. Può cambiare il signore che domina, ma la signoria resta: dello straniero, della nobiltà, dei grandi capitalisti, della burocrazia. Finora lo Stato non è mai apparso alla povera gente come lo Stato del popolo. Da secoli i poveri hanno il sentimento che le leggi siano per loro una beffa dei ricchi: hanno della legalità e della giustizia un’idea terrificante, come di un mostruoso meccanismo ostile fatto per schiacciarli, come di un labirinto di tranelli burocratici predisposti per gabbare il povero e per soffocare sotto le carte incomprensibili tutti i suoi giusti reclami[…]” (Piero Calamandrei)
134)     “Siamo ciò che siamo abbiamo sogni e segreti complessi | ma continuiamo a fare i conti con noi stessi | messi a dura prova da una vita che spesso ci ha illuso | troppi re all’inferno e troppi servi in paradiso | chi ha deciso cosa sia giusto cosa è l’opposto | adesso chi cammina col sorriso fisso addosso | spesso non si accorge che indossare una maschera è facile | come ingannare se stessi, del tutto inutile | qua c’è chi ha pianto per chi ha perso e chi ha deriso chi ha vinto | ma c’è un momento in cui tutti pagano il conto | il mio sarà al tramonto di un giorno di festa | quando chiederò che colore ha il vento e avrò la mia risposta…” (da L’attesa) (Kaos One)
135)      “Secondo voi ma chi me lo fa fare di stare ad ascoltare chiunque ha un tiramento? Ovvio, il medico dice ‘sei depresso’, nemmeno dentro al cesso possiedo un mio momento. Ed io che ho sempre detto che era un gioco sapere usare o no ad un certo metro: compagni il gioco si fa peso e tetro, comprate il mio didietro, io lo vendo per poco…!” (Francesco Guccini)
136)     “Non si può eludere l’esistenza con le spiegazioni, si può solo subirla, amarla o detestarla, adorarla o temerla, in quell’alternanza di felicità e di orrore che esprime il ritmo stesso dell’essere, le sue oscillazioni e le sue dissonanze, le sue veemenze amare o allegre…” (Emil Cioran)
137)           “Quando arriva il weekend di gara sono felicissimo e non vedo l’ora di salire in moto: finché provo queste sensazioni, è giusto andare avanti. Quando cambierò atteggiamento, sarà il momento di dire basta…” (Valentino Rossi)
138)     “Se la gente porta tanto coraggio in questo mondo, il mondo deve ucciderla per spezzarla, così naturalmente la uccide. Il mondo spezza tutti quanti e poi molti sono forti nei punti spezzati. Ma quelli che non spezza li uccide. Uccide imparzialmente i molto buoni e i molto gentili e i molto coraggiosi. Se non siete fra questi potete esser certi che ucciderà anche voi, ma non avrà una particolare premura…” (Ernest Hemingway)
139)     “Nulla s’inventa, è vero, che non abbia una qualche radice, più o men profonda, nella realtà; e anche le cose più strane possono esser vere, anzi nessuna fantasia arriva a concepire certe follie, certe inverosimili avventure che si scatenano e scoppiano dal seno tumultuoso della vita; ma pure, come e quanto appare diversa dalle invenzioni che noi possiamo trarne la realtà viva e spirante! Di quante cose sostanziali, minutissime, inimmaginabili hai bisogno la nostra invenzione per ridiventare quella stessa realtà da cui fu tratta, di quante fila che la riallaccino nel complicatissimo intrico della vita, fila che noi abbiamo recise per farla diventare una cosa a sé…” (Luigi Pirandello)
140)     “Uno dei miei compiti in quanto scrittore è quello di assalire le vostre emozioni e forse di aggredirvi – e per far questo uso tutti gli strumenti disponibili. Forse sarà per spaventarvi a morte, ma potrebbe anche essere per prendervi in modo più subdolo, per farvi sentire tristi. Riuscire a farvi sentire tristi è positivo. Riuscire a farvi ridere è positivo. Farvi urlare, ridere, piangere, non mi importa, ma coinvolgervi, farvi fare qualcosa di più che mettere il libro nello scaffale dicendo: “Ne ho finito un altro”, senza nessuna reazione. Questa è una cosa che odio. Voglio che sappiate che io c’ero…” (dall’intervista di Keith Blackmore, Stephen King e “La storia di Lisey”: “È come una ballata country”, Repubblica. it, 28 ottobre 2006) (Stephen King)
141)     “Io se fossi Dio, quel Dio di cui ho bisogno come di un miraggio, c’avrei ancora il coraggio di continuare a dire che Aldo Moro insieme a tutta la Democrazia Cristiana è il responsabile maggiore di trent’anni di cancrena italiana. Io se fossi Dio, un Dio incosciente enormemente saggio, avrei anche il coraggio di andare dritto in galera, ma vorrei dire che Aldo Moro resta ancora quella faccia che era…!” (da Io se fossi Dio) (Giorgio Gaber)
142)       “L’Italia sta marcendo in un benessere che è egoismo, stupidità, incultura, pettegolezzo, moralismo, coazione, conformismo: prestarsi in qualche modo a contribuire a questa marcescenza è, ora, il fascismo. Essere laici, liberali, non significa nulla, quando manca quella forza morale che riesca a vincere la tentazione di essere partecipi a un mondo che apparentemente funziona, con le sue leggi allettanti e crudeli. Non occorre essere forti per affrontare il fascismo nelle sue forme pazzesche e ridicole: occorre essere fortissimi per affrontare il fascismo come normalità, come codificazione, direi allegra, mondana, socialmente eletta, del fondo brutalmente egoista di una società…” (Pier Paolo Pasolini)
143)      “Ho vissuto a New York per circa sette anni e un sacco di persone che hanno iniziato con me a cantare ora non cantano e non scrivono più. Quindi il fatto che io riesca ancora a farlo è una specie di dono, che è ciò su cui rimango concentrata…” (Lana Del Rey)
144)       “Da quando mi hai lasciato tu ho perso il senso di ogni cosa, di rimedi non ne ho più e questa non è un’altra scusa…” ( da Da quando mi hai lasciato tu ) ( Emma Marrone )
145)      “Qualcuno deve arrestare questa carneficina, ho visto cose in questi giorni, udito fragori, annusato miasmi pestiferi, che difficilmente riuscirò a raccontare ai miei eventuali futuri figli. Sentirsi isolati e abbandonati è desolante non meno della vista di un quartiere di Gaza dopo una campagna di raid aerei. [… ] Le manifestazioni in tutto il mondo dimostrano che esiste qualcuno in cui credere, ma non sono ancora in grado di esercitare la pressione necessaria sui governi occidentali perché fermino i crimini di Israele…” ( Vittorio Arrigoni )
146)     “È dunque questa, la Nausea: quest’accecante evidenza? Quanto mi ci son lambiccato il cervello! Quanto ne ho scritto! Ed ora lo so: io esisto — il mondo esiste — ed io so che il mondo esiste. Ecco tutto. Ma mi è indifferente. È strano che tutto mi sia ugualmente indifferente: è una cosa che mi spaventa. È cominciato da quel famoso giorno in cui volevo giuocare a far rimbalzare i ciottoli sul mare. Stavo per lanciare quel sassolino, l’ho guardato, ed è allora che è incominciato: ho sentito che esisteva. E dopo, ci sono state altre Nausee; di quando in quando gli oggetti si mettono ad esistervi dentro la mano. C’è stata la Nausea del «Ritrovo dei ferrovieri» e poi un’altra, prima, una notte in cui guardavo dalla finestra, e poi un’altra al giardino pubblico, una domenica, e poi altre. Ma non era mai stata così forte come oggi…” ( Jean Paul Sartre )
147)     “Possiamo profetizzare che, a meno di essere imbrigliata e addomesticata, la nostra globalizzazione negativa, che oscilla tra il togliere la sicurezza a chi è libero e offrire sicurezza sotto forma di illibertà, renderà la catastrofe ineluttabile. Se non si formula questa profezia, e se non la si prende sul serio, l’umanità ha poche speranza di renderla evitabile. L’unico modo davvero promettente di iniziare una terapia contro la crescente paura che finisce per renderci invalidi è reciderne le radici: poiché l’unico modo davvero promettente di continuarla richiede che si affronti il compito di recidere quelle radici. Il secolo che viene può essere un’epoca di catastrofe definitiva. O può essere un’epoca in cui si stringerà e si darà vita a un nuovo patto tra intellettuali e popolo, inteso ormai come umanità. Speriamo di poter ancora scegliere tra questi due futuri…” ( Zygmunt Bauman)
148)     “Sono di sinistra, ma non le appartengo. Voglio avere la libertà di poter verificare sempre le mie scelte e quelle degli altri…” (Francesco De Gregori )
149)      “Quando esprimi un desiderio, stà attento a non caderci dentro…” ( da Deformography ) ( Marilyn Manson )
150)        “A Napoli novantanove volte su 100 finisci scugnizzo. Vengo dai quartieri popolari, cresciuto dalla nonna. Quando entravo in casa, battevo forte i piedi per far scappare i topi. E niente doccia. Scendevi per strada e ti fottevano la cartella. Poi la bicicletta. Poi il motorino. Alla quarta diventavi scugnizzo. Alla delinquenza ho preferito la musica: dieci anni di conservatorio…” ( Gigi D’Alessio )
151)       “La musica mantiene in equilibrio la natura ed è indispensabile alla vita di ogni creatura: grazie al suo aiuto la tristezza non appassisce l’anima…” ( Romano Battaglia )
152)      “La gente vive per anni e anni, ma in realtà è solo una piccola parte di quegli anni che vive davvero, e cioè negli anni in cui riesce a fare ciò per cui è nata. Allora, lì, è felice. Il resto del tempo è tempo che passa ad aspettare o a ricordare. Ma non è triste quando aspetta o ricorda. Sembra triste. Ma è solo un po’ lontana…” ( Alessandro Baricco )
153)       “La morte non esiste, figlia. La gente muore solo quando viene dimenticata. – mi spiegò mia madre poco prima di andarsene. – Se saprai ricordarmi, sarò sempre con te. – Mi ricorderò di te – le promisi. [… ] Poi mi prese una mano e con gli occhi mi disse quanto mi amava, finché il suo sguardo non divenne nebbia e la vita uscì da lei senza amore…” ( Isabel Allende )
154)       “La maggior parte degli uomini sono come una foglia secca, che si libra nell’aria e scende ondeggiando al suolo. Ma altri, pochi, sono come le stelle fisse, che vanno per un loro corso preciso, e non c’è vento che li tocchi, hanno in sé stessi la loro legge e il loro cammino…” ( Hermann Hesse )
155)       “Orbene, per un difetto comune della nostra natura di uomini, quando la realtà ci è nascosta o sconosciuta, siamo ancora più sicuri di noi stessi, e nel contempo più la temiamo…” ( Gaio Giulio Cesare )
156)     “Devi riuscire a liberarti da solo delle forze repressive esterne. Se cerchi qualcuno che possa farlo per te, segnifica che dipendi ancora dagli altri. Significa che sei ancora vulnerabile rispetto a quelle forze malvagie e oppressive…” ( Jim Morrison )
157)     “Un vero carattere riesce sempre a emergere nei grandi momenti…” (Napoleone Bonaparte)
158)     “Il più bel corpo di donna che si offra nuda alla sua vista, tenendo però nascosta la testa, potrà spingerlo al godimento, ma in nessun caso a quello che si chiama amore…” (Giacomo Casanova)
 159)     “Regola numero uno, non lasciare mai che nessuno sappia | quanta, grana tieni in mano, perché sai, | la grana origina gelosia specialmente | se questa persona fa casini, il tuo culo è inguaiato…”  ( The Notorious Big )
160)     “Coloro che fanno sforzi continui sono sempre pieni di speranza. Abbracciate i vostri sogni e inseguiteli. Gli eroi quotidiani sono quelli che danno sempre il massimo nella vita…” ( Roberto Baggio )
161)      “Quelli che mi fischiano, se mi incontrassero da solo, uno contro uno, fuori dalla curva, mi chiederebbero l’autografo…” ( Mario Balotelli )
162)       “In una nave che affonda gl’intellettuali sono i primi a fuggire subito dopo i topi e molto prima delle puttane…” ( Vladimir Vladimirovic Majakovskij )
163)     “Per quanto difficile possa essere la vita, c’è sempre qualcosa che è possibile fare. Guardate le stelle invece dei vostri piedi…” ( Stephen Hawking )
164)     “Non mi va di affrontare i problemi di petto. Penso che il modo migliore per risolvere i problemi sia evitarli. Questa è una mia filosofia ben definita… Nessun problema è tanto grande o complicato che non gli si possa sfuggire…!” (27 febbraio 1963) ( Charles M Schulz )
165)      “Le cose muoiono: questa è la prima cosa che non puoi cancellare, una volta che l’hai davvero scoperta. Le cose guariscono, le cose ricominciano, le cose tornano. Questa è una cosa bella da tenere in testa ma non la puoi avere sempre, la speranza fa il gioco del sole nel bosco, sparisce, riappare un attimo, poi di nuovo è ombra e scuro…” ( Stefano Benni )
166)     “Và così: ti accorgi che lo scatto è mosso, è fuori fuoco, ma è troppo tardi per fare uno spreco dei momenti che affronti, degli imprevisti che ti tocca vivere, pagando in contati per poter scrivere di qualcosa con il rischio che non accada, di qualcuno con il rischio che non ti veda, del motivo che ci accomuna dentro la cornice, ancora troppo sveglio per dormire…” (da Foto di gruppo) (Bassi Maestro)
167)       “Ai giocatori dico sempre che la palla va indirizzata, non colpita. Non mi piace vederla sparacchiare alla viva il parroco, a cominciare dai portieri…” (Antonio Conte)
168)     “Il fatto è che le donne come me si attaccano soltanto agli uomini con una personalità superiore alla loro: e io non ho mai trovato un uomo con una personalità capace di minimizzare la mia. Ho trovato sempre uomini, come definirli? carucci. Dio: si piange anche per quelli carucci, intendiamoci, ma sono lacrime di mezza lira. Incredibile a dirsi, il solo uomo per cui non ho pianto lacrime di mezza lira resta mio marito: Goffredo Alessandrini. L’unico, fra quanti ne ho conosciuti, che mi stimi senza riserve e al quale sia affezionata. Certo non furono rose e fiori anche con lui. Lo sposai che ero una ragazzina e finché fui sua moglie ebbi più corna di un canestro di lumache…” (Anna Magnani)
169)      “Se i giovani si organizzano, si impadroniscono di ogni ramo del sapere e lottano con i lavoratori e gli oppressi, non c’è scampo per un vecchio ordine fondato sul privilegio e sull’ingiustizia…” (Enrico Berlinguer)
170)     “E se c’è un segreto è fare tutto come se vedessi solo il sole… e non qualcosa che non c’è…” (da Qualcosa che non c’è) (Elisa)
171)       „Quest’ha nel suo, ch’apre bocca, e nel fine strigne’ denti, e ammazza il marito; poi i figlioli, in corpo cresciuti, straccian il ventre, e occidano la madre. (Vipera) (Leonardo Da Vinci)
172)     “Si ritiene che il coraggio sia la prima delle virtù umane. È giusto, perché è la qualità che garantisce tutte le altre…” (Winston Churchill)
173)       “Una vita che miri principalmente a soddisfare i desideri personali conduce prima o poi a un’amara delusione…” (Albert Einstein)
174)     “L’unica condizione per essere sempre e veramente religiosi è vivere sempre intensamente il reale…” (da Il senso religioso, Rizzoli) (Luigi Giussani)
175)       “E’ nel trend della nostra cultura separare sempre di più i nostri atti dalle nostre emozioni, che li accompagnerebbero se ci fosse consentito esprimere i nostri sentimenti e non solo, alla perfezione, le nostre asettiche prestazioni…” (libro I miti del nostro tempo) (Umberto Gaimberti)
176)     “La presunzione gonfia gli uomini stolti, allo stesso modo che il vento gli otri vuoti…” (Socrate)
177)     “La realtà dell’altro non è in ciò che egli ti rivela, ma in ciò che non può rivelarti. Perciò, se vuoi capire l’altro, non ascoltare ciò che egli ti dice, ma piuttosto a ciò che egli non dice…” (Khalil Gibran)
178)       La tendenza a giudicare gli altri è la più grande barriera alla comunicazione e alla comprensione…” (Carl Rogers)
179)     “Io non accetto di perdere, non lo accetto proprio. L’ho imparato dalla vita. Per me contano la grinta e l’aggressività, la determinazione e la concentrazione sui propri obiettivi. Io ho la missione di vincere…” (Zlatan Ibrahimovic)
180)     “Sono stato un clown di strada per trent’anni e ho tentato di rendere la mia vita stessa una vita buffa. Non nel senso in cui si usa oggi questa parola, ma nel senso originario. “Buffo” significava buono, felice, benedetto, fortunato, gentile e portatore di gioia. Indossare un naso di gomma ovunque io vada ha cambiato la mia vita…” (Patch Adams)
181)     “Lei non può capire Daniel perché è giovane, ma col tempo si renderà conto ché è più importante cedere che dare. Bernarda e io abbiamo parlato a lungo. È nata per essere madre, lei lo sa bene. La sua gioia più grande, io credo, sarebbe avere dei figli. E a me quella Donna piace più delle pesche sciroppate. Si figuri che per lei sono persino disposto a rimettere piede in una chiesa, dopo trentadue anni di totale astinenza clericale, per recitare i salmi di san Serafino o di qualsiasi altro beato”. “Come corre, Fermìn, vi conoscete appena…” “Alla mia età, Daniel, se non hai le idee chiare sei fottuto. Ci sono due o tre ragioni per cui vale la pena di vivere, tutto il resto è letame. In passato ho fatto molte sciocchezze, ma ora il mio unico desiderio è rendere felice Bernarda e morire tra le sue braccia, quando sarà il momento. Voglio essere di nuovo un uomo rispettabile. Non per me, io me ne infischio del rispetto di quel branco di scimmie che sono gli esseri umani, ma per lei. Perché Bernarda crede negli sceneggiati, nei preti, nella rispettabilità e nella Madonna di Lourdes. È fatta così e io le voglio bene per come è, e non toglierei un solo pelo di quelli che ha sul mento. Per questo desidero che sia fiera di me. Voglio che pensi: Il mio Fermìn è un grand’uomo, come Cary Grant, Hemingway o Manolete… (Carlos Ruiz Zafòn)
182)     ;L’arte è ricerca continua, assimilazione delle esperienze passate, aggiunta di esperienze nuove, nelle forma, nel contenuto, nella materia, nella tecnica, nei mezzi…” (da Munari 80) (Bruno Munari)
183)     “Esistono soltanto due farmaci divini che possono aiutarci a sopportare il veleno della realtà senza che ne moriamo anzitempo: la ragione e l’indifferenza…” (libro La recita di Bolzano) (Sandor Marai)
184)       “Quando ero piccolo e annavo a giocà a’ pallone con ragazzi che non conoscevo e stavano a fa le squadre se finiva sempre con “palla o regazzino?” poi dopo 2 minuti di gioco ed un paio di tunnel tutti: “Refamo le squadre, refamo le squadre il regazzino è troppo forte…!” (da Mò je faccio er cucchiaio) (Francesco Totti)
185)     “É vero che noi settentrionali abbiamo contribuito qualcosa di meno ed abbiamo profittato qualcosa di più delle spese fatte dallo Stato italiano dopo la conquista dell’unità e dell’indipendenza nazionale, peccammo di egoismo quando il settentrione riuscì a cingere di una forte barriera doganale il territorio ed ad assicurare così alle proprie industrie il monopolio del mercato meridionale, con la conseguenza di impoverire l’agricoltura, unica industria del Sud; è vero che abbiamo spostato molta ricchezza dal Sud al Nord con la vendita dell’asse ecclesiastico e del demanio e coi prestiti pubblici…” (da Il buongoverno) (Luigi Einaudi)
186)     “Pensa la cosa più semplice, | cogli la rosa più fragile e mi avrai…” (da Mille galassie, n. 6) (Cesare Cremonini)

187)     “Muore lentamente chi non si permette almeno una volta nella vita di fuggire ai consigli sensati…” (Pablo Neruda)

188)     “A chi ti dice che non vali niente, a chi produce il sonno della mente, a chi fa giochi di potere senza cuore rispondi che la natura ti chiama…” (da Libera la mente, 2007) (Giorgia)

189)       “Questi è Monti poeta e cavaliero, gran traduttor dei traduttor d’Omero…” (Ugo Foscolo)

190)       “Renato Zero non mi interessa. Lo conosco da quando ero piccolo. Secondo me non è un personaggio vero, è tutto costruito a discapito della buona fede dei giovani. Io ho troppo amato David Bowie perché possa amare un sottoprodotto di Bowie. Mi sta bene tutto, l’ambiguità, I’omosessualità, non ho tabù, ma proprio l’attività artistica di Zero non mi dà emozione… Nessuna…” (dall’intervista di Cristina Maza, Perché vi piace Renato Zero?, 1979, p. 20) (Franco Califano)

191)       “Carta per culo…” (Fiorella Mannoia da Facebook) (Descrizione del giornale Libero di Vittorio Feltri)

192)     “La Mannoia definisce Libero “carta da culo”. Dato che lei canta col culo sarà a proprio agio leggendolo…” (Da Twitter Vittorio Feltri)

193)     “Varriale è un mio prescelto. L’ho fatto assumere io in Rai quando lavorava al Canale 21 di Napoli. C’era Manca presidente socialista. Gli ho detto che il padre di Varriale era socialista. “Prendiamolo!”, mi fa”. (Aldo Biscardi) (Intervista Finale fonte sito Web Dagospia)

194)     “Un lupo metterò a guardia della mia ingenuità…” (da Un’aquila nel cuore) (Mina)

195)       „Si può imparare qualcosa da un temporale. Se accettiamo di bagnarci sin dal principio, eviteremo ogni incertezza e non per questo ci bagneremo di più. Tale consapevolezza si applica a tutte le cose…” (Yamamoto Tsunetomo)

196)       “L’amore è la grande via della conoscenza, della contemplazione e quando l’uomo non ama più, normalmente adora se stesso e fa quelle mezze cose che non hanno più senso…” (Oreste Benzi)

197)       “La luce tra le imposte è come raggi infrarossi e le scarpe sono dossi da scavalcare ostacoli che vanno rimossi come Testimoni di Geova, disposti a bussare…” (da Ufficio immaginazione) (Ghemon)

198)       “Tu puoi, ogni volta che lo desideri, ritirarti in te stesso. Nessun ritiro è più tranquillo né meno disturbato per l’uomo che quello che trova nella sua anima…” (Marco Aurelio)

199)     [Sulla parte finale di Nuntereggae più] È uno sfottò come un altro per dire: “Vabbè, visto che vi ho detto ‘ste cose, visto che tanto la canzone non fa testo politico, la canzone non è un comizio, il cantautore non è Berlinguer né Pannella, allora a questo punto hanno ragione quelli che fanno solo canzoni d’amore…” (Rino Gaetano)

200)     “Chi lotta può perdere, chi non lotta ha già perso…” (Che Guevara)

201)     “Mi piacciono le donne che si fingono matte, ma mi scende tutto se si sono rifatte, perché se il seno l’hai voluto grande, gigante, chissà cosa ti aspetti dalle mie mutande…” (da Mi piacciono le donne) ( Dargen D’Amico)

202)     “Non c’è vita che almeno per un attimo non sia immortale…” (da Sulla morte, senza esagerare) (Wisawa Szymborska)

203)     “L’attenzione è la forma più rara e più pura della generosità. A pochissimi spiriti è dato scoprire che le cose e gli esseri esistono. Fin dalla mia infanzia non desidero altro che averne ricevuto, prima di morire, la piena rivelazione…” (Simone Weil)

204)      “La disperazione è follia. La follia, la percezione della impossibilità di vivere: esserci, ma come non esserci. La disperazione come esperienza di follia è incompatibile con la vita. Vede morte, progetta morte e ammazza sé e l’altro. La disperazione è una follia possibile all’uomo, a tutti gli uomini; è anzi una prospettiva dell’uomo, si lega al suo bisogno di stare con l’altro, al fatto che da solo non può vivere, perché la vita umana non è solitudine ma condivisione, appartenenza, attaccamento. L’uccidere è un attimo di disperazione infinito e insanabile, e allora il mondo appare inutile e dannoso e un individuo si percepisce come irriducibile al mondo, come un alieno, come un alienato. Un sentimento umano, possibile, compatibile alla normalità. L’ammazzare si lega alla follia della normalità, a quella capacità dell’uomo che, se entrato in crisi, invece che aiutarlo a vivere lo trasformano in morte e lo spingono ad uccidere e rovinarsi, uccidersi. Diversa è la follia dal punto di vista clinico, ma anche da quello giuridico (l’incapacità di intendere e di volere: un’infermità che è sopravvenuta impedendo alla macchina umana di funzionare). Io vedo la follia come un meccanismo che ricalca quello della disperazione, della sensazione di fine: l’incomprensibilità del mondo, il tirarsene fuori. Stare ancora sul pianeta senza saperlo. Vicino agli altri senza aver bisogno dell’altro. Perdendo persino il ricordo delle parole e del loro significato, rinunciando a comunicare. La schizofrenia ne è un esempio straordinario: essere nel mondo come il mondo finisse e come se l’essere non avesse alcun senso, poiché ogni significato si pone in una relazione. Lo schizofrenico è un’isola, una monade chiusa in una cella dell’esistere, in una prigione del mondo. In isolamento perché così può ancora respirare. La vita che più si avvicina alla morte. Insomma, la follia ha già a che fare con la morte, anche se non nella sua rappresentazione corporea, bensì in quella psicologica, la personalità, e in quella sociale, le relazioni. Vi sono tre morti: quella del corpo, la più emblematica e assoluta, quella psicologica, che permette al corpo di essere ancora attivo e di rivestirsi persino di eleganza, e poi la morte sociale: privati di ogni dimensione, come se fossimo diventati trasparenti e, pur dentro una moltitudine, nessuno ci vedesse. Il folle è un morto che cammina e che respira. Se uccide lo fa senza disperazione, forse per stizza, è un cadavere che uccide. La follia ha già superato la disperazione e per questo vive senza vivere, vive da morta e, se uccide, uccide già morta…” (da Il lato oscuro, Rizzoli, 2002) (Vittorino Andreoli)

205)       “Rino Gattuso appena si è accorto delle prime aggiustatine alle sopracciglia ha cominciato a cazziarmi di brutto: “tu devi pensare solo a giocare, hai capito?” Grande. Mi mancherà…” (Stephan El Shaarawy)

206)       “Mi piace la lasagna! E poi mi piaci tu. Un po’ di marijuana sotto il cielo blu.. Mi piace la notte all’Havana e poi mi piaci tu ma sogno un cuba libre mio amor…” (da Cuba Libre) (Zucchero)

207)      “Aveva smesso di cacciare stambecchi, era successo questo. Aveva sparato a un esemplare nella nebbia senza accorgersi che era femmina e senza vedere il piccolo vicino. La bestia colpita sul ripido aveva cercato di tenersi aggrappata alla roccia piantando zampe incerte, poi era caduta indietro, un salto in giù di buoni venti metri. Il piccolo senza incertezza era saltato nel vuoto della nebbia dietro la madre, ricadendo in piedi. La madre era rotolata di nuovo e precipitata, un salto anche più grande e il piccolo le era ancora volato dietro. Quando l’uomo raggiunse l’animale ucciso il piccolo era lì, un po’ storto sulle zampe, gli occhi grandi calmi desolati…” (libro Il peso della farfalla) (Erri De Luca)

208)       “Se qualcuno ti dice di no oppure ti taglia fuori, ricorda che Michael Jordan dopo essere stato scartato al primo anno, è tornato ed è diventato il migliore di sempre. Questo è ciò che devi avere: l’atteggiamento di voler dimostrare a tutti [quanto vali], di lavorare duro per ottenere risultati sempre migliori…” (Magic Johnson)

209)     “Esiste una sola oscurità e le creature degli Inferi possono usarla come una strada, o una porta…” (Rick Riordan)

210)     “Viene sempre il momento in cui bisogna scegliere fra la contemplazione e l’azione. Ciò si chiama diventare un uomo…” (Albert Camus)

211)       “A cosa serve avere le mani pulite se poi le tieni in tasca? Bisogna usarle, le mani…!” (Primo Mazzolari)

212)        “No a nuovo fronte con Iran…” (Mogherini fonte agenzia ANSA)

213)       “Trump è come in un reality show” (Bob Corker da un’intervista al New York Times)

214)        “Spenderò il premio circa 960.000 Euro nel modo più irrazionale possibile…” (Richard Thaler Premio Nobel Economia 2017″

215)        “Un passo di lato? Mi chiedono anche uno avanti e uno indietro. Mi sembra una scuola di tango…” (Massimo D’Alema)

216)     “Ho sempre amato correre: è un qualcosa che puoi fare contando soltanto su te stesso, sulla forza dei tuoi piedi e sul coraggio dei tuoi polmoni…” (Jesse Owens)

217)       “La spiegazione metafisica è che Roger Federer è uno di quei rari atleti preternaturali che sembrano essere esenti, almeno in parte, da certe leggi fisiche. Validi equivalenti sono Michael Jordan, che non solo saltava a un’altezza sovraumana ma restava a mezz’aria un paio di istanti in più di quelli consentiti dalla gravità, e Muhammad Ali, che sapeva davvero «aleggiare» sul ring e sferrare due o tre jam nel tempo richiesto da uno solo. Dal 1960 in qua ci saranno altri cinque o sei esempi. E Federer rientra nel novero: nel novero di quelli che si potrebbero definire geni, mutanti o avatar. Non è mai in affanno né sbilanciato. La palla che gli va incontro rimane a mezz’aria, per lui, una frazione di secondo più del dovuto. I suoi movimenti sono flessuosi più che atletici. Come Ali, Jordan, Maradona e Gretzky, pare allo stesso tempo più e meno concreto dei suoi avversari. Specie nel completo tutto bianco che Wimbledon ancora si diverte impunemente a imporre, sembra quello che (secondo me) potrebbe benissimo essere: una creatura con il corpo fatto sia di carne sia, in un certo senso, di luce… (Roger Federer)

218)     “Il privilegio dei morti: non moriranno più…” (Gabriele D’Annunzio)

219)       “Sincerità non è sinonimo di verità…” (Seneca)

220)       “I felici sono felici per il possesso della giustizia e della temperanza e gli infelici, infelici per il possesso della cattiveria… (Platone)

221)     “Con Valentina, la mia collaboratrice, ho appena finito di correggere un Montalbano che avevo finito prima dell’estate. Andrà avanti per altri 3-4 anni, nel cassetto di Antonio Sellerio ce ne sono altri due. Fine Montalbano? Una volta ero a Parigi con Montalban e Izzo, parlavamo della fine dei nostri personaggi: loro li hanno fatti morire, e sono morti. Io col cavolo che faccio morire Montalbano! Lo faccio scomparire come personaggio letterario, e siccome mi venne in mente 12 anni fa come farlo lo scrissi immediatamente nel timore dell’imminente Alzheimer o altra malattia. L’ho ripreso in mano l’anno scorso e l’ho riscritto, visto che la mia scrittura è cambiata, però la trama è rimasta quella che era…” (Camilleri)

222)       “Non basta una misericordia qualunque. Il peso delle iniquità sociali e personali è così grave che non basta un gesto di carità ordinaria a perdonarle…” (Papa Giovanni xxııı)

223)   “La cosa più sfortunata e pericolosa che m’è capitata nella vita è la vita, che una vorta che nasci, giri, conosci, intrallazzi, ma dalla vita vivo nunne esci… uno solo ce l’ha fatta, ma era raccomannato. Io invece nun c’ho nessuno che me spigne…” (da Il bar della rabbia) (Alessandro Mannarino)

224)       “Chi rifiuta il sogno deve masturbarsi con la realtà…” (Ennio Flaiano)

225)       “È schiavo per natura chi può appartenere a un altro (per cui è di un altro) e chi in tanto partecipa di ragione in quanto può apprenderla, ma non averla: gli altri animali non sono soggetti alla ragione, ma alle impressioni. Quanto all’utilità, la differenza è minima: entrambi prestano aiuto con le forze fisiche per le necessità della vita, sia gli schiavi, sia gli animali domestici. Perciò la natura vuol segnalare una differenza nel corpo dei liberi e degli schiavi: gli uni l’hanno robusto per i servizi necessari, gli altri eretto e inutile a siffatte attività, ma adatto alla vita politica (e questa si trova distinta tra le occupazioni di guerra e pace): spesso però accade anche il contrario, taluni, cioè, hanno il corpo di liberi, altri l’anima, ché certo, se i liberi avessero un fisico tanto diverso quanto le statue degli dèi, tutti, è evidente, ammetterebbero che gli altri meritano di essere loro schiavi: e se questo è vero nei riguardi del corpo, tanto più giusto sarebbe porlo nei riguardi dell’anima: invece non è ugualmente facile vedere la bellezza dell’anima e quella del corpo. Dunque, è evidente che taluni sono per natura liberi, altri, schiavi, e che per costoro è giusto essere schiavi…” (I, 5, 1254b-1255a) (Aristotele)

226)        “Accordo sul nucleare Iran resti intatto, ha aiutato pace…” (Hua Chunying)

227)       “Con la Corea del Nord Esercito si tenga pronto…” (James Mattis)

228)       “La guerra al carbone è finita…” (Scott Pruitt)

229)       “Trump è un bianco suprematista” (Jemele Hill)

230)       “Macri il Presidente Argentino ha preso molto sul serio il caso Maldonado…” (Bono Vox leader U2)

231)       “È meglio il silenzio che l’equivoco…” (Arthur Rimbaud)

232)     “Amo Napoli perché mi ricorda New York, specialmente per i tanti travestiti e per i rifiuti per strada. Come New York è una città che cade a pezzi, e nonostante tutto la gente è felice come quella di New York…” (Citato in Napoli Nobilissima: Volume 19, Arte Tipografica, 1980) (Andy Warhol)

233)       “Mi contraddico? Certo che mi contraddico! Sono vasto, contengo moltitudini…”  (da Canto di me stesso) (Walt Whitman)

234)        “La fiducia che il governo porrà sul Rosatellum è una vergogna…” (Pippo Civati Possibile)

235)       “Meno Raid da parte degli Usa per questo l’Isis avanza in Iraq…” (Igor Konashenkov)

236)       “La valutazione della maggioranza sarebbe che è opportuna la fiducia perché il testo è frutto di un faticoso equilibrio tra maggioranza e opposizione e sottoporlo ai voti segreti metterebbe in difficoltà il complesso del testo…” (Rosato Capogruppo PD alla Camera dei Deputati)

237)        “La fiducia sulla legge elettorale è un atto eversivo e incostituzionale fatto da chi ha paura dei suoi. Gentiloni si opponga e Mattarella intervenga…!” (Toninelli Deputato M5S)

238)        “Mettere la fiducia a pochi giorni dallo scioglimento delle Camere è oltre i limiti della democrazia…” (Speranza Coordinatore Nazionale MDP)

239)        “Una vergogna, un atto indegno! Per la seconda volta un governo vuole blindare una legge elettorale vietando il dibattito in Aula…” (Pippo Civati Possibile)

240)        “La mia vita è stata una grande perdita di tempo…” (George Michael autobiografia pubblicata post mortem)

241)       “Sei tu a controllare il confronto. Nessuno può farti del male, a meno che non sia tu a consentirglielo…” (Bruce Lee)

242)       “Comunichi al Senatore Agnelli che nei nuovi stabilimenti Fiat devono esserci comodi e decorosi refettori degli operai. Gli dica che il lavoratore che mangia in fretta e furia vicino alla macchina non è di questo tempo Fascista. Aggiunga che l’uomo non è una macchina adibita ad un’altra macchina. (telegramma datato 16 luglio 1937, indirizzato al Prefetto di Torino, [http://gazzettadimantova. gelocal. it/agenda/2011/02/10/news/la-fiat-e-mussolini-1.150553 La Fiat e Mussolini], Gazzetta di Mantova]) (Benito Mussolini)

243)        “Grazie ragazzi per il sostegno! Raramente ho ricevuto offese sessiste e mai da persone così vicine . . . Per una donna è veramente brutale . . . ” (Federica Pellegrini)

244)       “Nondimanco, perché il nostro libero arbitrio non sia spento, iudico poter essere vero che la fortuna sia arbitra della metà delle azioni nostre, ma che etiam ne lasci governare l’altra metà, o presso, a noi. Et assomiglio quella a uno di questi fiumi rovinosi, che, quando s’adirano, allagano e’ piani, ruinanogli alberi e gli edifizii, bevono da questa parte terreno, pongono da quell’altra; ciascuno fugge loro dinanzi, ognuno cede allo impeto loro, sanza potervi in alcuna parte obstare. E benché sieno così fatti, non resta però che gli uomini, quando sono tempi quieti, non vi potessimo fare provvedimenti, e con ripari e argini, in modo che, crescendo poi, o egli andrebbono per uno canale, o l’impeto loro non sarebbe né sì licenzioso né sì dannoso. Similmente interviene della fortuna; la quale dimostra la sua potenzia dove non è ordinata virtù a resisterle; e quivi volta li sua impeti dove la sa che non sono fatti gli argini e li ripari a tenerla…” (cap. XXV) (Niccolò Machiavelli)

245)       “Non solo l’uomo, ma anche gli animali hanno il soffio-spirito di Dio…” (Papa Giovanni Paolo ıı)

246)       “Pochissimi dei matrimoni già stretti potrebbero durare se tutti i passi fuori strada delle mogli non restassero celati per la cecità o la stupidità dei mariti…” (Erasmo Da Rotterdam)

247)       “Non puoi indicare una stella a qualcuno senza che l’altra tua mano gli si posi sulla spalla…” (libro un cerbiatto somiglia il mio amore) (David Grossman)

248)       “Ama la verità, mostrati qual sei, e senza infingimenti e senza paura e senza riguardi. E se la verità ti costa la persecuzione, e tu accettala; e se il tormento, e tu sopportalo. E se per la verità dovessi sacrificare te stesso e tua vita, e tu sii forte nel sacrificio…” (volume 1, pag. 70)“ (Giuseppe Moscati)

249)       “Canzoni che parlano d’amore perché alla fine, dai, di che altro vuoi parlare? Che se ti guardi intorno non c’è niente da cantare solamente un grande vuoto che a guardarlo ti fa male…” (da Canzone contro la paura) (Brunori Sas)

250)       “La vita con te è stata un sogno- e quando dico un sogno, intendo colombi e gigli, e velluto, e quel roseo “V” nel mezzo e il modo che avevi di arricciare la lingua nel pronunciare quella lunga languida ‘l. La nostra vita insieme era fatta di allitterazioni, e quando penso a tutte le piccole cose che morranno, ora che non possiamo più condividerle, mi sembra d’essere morto anch’io. E forse lo siamo…”  (Vladimir Vladimirovic Nabokov)

251)       “Quindi vada come vada sicuro è per la vita sta partita da giocare fino a che è finita…” (da Tutto può succedere) (Neffa)

252)        “Raggi? Lascerà se condannata! Non abbiamo mai detto che se la Raggi viene condannata non si deve dimettere. Se tutte le forze politiche avessero un codice etico oggi non ci sarebbe nemmeno un sindaco in Italia. Le forze politiche sulle questioni morali dovrebbero intervenire con delle regole interne come ha fatto il Movimento 5 Stelle…” (Luigi Di Maio intervistato dalla trasmissione di La7 Di Martedì condotta da Giovanni Floris)

253)        “La democrazia oggi è in pericolo, è a rischio. Il Parlamento viene composto dai rappresentanti del popolo. Con questa legge sarà composto da rappresentanti dei partiti. La fiducia è un atto eversivo. Ricordo che questo Parlamento venne eletto da una legge dichiarata incostituzionale, il Porcellum. Approvato poi l’Italicum, pure incostituzionale. Poi la Corte dice “andiamo al voto con questa legge” e invece la legge ci mette la faccia. Solo Mussolini aveva fatto cose simili…” (Alessandro Dì Battista su Radio Capital)

 254)       “Il nodo centrale è abbandonare la mitologia della modernità, cioè l’idea che tutto dipende da te e che tu sei il padrone assoluto della tua vita. Io non ho deciso di nascere: questo azzera ogni discussione…” (Giovanni Lindo Ferretti)
255)        “Evolution il nuovo disco, sono la stessa di sempre. Parla di me adesso, la stessa di ieri, solo in un altro modo… più forte, più saggia, migliore…” (Anastacia)
256)        “Se lasciate che vengano di nuovo cambiate le regole elettorali per far sì che la melma del paese torni in alto ancora una volta saranno i vostri figli a farne le spese. I cittadini avranno la loro parte di responsabilità se nascerà l’ennesima legge elettorale porcata. Non lasciare nulla a chi ci seguirà, ai nostri discendenti è una cosa che non ha nessuna scusante…” (Beppe Grillo)
257)        “Jeremias sei un maleducato, invece che parlarne vai via e poi ritorni, come un bambino viziato…” (Aida Yespica dalla Casa del Grande Fratello Vip in un litigio con Jeremias Rodriguez fratello di Belen)
258)        “Al Bano ama me! Romina fattene una ragione, Al Bano è mio…” (Loredana Lecciso al settimanale Chi)
259)        “Al Bano mi ama ancora e io amo Al Bano…” (Romina Power intervistata nello studio di Verissimo di Silvia Toffanin)
260)       “Le cognizioni non sono come le ricchezze, che si dividono e si adunano, e sempre fanno la stessa somma. Dove tutti sanno poco, e’ si sa poco; perché la scienza va dietro alla scienza, e non si sparpaglia…” (Dialogo di Tristano e di un amico) (Giacomo Leopardi)
261)        “Renzi ha fatto perdere la faccia a Gentiloni. Si traccia un’altra macchia indelebile sul profilo di questa legislatura. Gentiloni perde la faccia per mano di Renzi, mandante neanche troppo occulto. Forse il Premier non è in Aula perché avverte l’imbarazzo della sua scelta e chissà che uno degli obiettivi del segretario del suo partito non sia stato interrompere la credibilità del suo esecutivo…” (Alfredo D’Attorre MDP)
262)        “Questo Governo e questo Parlamento sono fatti di indegni e di bugiardi. Non avete la dignità per rappresentare gli Italiani, non rappresentate quei cittadini che avete zittito con un colpo di mano. La fiducia viene posta come nel 1923 sulla legge Acerbo e poi sulla legge truffa…” (Danilo Toninelli Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati)
263)       “Ogni impero che c’è nel mondo è una pallida imitazione dell’impero Romano, pallidissima…” (Roberto Benigni)
264)        “Messi è la prova che Dio esiste…” (Bono Vox leader degli U2 in concerto a La Plata Argentina)
265)        “Domani sera, quando ci sarà il voto finale sulla legge elettorale, noi faremo una veglia per la democrazia davanti al Parlamento. Non finisce qui, dobbiamo batterli, saremo anche davanti al Senato. Renzi è disposto a dare il paese a Berlusconi, pur di non darlo al M5S. Salvini a darlo a Renzi e Berlusconi ma dopo questa piazza li manderemo tutti a casa…” (Luigi Di Maio candidato premier del M5S in piazza Montecitorio)
266)        “Quando l’opposizione dice comprendiamo la fiducia . . . Non si è mai visto . . . (Bersani ai giornalisti su l’inciucio tra PD e FI)
267)       “Sarà per sempre amore quello che avrai da me, ricorda che a nessuno ho dato come a te…” (Gianna Nannini)
268)       “Avanti tira i dadi, ti dico un mio segreto: io esco con la pioggia; mi fa sentire vetro… Più dico che all’immagine di Dio non ci credo, più trasparente e fragile mi sento solo e prego…” ( da Spazzacamino) (Rancore)
269)        “Parimente, quando ha esaurito tutte le miserie, le privazioni, le tempeste, i ruggiti, le catastrofi, le agonie, contro un uomo rimasto ancora in piedi, la Fatalità sorride, e l’uomo, divenuto ebbro all’improvviso, barcolla…” (Victor Hugo)

270)     “In fondo al cuore le donne pensano che compito dell’uomo è guadagnare soldi, e compito loro spenderli…” (da Parerga e Paralipomena) (Arthur Schopenhauer)

271)       “Al principio di tutte le storie che finiscono male c’è una donna, non si sbaglia. Tu sei giovane, impara quello che ti dico: la guerra è tutta colpa delle donne…” (Italo Calvino)
272)        “Il Cavaliere non ce la farà… manovra debole… dati PIL sovrastimati… finiremo come la Grecia…” (Due Ministri del Governo Berlusconi dall’Ambasciatore USA a Roma Estate 2011)
273)       “Che Guevara fu un comunista di merda, un rivoluzionario che ammazzava gente innocente e disarmata…” (Vittorio Feltri)
274)       “La lotta alla mafia, il primo problema da risolvere nella nostra terra bellissima e disgraziata, non doveva essere soltanto una distaccata opera di repressione, ma un movimento culturale e morale che coinvolgesse tutti e specialmente le giovani generazioni, le più adatte a sentire subito la bellezza del fresco profumo di libertà che fa rifiutare il puzzo del compromesso morale, dell’indifferenza, della contiguità e quindi della complicità…”
(Paolo Borsellino)
275)       “Se un pentito rivela che un candidato è stato aiutato dalla mafia per interessamento di un alto esponente del suo partito, che invece risulterebbe un suo avversario, la rivelazione batte la logica, e si va avanti lo stesso… La certezza è che così non si fa un passo avanti nella dura lotta alla mafia…”
(Giovanni Falcone)
276)     “Fra eterni dubbi e nebbie persistenti ci sforziamo chiediamo nuovamente e con più forza: che promesse ha mantenuto il profeta? Dopo che l’olezzo delle divinità è stato spazzato via dal vento della nuova verità che fine ha fatto l’abisso misterioso dionisiaco nettare dio-non-dio di cui la nuova umanità doveva cibarsi? Che forse ci siamo nuovamente imbastarditi, dunque forse ci ritroviamo rimpinzati a adorare nuovi idoli moderni resi forti proprio dalla distruzione di tutto ciò che era vetusto antiquato, d’inciampo alla manifestazione della vita? Che ne è stato della volontà di potenza che ha permesso di poter proseguire su corde tese sull’abisso più tremendamente vertiginoso? Abbiamo sciolto i legacci che impedivano alle ali di avere l’aria per poi convincersi che volare è una storia da fanciulli? Abbiamo venduto per trenta denari d’argento il segreto in cambio dello sfatamento, del disincanto? Abbiamo rotto un eterno ritorno per un nuovo ciclo di diverso periodo e rivoluzione. Abbiamo fatto rapprendere il caos in caso. Abbiamo in definitiva preteso troppo e non siamo riusciti a non scoppiare per poi accasciarci divelti e lasciarci trasportare da quello che è il mondo. Ammettiamolo siamo stati a volte e di nascosto paghi e soddisfatti, anche noi abbiamo acceso qualche lume, bruciato del grasso odoroso ai nuovi dei, commesso nuovi peccati seguito nuove virtù. C’è un qualche scarto fra quello che profondamente siamo e quello che semplicemente pensavamo pensiamo d’essere. E come se la sovrapposizione fra le due cose fosse imperfetta. Ed è li che si insinua, in quelle crepe in quelle fessure, tutto ciò che non è libertà. Cos’è a questo punto l’Uomo. Anche i prefissi hanno fallito. Dobbiamo rassegnarci? A cosa dobbiamo rassegnarci. Al fatto di non poter tornare indietro che ciò che si smaschera non può essere rivelato? all’impossibilità di reggere il tremendo paradosso di un nulla adesso non più ricolmo e saturo di potenza ma sempre più vuoto? Giuravamo guerra a quelli dell’umanità e adesso non riusciamo a reggere i nostri inganni, ecco ciò che ci siamo ridotti a pensare. Come rispondere a questi tranelli come sfuggire a queste perseguitanti domande? Ecco la mia estrema panacea e rimedio: innalzate vorticose are all’esempio unico comandamento e redentore unica grazia e liberazione. Che vibri il fiato negli ottoni per annunciare l’Unico nostro strumento contro la nostra rassegnazione. (da una lettera al dott. Skitafka 24 agosto 1900)
(Friedrich Nietzsche)
277)     “Sento che ci stiamo cercando, è inutile che dici di no. (da Ti pretendo)
(Raf)
278)        “Salvini fà più schifo di Renzi e Berlusconi messi insieme…”
(Beppe Grillo)
279)       “Io, come Magic Johnson, come altri giocatori, ho fatto qualcosa per questo sport. Sì, posso dire che noi eravamo il basket…”
(Larry Bird)
280)      “Nel 1992 le scelte sbagliate del governatore della Banca d’Italia, Ciampi, portarono ad una svalutazione della lira del 30 per cento e il governo chiese un prestito che ci tagliò le gambe per gli anni a venire…”
(Emmanuele Emanuele)
281)       “Barbie era la nostra icona. Il suo successo dipendeva dal suo corpo perfetto, indipendentemente dal mestiere e dall’età. Barbie era sempre impeccabile e sublime. Barbie era sempre eterosessuale e sposata. Barbie era sempre felice e vincente. La vita rappresentata nel mondo delle Barbie era, dunque, mitica e irraggiungibile. Le bambine della mia generazione sono cresciute con la convinzione che tutto fosse possibile e che bastasse «volere» per «potere». Barbie ci riusciva; perché non dovevamo riuscirci anche noi? In fondo, bisognava solo imparare a «controllarsi»: controllare il corpo, controllare le emozioni, controllare i bisogni…”
(Michela Marzano)
282)       “Quando entrammo nell’euro, alla fine degli anni 90, nessuno della delegazione italiana riuscì a capire perché il cambio venne fissato a 1936 lire per un euro, un livello assurdo frutto evidentemente della volontà della Germania di annullare la concorrenza dell’industria italiana…”
(Emmanuele Emanuele)
283)       “Se un tramonto è così bello, pensa che cosa deve essere Dio che l’ha creato! Se attraverso il canto degli uccelli percepisco un concerto così meraviglioso, come potrà essere il concerto del paradiso, il concerto dell’Amore degli amori? Se guardando le vette delle montagne resto senza fiato, che mai potrà essere la maestosità della bellezza di Dio? Che cosa accadrà quando potrò vederlo faccia a faccia…?” (libro Solo l’amore resta: Nuovi Orizzonti nell’inferno della strada)
(Chiara Amirante)
284)       “A euro introdotto, l’ex ministro delle allora Attività produttive, Antonio Marzano (lo ha ricordato egli stesso nel dibattito), chiese di poter lasciare nei negozi i doppi prezzi, in lire e in euro, ma Bruxelles e la Germania dissero di no…”
(Emmanuele Emanuele)
285)       “La creazione di linguaggi e della mitologia sono attività correlate…” (Il medioevo e il fantastico, Un vizio segreto)
(John Ronald Reuel Tolkien)
286)       “I prezzi in lire divennero in pochi giorni prezzi in euro con una clamorosa penalizzazione dei consumatori, soprattutto di quelli a reddito fisso, cosa che è tuttora alla base dell’impoverimento dei ceti medi italiani…”
(Emmanuele Emanuele)
287)       “Dal 2011 il Tesoro ha perso 24 miliardi sui derivati, 8 miliardi solo nel 2016, a causa di contratti capestro che si chiudono e si riaprono alle stesse condizioni, cosa che ha vanificato il ribasso dei tassi della Banca centrale europea. Il risultato, secondo Emanuele, è che abbiamo perso due milioni di posti di lavoro dall’introduzione dell’euro, che la spesa pubblica improduttiva è triplicata, che la grande industria è sparita o è stata comprata a prezzi di saldo dagli stranieri, che la piccola e media industria è soffocata dalle tasse e dalla burocrazia, che il governo Monti ha peggiorato le cose con la Tobin Tax allontanando i capitali stranieri, che le banche italiane sono in grossa difficoltà…”
(Emmanuele Emanuele)
288)       “La pazzia è come il paradiso. Quando arrivi al punto in cui non te ne frega più niente di quello che gli altri possono dire, sei vicino al cielo…”
(Jimi Hendrix)
289)         “Fare una legge elettorale contro il M5S sei mesi prima del voto è immorale. Una cosa criminale e lo dico da liberale. Non sono un elettore M5S. Ma con che faccia partiti che ricevono un premio in seggi che lì sovrarappresenta rispetto a un eventuale partito di maggioranza relativa, poi si mettono a costruire un governo…?”
(Paolo Mieli)
290)       “I battimani sono una droga da cui i cristiani dovrebbero guardarsi con più attenzione…”
(Carlo Carretto)
291)       “Escludo un governo di larghe intese, per storia e ideologia se non ho la maggioranza io mi ritiro, perché è colpa degli Italiani se non sanno giudicare chi è capace da chi invece non ha mai fatto niente. Vuol dire che siamo un popolo che non merita nulla…”
(Silvio Berlusconi)
292)       “Renzi si è sia bevuto il cervello…siamo sull’ orlo di un’ esplosione di malcontento che non verrà più controllata da nessuno. Qui si gioca con il fuoco…Lasciamo perdere che si riproduce un Parlamento di nominati. E lasciamo perdere che lo fanno a colpi di voti di fiducia. Quel che più mi indigna è che fanno una legge solo per fottere i grillini; li capisco se protestano. È stata una mossa ignobile. In cambio dal giorno dopo avremo l’ ingovernabilità delle accozzaglie politiche. Delle pseudocoalizioni. Della paccottiglia. Più una marea di partitini perché lo sbarramento al 3% è una burla.Ma il Pd secondo me non ha fatto bene i suoi calcoli. Renzi con chi si va ad alleare? Con Alfano? Non so in Sicilia, ma qui al Nord con Alfano i voti si perdono. Oppure con Pisapia?L’ unico effetto che vedo è che bersaniani e compagnia si raggrupperanno in chiave antirenziana. E che anche il centrodestra si unirà: dio non voglia, magari vincerà le elezioni. Capisco bene, quindi, l’ interesse di Berlusconi: gli hanno ridato centralità. E capisco pure l’ interesse di Salvini, che si è fatto i suoi calcoli, e medita di ripercorrere la strada di Bossi che nel 1994 si fece pagare caro, in numero di seggi sicuri, l’ appoggio a Berlusconi. Tatticamente parlando, io questa mossa di Renzi non la capisco proprio. Io vedo solo l’ ossessione di non far vincere i grillini, che con il proporzionale magari sarebbero arrivati primi e Mattarella avrebbe avuto l’imbarazzo di dare l’ incarico a Di Maio. Ma intanto si approfondisce il fossato tra la politica e la società. E temo seriamente che dopo i grillini vengano altri populismi, eversivi, non antipolitici ma antisistema. Bisognerebbe pensare più alla povertà, alle diseguaglianze, alla disoccupazione giovanile che sta al 35%, al precariato universale. Invece no, procedono a colpi di maggioranza, e non fanno altro che rinfocolare i risentimenti…”
(Massimo Cacciari)
293)       “La letteratura, come tutta l’arte, è la confessione che la vita non basta…” (da Obras em Prosa de Fernando Pessoa. Textos filosóficos e esotéricos. Prefácio, organização e notas de A. Quadros, Europa-America, Lisboa 1987 (vol. VI n.° 417 della collana “Livros de Bolso Europa-América”), pag. 60)
(Fernando Pessoa)
294)       “Come tutti i narcisisti tu non hai mai vissuto per davvero. Hai sempre e soltanto interpretato un personaggio. E visto che è il tuo personaggio, gli hai dato tutte le qualità, altruismo incluso. Ma è tutta una recita, è tutta una dannata bugia…”
(Gianrico Carofiglio)
295)       “Fuori il mondo ruggisce o si addormenta, scoppiano le guerre, gli uomini vivono e muoiono, alcune nazioni periscono, altre, che verranno presto inghiottite, sorgono, e in tutto questo rumore e questo furore, in queste esplosioni e risacche, mentre il mondo avanza, si infiamma, si strazia e rinasce, si agita la vita umana…”(Renée, p. 83)
(Muriel Barbery)
296)       “Avere il coraggio di donare al prossimo quello che a suo tempo non si è ricevuto…”
(Carlo Zannetti)
297)       “A che ti giova insegnare agli altri… se intanto tu per primo non ascolti te stesso…? “(dalla Lettera a Cicerone, nella raccolta delle Familiares)
(Francesco Petrarca)
298)       “Il mare è un antico idioma che non riesco a decifrare…” (da Luna di fronte)
(Jorge Luis Borges)
299)       “Innumerevoli i ritorni tuoi, mi piace perderti, poi riprenderti, eccedere alla voglia che ho di te…” (da Dipendenza fisica)
(Noemi)
300)       “L’amore è nutrito dall’immaginazione, che ci fa diventare più saggi di quanto sappiamo, migliori di come ci sentiamo, più nobili di come siamo… Solo ciò che è delicato, e concepito con delicatezza può dare nutrimento all’Amore. Invece all’Odio tutto dà nutrimento…”
(Oscar Wilde)
301)       “Amare, non è prendere un altro per completarsi, bensì offrirsi ad un altro per completarlo. Sarai pronto per l’amore autentico, quando il tuo bisogno e, soprattutto, la tua volontà di donare, saranno più forti del tuo bisogno e della tua volontà di prendere…”
(Michel Quoist)
302)       “C’è qualcosa di attraente per un mistico, in un paese come questo, così ricco di specchi. Un mistico è una persona che ritiene infatti che due mondi siano migliori di uno. Nel senso più alto, davvero ogni pensiero è un riflesso. In questo consiste la verità più vera: ritenere che i secondi pensieri siano migliori dei primi. Gli animali non hanno secondi pensieri; solo l’Uomo è in grado di vedere i propri pensieri doppi, nello stesso modo in cui un ubriaco vede doppio un lampione. Solo l’Uomo è capace di vedere i propri pensieri capovolti, nello stesso modo in cui vede una casa riflessa in una pozzanghera. Questa duplicazione mentale, come in uno specchio, è – lo ripeto – la cosa più intima della filosofia umana. C’è del misticismo, una verità al limite del mostruoso, nell’asserzione che due teste sono migliori che una. Perché entrambe dovrebbero crescere sullo stesso corpo…”
(Gilbert Keith Chesterton)
303)       “Dimmi perché devi complicare tutto? Vedo il modo in cui fingi di essere qualcun altro, mi da’ sui nervi, la vita è così: cadi, strisci, scappi e prendi quello che hai e lo trasformi in onestà e promettimi che non ti sorprenderò mai a fingere…”
(Avril Lavigne)
304)       “[Alessandro Del Piero] Il mio idolo. [Lui calcia le punizioni meglio di me] E non lo dico così per dire. Io sono bravo dal limite, soprattutto. Ale, anche da più lontano. Colpisce la palla in modo tale che ne escono traiettorie forti, strane. Penso a quella che rifilò allo Zenit. Calcia con un effetto “muy raro”, fossi un portiere non saprei dove piazzarmi…”
(Ronaldinho)
305)       “[Riferito a Lionel Messi] Penso che siamo stati da stimolo l’uno con l’altro ed è anche per questo che la competizione è a livelli altissimi e perché Real e Barça sono le squadre migliori al mondo…”
(Cristiano Ronaldo)
306)       “In un angolo del campo di concentramento, a un passo da dove si innalzavano gli infami forni crematori, nella ruvida superficie di una pietra, qualcuno, chi?, aveva inciso con l’aiuto di un coltello forse, o di un chiodo, la più drammatica delle proteste: «Io sono stato qui e nessuno racconterà la mia storia…” (da Le rose di Atacama)
(Luis Sepulveda)
307)       “Vuoi trascorrere il resto della tua vita vendendo acqua zuccherata, o vuoi una possibilità di cambiare il mondo…? [A John Sculley, allora presidente della Pepsi, per convincerlo a far parte di Apple]
(Steve Jobs)
308)       L’FBI circonda la casa: – “Buttate fuori il bambino, consegnateci le armi e uscite a mani in alto!”; – I rapitori rispondono: “Buttiamo fuori il bambino, ma lasciateci tenere le armi e andarcene con la nostra auto!”; – FBI: “Buttate fuori il bambino, vi lasciamo andare con la macchina, ma consegnateci le armi!”; – I rapitori: “Buttiamo fuori il bambino, ma lasciateci le armi, non abbiamo bisogno di andare in macchina!”; – FBI: “Tenetevi il bambino… No, un momento, ho fatto casino…”
(Woody Allen)
309)      “I pretesi grandi uomini non sono che le «etichette» della storia; essi dànno il loro nome agli avvenimenti, senza neppure avere, come le etichette, il minimo legame col fatto stesso…”
(Levnikolajevic Tolstoj)
310)       “Se avessimo a cuore le donne, se le amassimo veramente, le aiuteremmo a capire che l’aborto crea una ferita che non si rimargina più; le aiuteremmo a non arrivare ad un atto di così grande crudezza…”
(Ernesto Olivero)
312)       “In ogni caos c’è un cosmo, in ogni disordine un ordine segreto…”
(Carl Gustav Jung)
313)       “La cultura non si può ottenere se non si conosce la propria storia…”
(Dario Fo)
314)        “La cultura non ha ne padri e ne nazioni… la cultura è universalmente libera…”
(Diego Baglioni)
315)       “Scoprii che più amara della morte è la donna, che è come il laccio dei cacciatori, il suo cuore è come una rete, le sue mani funi…” (Terzo giorno, Notte)
(Umberto Eco)
316)       “Tanti altri sguardi l’avevano accarezzata in quel modo, ma credo proprio che preferisse il mio, che ci trovasse più talento…” (libro Biglietto scaduto)
(Romain Gary)
317)       “I lupi sani e le donne sane hanno in comune talune caratteristiche psichiche: sensibilità acuta, spirito giocoso, e grande devozione. Lupi e donne sono affini per natura, sono curiosi di sapere e possiedono grande forza e resistenza. Sono profondamente intuitivi e si occupano intensamente dei loro piccoli, del compagno, del gruppo. Sono esperti nell’arte di adattarsi a circostanze sempre mutevoli; sono fieramente gagliardi e molto coraggiosi. Eppure le due specie sono state entrambe perseguitate…” (libro Donne che corrono coi lupi. Il mito della donna selvaggia)
(Clarissa Pinkola Estes)
318)       “L’individuo isolato è incapace di resistere a lungo alle sollecitazioni del mondo, mentre nell’amore vicendevole trova l’ambiente sano, capace di proteggere la sua purezza e tutta la sua autentica esistenza cristiana…” (Novembre 1999)
(Chiara Lubich)
319)       “Mare, mare, mare ma sai che ognuno c’ha il suo mare dentro al cuore, sì, e che ogni tanto gli fa sentire l’onda…” (da Mare mare)
(Luca Carboni)
320)       “Non ricordo quante volte, dopo aver detto che sono vegetariano, il mio interlocutore ha reagito sottolineando una qualche incoerenza nel mio stile di vita o cercando di trovare qualche fallacia in un ragionamento che non avevo mai fatto… spesso ho avuto la sensazione che il mio vegetarianismo importasse molto più a queste persone che a me…”
(Jonathan Safran Foer)
321)       “Quand’io in Roma fui messo in prigione, reclamai più volte contro l’ingiusto trattamento che mi si usava. Una volta feci sapere per mezzo del giudice Pianore al re Francesco II che io gli aveva renduto dei grandi servigi, e che in compruova aveva due lettere che al re medesimo erano spedite da Bari. In risposta mi si fece sapere che il re medesimo non poteva ammettermi alla sua presenza per non compromettersi colle Potenze, ma che però mi confortava a stare di buon animo. Lo stesso mi fece ripetere altra volta, per monsignore Matteucci. Le autorità pontificie poi mi fecero sentire che esse non mi potevano mettere in libertà, perché il Governo italiano le avrebbe accusato alle Potenze estere di favoritismo e di protezione verso i briganti…” (citato in Il brigante Crocco e la sua autobiografia)
(Carmine Crocco)
322)       “Harlock non riesce ancora a credere che la terribile avventura possa aver raggiunto il suo epilogo. Continua a chiedersi sgomento: “Perché abbiamo vinto?”. Ma non riesce a dare una risposta precisa a questo perché. Pensa alla sterminata flotta mazoniana, che a volta appariva immensa come una galassia; all’esercito di Raflesia, efficiente e preciso come un orologio, guidato con un ordinamento ferreo e spietato; al suo minuscolo esercito, composto da quaranta pirati dilettanti, uniti da una forma di fraternità e di umana reciproca abnegazione. Ecco, ecco il perché che Harlock non riusciva a trovare. La spiegazione dei fatti più complicati la si trova a volte nelle spiegazioni più semplici, come nella nostra storia…” (Voce narrante)
(Leiji Matsumoto)
323)       “9 è il quadrato di 3… 9 è il numero atomico del fluoro, 9 mesi la gestazione, 9 le Muse e 9° è la sinfonia che contiene l’Inno alla Gioia di Beethoven…!” [Sepang 2009, Valentino Rossi vince il 9° titolo mondiale in carriera]
(Guido Meda)
323)       “Lasciami lo spazio ed il tempo e cerca di capirmi dentro…” (da Dove si vola)
(Marco Mengoni)
324)       “Diciamo che c’è un lato di me, quello rappresentato nei media, che non corrisponde a chi sono davvero nella vita privata. La gente crede di conoscermi perché da anni mi vede al cinema e legge di me sui giornali. Hanno come la sensazione che siamo cresciuti insieme. Ma io ho una dimensione personale che nessuno conosce…”
(Emma Watson)
325)       “Che cos’è questa valle per una famiglia che viene dal mare, che non sappia niente della luna e dei falò? Bisogna averci fatto le ossa, averla nelle ossa come il vino e la polenta, allora la conosci senza bisogno di parlarne…”
(Cesare Pavese)
326)       “Non è il potere che corrompe, ma la paura. Il timore di perdere il potere corrompe chi lo detiene e la paura del castigo del potere corrompe chi ne è soggetto…”
(Aung San Suu Kyi)
327)       “Sognate e la realtà supererà i vostri sogni…”
(Josemaria Escriva De Balaguer)
328)       “Non sapendo quando l’alba arriverà, tengo aperta ogni porta…”
(Emily Dickinson)
329)       “Preoccupati più della tua coscienza che della reputazione. Perché la tua coscienza è quello che tu sei, la tua reputazione è ciò che gli altri pensano di te. E quello che gli altri pensano di te è problema loro…”
(Charlie Chaplin)
330)       “Per quanto le tue possibilità di successo sembrino remote, devi spingerti sempre fino al limite massimo delle tue capacità e tentare la sorte…” (libro Rafa. La mia storia)
(Rafael Nadal)
331)        La memoria vera sono gli occhi della verità . . . più la memoria è profonda più la verità diventa nitida . . .
(Diego Baglioni)
332)       “Ascolto e mi sento dettare un mondo congelato in perdita d’equilibrio, sotto una luce debole e calma e niente di più, sufficiente per vedere, capite, e congelata anch’essa. E sento mormorare che tutto si flette e cede, come sotto dei pesi, ma qui non ci sono pesi, e anche il suolo, inadatto a reggere, e anche la luce, verso una fine che sembra non debba mai esserci. Perché che fine può esserci a queste solitudini in cui non ci fu mai vero chiarore, né verticalità, né solida base, ma sempre queste cose pencolanti, slittanti in un franare senza fine, sotto un cielo senza memoria di mattino né speranza di sera. Queste cose, quali cose, venute da dove, fatte di che? E sembra che qui nulla si muova, né mai si sia mosso, né mai si muoverà, salvo io, che non mi muovo neanch’io quando sono qui, bensì osservo e mi mostro. Sì, è un mondo finito, malgrado le apparenze, è la sua fine che lo ha suscitato, è finendo che è cominciato, è abbastanza chiaro? E anch’io sono finito, quando ci sono, gli occhi mi si chiudono, le mie sofferenze cessano e io finisco, piegato come non possono esserlo i viventi…”
(Samuel Beckett)
333)       “Sì, ho litigato con il Papa. Ci ho litigato perché sono stato in Vaticano, e ho visto i tetti d’oro, e dopo ho sentito il Papa dire che la Chiesa si preoccupava dei bambini poveri… allora venditi il tetto, amigo, fai qualcosa!!!”
(Diego Armando Maradona)
334)       “Credo che al di là di tutto ci sia nella vita un meraviglioso disegno che non comprendiamo quasi mai, perché siamo soliti considerare il tappeto dalle parte dei nodi, non dalla parte giusta…”
(Roberto Vecchioni)
335)       “Tu che sei nei miei giorni: certezza, emozione, nell’incanto di tutti i silenzi che gridano vita sei il canto che libera gioia, sei il rifugio, la passione…” (da Mentre dormi)
(Max Gazzè)
336)       “Scienziati messicani hanno dimostrato che sono meno aerodinamico della media delle persone. Solo l’8% dell’energia dei miei muscoli va in movimento, il resto serve a bilanciare la resistenza dell’aria. In pratica ho un coefficiente di aerodinamicità di 1.2, cioè minore del normale. Di fatto non ho la più pallida idea di cosa voglia dire. Il mestiere degli scienziati è spezzare il capello in quattro, il mio è di correre in meno tempo possibile…”
(Usain Bolt)
337)       “Ascolto voi ragazzi parlare per tutto il tempo di Daniel Bryan, allenato da Shawn Michaels. Solo per curiosità, come potete voi ragazzi non menzionare William Regal? William Regal ha fatto il vero lavoro con questo giovane ragazzo. Shawn Michaels ha preso 3000 sterline da lui, questo è tutto quello che ha davvero fatto…” (Raw del 25 ottobre 2010)
(Phil  Brooks)
338)       “Ho imparato che non posso esigere l’amore di nessuno. Posso solo dar loro buone ragioni per apprezzarmi ed aspettare che la vita faccia il resto…”
(William Shakespeare)
339)       “Per essere un poeta non è necessario scrivere. Ci sono poeti che lavorano nelle stazioni di servizio. Non mi definisco un poeta perché non amo quella parola. Sono un artista del trapezio…”
(Bob Dylan)
340)       “Si ama per un sorriso, per uno sguardo, per una spalla. Tanto basta. Allora, nelle lunghe ore di speranza o di tristezza, ci si fabbrica una persona, si compone un carattere. E quando, più tardi, si frequenta la persona amata, è impossibile ormai (per quanto crudele sia la realtà che ci vien messa innanzi) togliere quel carattere buono, quella natura di donna amorevole all’essere che ha quello sguardo o quella spalla, proprio come non possiamo, quando invecchia, togliere il suo primo volto a una persona che conosciamo fin dalla sua giovinezza… (libro Alla ricerca del tempo perduto)
(Marcel Proust)
341)       “La ragione umana, anche senza il pungolo della semplice vanità dell’onniscenza, è perpetuamente sospinta da un proprio bisogno verso quei problemi che non possono in nessun modo esser risolti da un uso empirico della ragione… e così in tutti gli uomini una qualche metafisica è sempre esistita e sempre esisterà, appena che la ragione s’innalzi alla speculazione…”
(Immanuel Kant)
342)       “Sabina aveva attorno a sé il vuoto. E se quel vuoto fosse stato la meta di tutti i suoi tradimenti? Fino ad allora, naturalmente, non se ne era resa conto e ciò era comprensibile: la meta che l’uomo persegue è sempre velata. La ragazza che desidera il matrimonio desidera qualcosa di cui non sa nulla. Il giovane che brama la gloria non ha alcuna idea di cosa sia questa gloria. Ciò che dà un senso al nostro comportamento è sempre qualcosa che ci è totalmente sconosciuto. Anche Sabina non sa quale sia la meta che sta dietro il suo desiderio di tradire. L’insostenibile leggerezza dell’essere, è questa la meta?
(Milan Kundera)
343)       “La massa degli uomini serve lo Stato in questo modo, non come uomini soprattutto, bensì come macchine, con i propri corpi. Essi formano l’esercito permanente, e la milizia, i secondini, i poliziotti, i posse comitatus, ecc. Nella maggior parte dei casi non v’è alcun libero esercizio della facoltà di giudizio o del senso morale; invece si mettono allo stesso livello del legno e della terra e delle pietre, e forse si possono fabbricare uomini di legno che serviranno altrettanto bene allo scopo. Uomini del genere non incutono maggior rispetto che se fossero di paglia o di sterco. Hanno lo stesso tipo di valore dei cavalli e dei cani. Tuttavia persino esseri simili sono comunemente stimati dei buoni cittadini. Altri, come la maggior parte dei legislatori, dei politici, degli avvocati, dei mi… nistri del culto, e dei funzionari statali, servono lo Stato principalmente con le proprie teste; e, dato che raramente fanno delle distinzioni morali, sono pronti a servire nello stesso tempo il diavolo, pur senza volerlo, e Dio…” (da Disobbedienza civile)
(Henry David Thoreau)
344)     John Cena, mentre te ne stai sdraiato lì, e spero che tu sia scomodo come non mai, voglio che tu mi ascolti. Voglio che tu assimili bene il mio discorso, perché prima che me ne vada, tra 3 settimane, con il tuo titolo WWE, ho parecchi sassolini che voglio togliermi dalle scarpe. Io non ti odio, John e nemmeno ti disprezzo. In realtà io ti apprezzo, ti apprezzo nettamente di più di quanto non apprezzi gran parte dei nostri colleghi. Io odio l’idea che tu sia il migliore. Perché non lo sei! Io sono il migliore. Io sono il migliore del mondo! C’è solo una cosa in cui tu sei migliore di me, ed è leccare il culo a Vince McMahon. Sei bravo a leccare il culo a Vince McMahon tanto quanto lo era Hulk Hogan. Non so se sei bravo quanto Dwayne, però. Lui è un leccaculo coi fiocchi. Lo è sempre stato e lo è ancora. Oops… sto uscendo dal personaggio! [cita la rottura della quarta parete] Io sono il miglior WRESTLER del mondo. Sono sempre stato il migliore, fin dal primo giorno. Quando sono approdato in questa federazione e sono stato svilito e odiato fin da allora, perché Paul Heyman vide qualcosa in me che nessun altro voleva ammettere. Esatto, io sono un pupillo di Paul Heyman. E sapete chi altri era un pupillo di Paul Heyman? Brock Lesnar! E lui ha salutato la compagnia, proprio come sto per fare io. Ma la più grande differenza tra me e Brock è che io me ne andrò con il titolo WWE. Ho conquistato così tanti degli immaginari allori di Vincent K. McMahon, che finalmente mi è chiaro: è proprio questo il punto, sono totalmente immaginari! L’unica cosa reale sono io, e il fatto che giorno dopo giorno, da quasi 6 anni, dimostro a tutto il mondo che io sono il migliore al microfono, sul ring e persino al commento! Nessuno sfiora il mio livello! Eppure, non importa quante volte lo dimostri. Non sono su quelle splendide tazze da collezione, non sono sulla copertina del programma, a malapena mi pubblicizzano, non mi fanno partecipare ai film, ovviamente non andrò mai su quei programmi merdosi sulle tv americane. Non sono sul poster di WrestleMania, non sono sulla sigla che viene prodotta a inizio show. Non vado da Conan O’Brien, non vado da Jimmy Fallon, ma la verità dei fatti è che non me ne frega niente. E fidati, non è la storia della volpe e l’uva. Ma il fatto che Dwayne sia nel main event di WrestleMania dell’anno prossimo e io no, mi fa schifo! Ah, ehi! Lasciatemi mettere in chiaro una cosa: voi che mi state acclamando adesso, voi siete il motivo principale per cui me ne vado! Perché siete voi quelli che bevono da quelle tazze da collezione, siete voi quelli che comprano le riviste sulla cui copertina non c’è il mio volto, e poi alle 5 del mattino in aeroporto cercate di sbattermele in faccia per farvele autografare e poi provare a rivenderle su E-bay, perché siete troppo pigri per trovarvi un vero lavoro! Io me ne andrò con il titolo WWE il 17 luglio e chissà, forse andrò a difenderlo alla New Japan Pro Wrestling, forse tornerò alla Ring Of Honor! Ehi, Colt Cabana! Come stai? Il motivo per cui me ne vado siete voi, perché dopo che me ne sarò andato voi continuerete a buttare soldi in questa azienda. Io sono soltanto un granello nell’ingranaggio. L’ingranaggio continuerà a girare e questo lo capisco. Ma Vince McMahon continuerà a fare soldi nonostante i suoi errori. È un milionario che dovrebbe essere un miliardario. E sapete perché non è un miliardario? Perché si circonda di sottomessi, insulsi e rincoglioniti yes-man, come John Laurinaitis, che gli dicono tutto quello che vuole sentirsi dire. E vorrei poter pensare che dopo la morte di Vince McMahon questa azienda andrà meglio, ma la realtà è che le redini saranno prese da quell’idiota di sua figlia [Stephanie McMahon] e da quel minchione del suo genero [Triple H] e dal resto della sua stupida famiglia! Lasciate che vi racconti un aneddoto privato su Vince McMahon. Noi facciamo tutta questa campagna contro il bullismo…” [gli spengono il microfono](Dopo il main event di Raw Roulette del 27 giugno 2011)
(Phil Brooks)
345)       “È nettamente il più difficile di tutti, perché è il più complesso a livello mentale, [… ], non c’è un altro sport con un simile dispendio psichico. Il dover capire chi hai davanti, come una partita può cambiare in un istante. [… ] Il pendolo oscilla in modo molto più rapido rispetto a tutti gli altri sport…”
(Federico Buffa)
346)        “Se voi pregate ed amate, ecco, questa è la felicità dell’uomo sulla terra…”
(Giovanni Maria Vianney)
347)         “Bisogna complicarsi la vita,… diceva Eduardo. Ecco. Complicarsi la vita vuol significa crearsi una serie di handicap… Questa è la preparazione, al di là, a dispetto del testo. Non ci sono testi. A dispetto dell’umanesimo, del museo, dell’arte, sempre consolatoria, sempre decorativa. A dispetto della cultura… che, ha ragione Derrida, [… ] nell’etimo… deriva da colo, colonizzare… Quindi non c’è niente… a dispetto dell’intelligenza bisogna essere stupidi, infinitamente stupidi, per essere nell’abbandono…”
(Carmelo Bene)
348)       “Le cose che, veramente secondo me, hanno un peso determinante sono gli addii. Perché, non c’è niente da fare, per andare avanti si lascia qualcosa indietro e l’addio è sempre determinante…” (da un’intervista di Daniele Luttazzi nel programma Satyricon, 14 febbraio 2001)
(Vinicio Capossela)
349)        “Gli oltraggi subiti dalle popolazioni meridionali sono incommensurabili. Sono convinto di non aver fatto male, nonostante ciò non rifarei oggi la via dell’Italia meridionale, temendo di essere preso a sassate, essendosi colà cagionato solo squallore e suscitato solo odio…”
(Giuseppe Garibaldi)
350)       “La Juve è una fede che continua a essermi appiccicata addosso. Sono da compatire quelli che tifano per altri colori, perché hanno scelto di soffrire. Sembrava una battuta, invece lo pensavo e lo penso tutt’ora…”
(Gianpiero Boniperti)
351)       “Invece di rubare il grano, potreste comprarlo. Quanto ve ne occorre? Avete ancora una gran quantità di cose considerate straordinariamente preziose dagli uomini. Potreste commerciare.” Filavandrel fece un sorriso sprezzante. “Con voi? Mai.” Geralt contrasse il viso in una smorfia, facendo screpolare il sangue rappreso sulla guancia. “Che il diavolo vi porti insieme con la vostra arroganza e col vostro disprezzo. Non volendo convivere, vi condannate da soli allo sterminio. Convivere, accordarsi, è la vostra unica possibilità.” Filavandrel si curvò in avanti, i suoi occhi brillarono. “Convivere alle vostre condizioni?” chiese con voce mutata, ma sempre calma. “Riconoscendo il vostro dominio? Perdendo la nostra identità? Convivere in qualità di cosa? Di schiavi? Di paria? Convivere con voi al di là dei muri con cui proteggete da noi le vostre città? Convivere con le vostre donne, e per questo salire al patibolo? Oppure guardare che cosa succede a ogni pie sospinto ai bambini risultato di una simile convivenza? Perché eviti il mio sguardo, strano umano? Come convivi col tuo prossimo, da cui sei comunque un po’ diverso?” Lo strigo lo guardò dritto negli occhi. “Me la cavo. In qualche modo me la cavo. Perché devo. Perché non ho altra via d’uscita. Perché in qualche modo ho sopraffatto dentro di me la superbia e l’orgoglio per la mia diversità, perché ho capito che la superbia e l’orgoglio, sebbene siano un’arma contro la diversità, sono un’arma miserevole. Perché ho capito che il sole brilla in maniera diversa, perché qualcosa cambia e io non sono l’asse di questi cambiamenti. Il sole brilla in maniera diversa e continuerà a brillare, non serve a niente bersagliarlo di pietre. Bisogna accettare i fatti, elfo, bisogna imparare a farlo….”
(Andrzej Sapkowski)
352)       “L’amore è una gabbia senza cui non potrei vivere. È passato il tempo in cui essere definito “il cantautore dell’amore” mi andava stretto. Non siamo negli anni Sessanta-Settanta, il rosso/il nero. Oggi parlare d’amore è fare politica…”
(Biagio   Antonacci)

353)       “Si era recato lassù proprio allora per cercare il legno da fare i pifferi. Sapeva che, tagliando i frassini nella notte tra il 20 e il 21 di quel mese, gli strumenti suonavano meglio. In quella notte di primavera, tutti i boschi della Terra intonano melodie. Pare che un misterioso segnale percorra l’intero pianeta per dire agli alberi di mettersi a cantare. E quelli lo fanno, a squarciagola. Per questo, i pifferi dell’ertano e i violini di Stradivari suonavano così bene. Entrambi tagliavano le piante la notte di primavera, tra il 20 e il 21 maggio, quando i boschi della Terra cantano assieme. Il nostro compaesano aveva ricevuto dagli antenati quel segreto, che passava di padre in figlio. Lo aveva tramandato attraverso le generazioni di un antico liutaio ertano, il quale, si racconta, lo svelò per una botticella di vino a Stradivari quando venne da queste parti in cerca di abeti per i suoi violini…”(Mauro Corona)

354)       “Guardatevi bene soprattutto dal cercare o disprezzare l’approvazione degli uomini, ma accogliete lodi e disprezzi con la medesima indifferenza…” (Confucio)

355)       “Ciascuna parte della vita ha un suo proprio carattere, sì che la debolezza dei fanciulli, la baldanza dei giovani, la serietà dell’età virile e la maturità della vecchiezza portano un loro frutto naturale che va colto a suo tempo…” (Marco Tullio Cicerone)

356)       “Io ho bisogno che qualcuno abbia bisogno di me, ecco cosa. Ho bisogno di qualcuno per cui essere indispensabile. Di una persona che si divori tutto il mio tempo libero, il mio ego, la mia attenzione. Qualcuno che dipenda da me. Una dipendenza reciproca. Come una medicina, che può farti bene e male al tempo stesso…” (libro Soffocare) (Chuck Palahniuk)

357)       “È nella natura delle donne disprezzare chi le ama e amare chi le detesta…” (Miguel De Cervantes)

358)       “Non far domande e non sentirai menzogne…” (libro Ulisse) (James Joyce)

359)       “La scoperta di nuovi mondi non ti porterà solo felicità e saggezza, ma anche tristezza e paura. Come puoi affrontare la felicità, senza sapere cos’è la tristezza? Come puoi raggiungere la saggezza, senza affrontare le tue paure? Alla fine, la grande sfida della vita consiste nel superare i nostri limiti, spingendoci verso luoghi in cui mai avremmo immaginato di poter arrivare…” (Sergio Bambaren)

360)       “Oggi ti vorrei raccontare un poco di Cézanne. Per quanto riguarda il lavoro, così afferma, ha vissuto da bohémien fino a quarant’anni. Solo più tardi, con la conoscenza di Pissarro, ha preso gusto al lavoro. Ma, allora, fino al punto di passare gli ultimi trent’anni della sua vita non facendo altro che lavorare. Senza gioia invero, come sembra, con una rabbia incessante, in conflitto con ogni sua singola opera, perché nessuna di esse gli sembrava raggiungere ciò che egli riteneva essere la cosa più indispensabile. La chiamava la réalisation, e la trovava nei “veneziani” che aveva visto e rivisto al Louvre e apprezzava incodizionalmente. Il convincente, il farsi cosa. La realtà sublimata fino a divenire indistruttibile attraverso la propria esperienza dell’oggetto, era questo che gli pareva l’intento più intimo del suo lavoro; vecchio, malandato, ogni sera consunto fino allo spasimo dal regolare lavoro giornaliero (tanto che spesso andava a dormire alle sei, all’imbrunire, dopo una cena mandata giù distrattamente), arrabbiato, diffidente, deriso ogni qual volta si recava al suo atelier, schernito, maltrattato… sperava un giorno, di raggiungere quel compimento che egli sentiva come l’unico essenziale. In tal modo [… ] egli aveva esacerbato le difficoltà del suo lavoro nella maniera più ostinata… si muoveva avanti e indietro nel suo studio, che aveva la luce sbagliata, in quanto il capomastro non aveva ritenuto necessario dare ascolto a quel vecchio bizzarro che ad Aix erano tutti d’accordo nel non prendere sul serio [… ]. (Lettera a Clara, 9 ottobre 1907) (Rainer Maria Rilke)

361)       “Mi chiamo Andrea Michele Vincenzo Ciro Pazienza [… ] Ho la patente da sei anni ma non ho la macchina. Quando mi serve, uso quella di mia madre, una Renault 5 verde. Dal ’76 pubblico su alcune riviste. Disegno poco e controvoglia. Sono comproprietario del mensile “Frigidaire”. Mio padre, anche lui svogliatissimo, è il più notevole acquerellista ch’io conosca. Io sono il più bravo disegnatore vivente. Amo gli animali ma non sopporto di accudirli. Morirò il sei gennaio 1984…” (da Paese Sera, 4 gennaio 1981) (Andrea Pazienza)

362)       “Stronzo! A chi ‘o dici ‘o dici, cogli sempre nel segno…” (da Matrix, Canale 5) (Gianfranco Funari)

363)       “Se vogliamo scoprire ciò che è vero, dobbiamo essere completamente liberi da tutte le religioni, da tutti i condizionamenti, da tutti i dogmi, da tutte le credenze e da qualunque autorità che spinga a uniformarci; essenzialmente essere completamente soli, e questo è molto difficile…” (Jiddu Krishnamurti)

364)       “Mai otterrai che il granchio cammini diritto…” (da La pace, in Le Commedie) (Aristofane)

365)       “Non sapevo in quel momento che era la fine di tante cose. Quando guardo indietro, adesso, da questo alto monte della mia vecchiaia, ancora vedo le donne e i bambini massacrati, ammucchiati e sparsi lungo quel burrone a zig-zag, chiaramente come li vidi coi miei occhi da giovane. E posso vedere che con loro morì un’altra cosa, lassù, sulla neve insanguinata, e rimase sepolta sotto la tormenta. Lassù morì il sogno di un popolo. Era un bel sogno… il cerchio della nazione è rotto e i suoi frammenti sono sparsi. Il cerchio non ha più centro, e l’albero sacro è morto…” (Alce Nero)

366)       “Sicuramente non posso diventare l’erede di Alex come giocatore, ma voglio diventare una Bandiera della Juventus. E per questo servono molti anni e molta esperienza. La fascia? Sarei orgoglioso di indossarla, la Juve è la mia casa e non mi vedrei mai con un’altra maglia…” (Claudio Marchisio)

367)       “Quando hai sete, credi di poter bere un mare intero: questa è la fede: quando inizi a bere, due bicchieri ti bastano: questa è la scienza…” (Anton Pavlovic Cechov)

368)       “Tutto ciò che accade è voluto, o almeno permesso, da Dio, dunque tutto è in definitiva bene. Questa è la più sottile tentazione del credente. Il non credente elude lo scandalo del male togliendo il riferimento al perfetto bene; e il credente fa la stessa cosa giustificando tutto come opera di Dio. Giusto, e disperante, sarebbe tener fermo, insieme, che il mondo è orribile e che il Dio onnipotente che l’ha creato è perfettamente buono…” (Sergio Quinzio)

369)       „[… ] “purificazione del cuore”: non avere paura né di sé né degli altri. In questo sta la nuova innocenza. Questo è ciò che conta: non perdiamo tempo in teorie. Pensare di poter sistemare e risolvere tutto è un errore. Il mistero della vita è che il male esiste, che le tensioni non possono essere soppresse e che noi ci siamo dentro; che si deve fare il possibile, senza lasciarsi dominare e senza mai ritenere di possedere la verità assoluta. Bisogna accettare la condizione umana, sapere che un certo dubitare non si oppone alla fede; sapere che il senso di contingenza è necessario alla nostra vita. Devo rendermi conto che sono una parte di questa realtà e che non spetta a me controllarla; scoprire il senso della vita nella gioia, nella sofferenza, nelle passioni; invece di lamentare la difficoltà del vivere, rimandando ad un giorno che non arriva mai il momento di godere profondamente di questa vita, trovare questo senso in ogni istante…” (dai La nuova innocenza) (Raimon Panikkar)

370)       “La poesia, per un poeta, è il lavoro più remunerativo del mondo. Una buona poesia è un contributo alla realtà. Il mondo non è più lo stesso dopo che una buona poesia gli si è aggiunta…” [Da Sulla poesia, trasmissione radiofonica alla BBC, il giugno 1946] (Dylan Thomas)

371)       “Fino a sei anni l’uomo è prigioniero di genitori, di bambinaie o d’istitutrici; dai sei ai ventiquattro è sottoposto a genitori e professori; dai ventiquattro è schiavo dell’ufficio, del caposezione, del pubblico e della moglie; tra i quaranta e i cinquanta vien meccanizzato e ossificato dalle abitudini (terribili più d’ogni padrone) e servo, schiavo, prigioniero, forzato e burattino rimane fino alla morte…” (Dal libro Chiudiamo le scuole!) (Giovanni Papini)

372)       “È bene quando una persona contraddice le nostre aspettative, quando è diversa dall’immagine che ce ne siamo fatta. Appartenere a un tipo significa la fine dell’uomo, la sua condanna. Se non si sa, invece, come catalogarlo, se sfugge a una definizione, è già in gran parte un uomo vivo, libero da se stesso, con un granello in sé di assoluto…” (Boris Leonidovic Pasternak)

373)        “In fondo io non ho percorso una strada, probabilmente perché ho sempre avuto paura di imboccare una strada senza fine e quindi senza senso. Se volessi, dicevo ogni volta a me stesso, potrei farlo. Ma non ho imboccato nessuna strada. Qualcosa è successo, sono diventato più vecchio, non sono rimasto fermo, ma non ho imboccato nessuna strada…” (Thomas Bernhard)

374)       “L’altro mondo” investito dal nichilismo europeo, da esso presentato come una pura illusione o condannato come una evasione, non è un’altra realtà: è un’altra dimensione della realtà, quella dove il reale, senza essere negato, acquista un significato assoluto, nella nudità inconcepibile dell’essere puro…” da (Cavalcare la tigre Edizioni Mediterranee 1961) (Julius Evola)

375)       “Non dobbiamo regolare il nostro atteggiamento verso i poveri da ciò che appare esternamente in essi e neppure in base alle loro qualità interiori. Dobbiamo piuttosto considerarli al lume della fede…” (Vincenzo De Paoli)

376)       “Quando vedo un’Alfa Romeo mi tolgo il cappello…” (discorrendo con il presidente Alfa Romeo Ugo Gobbato nel 1939) (Henry Ford)

377)       “Essere laziale è qualcosa di speciale, diverso dalla massa. È stato l’istinto a spingermi verso i colori biancocelesti e la passione per l’aquila, un animale affascinante, regale, fiero…” (Paolo Di Canio)

378)       [Famosa gaffe] “Attenti a non travasare quello che vi ho detto…” (Pietro Anastasi)

379)       “Guai a chi lavora aspettando le lodi del mondo: il mondo è un cattivo pagatore e paga sempre con l’ingratitudine…” (San Giovanni Bosco)

 380)       “Chi litiga, chi fa una guerra è di solito un nevrotico; la persona sana cerca di capire quale sia il problema. Quando si fanno guerre vuol dire che non si conosce la situazione da affrontare: per questo motivo la pace viene a essere il riflesso dei problemi risolti…” (Danilo Dolci)
381)       “Se ciò che io dico risuona in te, è semplicemente perché siamo entrambi rami di uno stesso albero…” (Williams Butler Yeats)
382)       “Nobile erba è la ruta, perché rischiara la vista…” (Scuola Medica Salernitana)
383)       “Noi esseri umani veniamo al mondo con una forte curiosità per tutti gli animali, curiosità che è scritta dentro nei nostri geni [… ]. La nostra specie, per decine di migliaia di anni, è vissuta immersa nella natura e in quel lungo spazio temporale era indispensabile, per la sua sopravvivenza, saper interagire, e conoscendoli davvero, con gli altri esseri che con noi condividevano il medesimo ambiente. È per questa “necessità di sapere” che ancora nasciamo con questa curiosità. La vediamo infatti ancora molto forte nei nostri bambini, anche se poi col tempo si attenua perché ormai viviamo in un mondo vuoto di natura…”(Danilo Mainardi)
384)       “Azionava il suo accendino come uno che si suicida elegantemente…”(Ramon Gomez De La Serna)
385)       “Nel mio paese, dove si vive così, arrivano dall’est: i profughi polacchi, slavi, i papi e le lettere di Togliatti; dal nord: i turisti, i temporali e i calciatori tedeschi; dall’ovest: i film americani, le telefonate dei presidenti americani e gli americani dal vivo; dal sud: i venditori di elefantini, di accendini e i lavavetri che poi sono quelli che te li sporcano…” (Paolo Rossi)
386)       “Mi hanno chiamato folle; ma non è ancora chiaro se la follia sia o meno il grado più elevato dell’intelletto, se la maggior parte di ciò che è glorioso, se tutto ciò che è profondo non nasca da una malattia della mente, da stati di esaltazione della mente a spese dell’intelletto in generale…” (da Eleonora, 1842) (Edgar Allan Poe)
387)       “Per l’occidentale contemporaneo, anche quando gode di buona salute, il pensiero della morte costituisce una sorta di rumore di fondo che si insinua nel suo cervello man mano che progetti e desideri vanno sfumando. Con l’andar del tempo, la presenza di tale rumore si fa sempre più invadente; la si può paragonare a un brusio sordo, talvolta accompagnato da uno schianto. In altri tempi, il rumore di fondo era costituito dall’attesa del regno del Signore; oggi è costituito dall’attesa della morte. Così è…” (Michel Houellebecq)
388)       “Alla libertà si rimane fedeli nelle ore difficili. Quando è minacciata la si difende: quando è perduta si muore…” (Emilio Lussu)
389)       “Quello che c’è di essenziale in una persona viene alla luce soltanto quando dobbiamo considerarla perduta per noi, disse mio padre, nel momento in cui, ormai, questa persona può soltanto dirci addio. Ad un tratto, in tutto ciò che in essa è ormai soltanto preparazione alla morte definitiva, questa persona può essere riconosciuta nella sua verità…” (Thomas Bernhard)

390)       “Rosalia. Rosa e lia. Rosa che ha inebriato, rosa che ha confuso, rosa che ha sventato, rosa che ha ròso, il mio cervello s’è mangiato. Rosa che non è rosa, rosa che è datura, gelsomino, bàlico e viola; rosa che è pomelia, magnolia, zàgara e cardenia. Poi il tramonto, al vespero, quando nel cielo appare la sfera d’opalina, e l’aere sfervora, cala misericordia di frescura e la brezza del mare valica il cancello del giardino, scorre fra colonnette e palme del chiostro in clausura, coglie, coinvolge, spande odorosi fiati, olezzi distillati, balsami grommosi. Rosa che punto m’ha, ahi!, con la sua spina velenosa in su nel cuore. Lia che m’ha liato la vita come il cedro o la lumia il dente, liana di tormento, catena di bagno sempiterno, libame oppioso, licore affatturato, letale pozione, lilio dell’inferno che credea divino, lima che sordamente mi corrose l’ossa, limaccia che m’invischiò nelle sue spire, lingua che m’attassò come angue che guizza dal pietrame, lioparda imperiosa, lippo dell’alma mia, liquame nero, pece dov’affogai, ahi!, per mia dannazione. Corona di delizia e di tormento, serpe che addenta la sua coda, serto senza inizio e senza fine, rosario d’estasi, replica viziosa, bujo precipizio, pozzo di sonnolenza, cieco vagolare, vacua notte senza lume, Rosalia, sangue mio, mia nimica, dove sei…?” (Vincenzo Consolo)

391)       “Il sole, con tutti quei pianeti che gli girano attorno e da lui dipendono, può ancora far maturare una manciata di grappoli d’uva come se non avesse nient’altro da fare nell’universo…” (Galileo Galilei)
392)          “Chiunque pensasse di combattere la Mafia nel “pascolo” palermitano e non nel resto d’Italia non farebbe che perdere tempo…” (Carlo Alberto Dalla Chiesa)
393)         “Vent’anni dopo, ma i moschettieri non sono 4, sono 24. Sempre giovane, sempre attuale. NBA All-Star Game edizione 2012, dopo 20 anni si torna ad Orlando. Si trova un gioiello dell’architettonica sportiva, l’Amway Center. Si trova Dwight Howard, non si sa ancora per quanto, e si trova Magic Johnson, da spettatore e non da protagonista, in un weekend lunghissimo che ci mantiene giovani…” NBA All-Star Game 2012 (Flavio Tranquillo)
394)        “Solo tu puoi dare un senso a quel che hai, | io so solo che in amore non si può mai dire mai…” (da Mai dire mai)
(Anna Tatangelo)
395)       “Aspetto che il panico cresca, quando la paura si tramuta in visioni celestiali inizio a staccare…”
(Kevin Schwantz)
396)       “La schizofrenia non può essere capita senza capire la disperazione…”
(Ronald Laing)
397)       “Il fuoco che sembra spento spesso dorme sotto la cenere…”
(Pierre Corneille)
398)       “Più o meno come fa un piccione, lo sò che è brutto il paragone, però vivrei con l’Emozione di dare fiducia a chi mi tira il pane…” (da Vorrei avere il becco)
(Povia)
399)       “Un designer dovrebbe sapere che gli oggetti possono diventare lo strumento di un rito esistenziale…”
(Ettore Sottsass)
400)       “Quando il primo bambino rise per la prima volta, la sua risata si sbriciolò in migliaia di frammenti che si sparpagliarono qua e là. Fu così che nacquero le fate…”
(James Matthew Barrie)
401)       “L’incomprensione del presente cresce fatalmente dall’ignoranza del passato…” (Marc Bloch)
402)       “La croce ha esercitato la sua forza di attrazione su tutta la terra e lo ha fatto servendosi non di mezzi umanamente imponenti, ma dell’apporto di uomini poco dotati…” (Giovanni Crisostomo)
403)       “La condotta dei piloti è stata perfetta: penetrano in profondità in acque avversarie, valicando tre ordini di ostruzioni; giunti nel riparo del nemico, a poche centinaia di metri dalle navi, si riuniscono a rapporto, esaminano con calma la situazione, passandosi da un’imbarcazione all’altra il binocolo del comandante: in questa situazione, circondati da sentinelle, proiettori, cannoni, aspettano tranquillamente che si faccia più chiaro per poter essere sicuri dei loro bersagli, finché al “via” si lanciano con precisione e decisione sui bersagli designati; con la stessa calma, freddezza e ordine, di una normale esercitazione in acque amiche. Dominio dei propri impulsi che deriva da elevate qualità morali, affinate frequenti e realistici addestramenti durante i quali i venivano sottoposti a difficoltà anche maggiori di quelle che si prevedeva dovessero incontrare nell’azione contro il nemico. I sei valorosi violatori di Suda, a guerra ultimata, al loro ritorno in Patria dalla prigionia, furono decorati di medaglia d’oro al valor militare…”
(Junio Valerio Borghese)
404)       “La cosa più importante è che la depressione è un’affezione endemica collettiva e noi la sentiamo e pensiamo che sia soltanto dentro il nostro cervello. “Nella… mia famiglia, nel mio matrimonio, nel mio lavoro, nella mia economia”… Abbiamo portato tutto questo dentro un “me”. Invece, se c’è un Anima Mundi, se c’è un’Anima del Mondo – e noi facciamo parte dell’Anima del Mondo – allora ciò che accade nell’Anima esterna accade anche a me, e io avverto l’estinzione delle piante, degli animali, delle culture, dei linguaggi, dei costumi, dei mestieri, delle storie… Stanno tutti scomparendo. Per forza la mia Anima prova un sentimento di perdita, di solitudine, di isolamento, di lutto, e di nostalgia, e di tristezza: è il riflesso in me di una condizione di fatto. E se non mi sento depresso allora sì che sono pazzo! Questa è la vera malattia! Sarei completamente escluso dalla realtà di quello che sta succedendo nel Mondo, la distruzione ecologica…”
(James Hillman)
405)       “Grazie a voi, cari amici della notte. Io vi aspetto come di consueto sempre di notte, sempre sottovoce, noi diciamo un modo per capire, per capirsi e forse anche per capirci, quando un giorno – vista l’ora – è appena finito e un nuovo giorno è appena cominciato; un giorno in più per amare, per sognare, per vivere. Buonanotte…” (da Sottovoce, in conclusione di ogni puntata)
(Gigi Marzullo)
406)       “State certi che la Divina Provvidenza non manca…”
(Giuseppe Benedetto Cottolengo)
407)       “Il bambino impara, perché crede agli adulti. Il dubbio viene dopo la credenza…”
(Ludwig Wittgenstein)
408)       “Appoggiatevi al Vangelo, affidatevi al Vangelo. La parola «fede», nella sua lunga storia – nell’Antico Testamento, nella Bibbia, nella versione ebraica della Scrittura – rappresenta la situazione di chi si affida, di chi appoggia su una roccia, di chi si sente saldo perché è appoggiato a qualcuno molto più forte di lui.“ libro Qualcosa in cui credere: Ritrovare la fiducia e superare l’angoscia del tempo presente…”
(Carlo Maria Martini)
409)       “Noi diciamo di non conoscere, perché da ogni parte la verità ultima ci sfugge: e nondimeno sentiamo che il processo del conoscere non è un tentativo irragionevole e disperato, ma un tendere infinito, che ha la sua ragione nei compiti più gravi della nostra natura. Ogni grado del conoscere non è per sé, ma per elevarci verso un grado più alto: e questa elevazione è possibile solo per una trasformazione di tutto l’essere nostro. Il conoscere non è solo un processo quantitativo di accrescimento, ma una continua trasformazione del soggetto stesso: come la fenice, il conoscere arde, traducendosi in una nuova personalità ed in una nuova vita, da cui continuamente risorge rinnovato ed elevato…”
(Piero Martinetti)
410)       “Come ci si può divertire in una festa in cui le birre sono calde e le donne sono fredde…?”
(Groucho Marx)
411)        “Amare sé stessi è l’inizio di un idillio che dura una vita…”
(Oscar Wilde)
412)       “Mi sveglio sempre in forma e mi deformo attraverso gli altri…”
(Alda Merini)
413)     “Bisognerebbe riporre fiducia negli incontri casuali. Due persone si incontrano quando entrambe hanno un estremo bisogno di incontrarsi…”
(Paulo Coelho)
414)       “Così come non mi sono preoccupato di nascere, non mi preoccupo di morire…”
(Federico Garcia Lorca)
415)      “Puoi essere qualsiasi cosa tu voglia… se sei disposto a pagarne il prezzo…”
(Arnold Schwarzenegger)
416)       “L’eleganza non è farsi notare, ma farsi ricordare…”
(Giorgio Armani)
417)       “La sola cosa che si possiede è l’amore che si dà…”(La vita secondo Isabel)
(Isabel Allende)
418)       “Vi sono momenti, nella Vita, in cui tacere diventa una colpa e parlare diventa un obbligo. Un dovere civile, una sfida morale, un imperativo categorico al quale non ci si può sottrarre…”
(Oriana Fallaci)
419)       “La felicità nelle persone intelligenti è la cosa più rara che conosca…”
(Ernest Hemingway)
420)         “Dio non ti chiederà nel giudicarti: “Sei diventato un Hodler o un Picasso o un ….?”Bensì ti chiederà: “Sei davvero stato e diventato quello per cui hai ricevuto talento e predisposizione?” (Siddartha)
(Hermann Hesse)
421)       “Ho perso un po’ la vista, molto l’udito. Alle conferenze non vedo le proiezioni e non sento bene. Ma penso più adesso di quando avevo vent’anni. Il corpo faccia quello che vuole. Io non sono il corpo: io sono la mente…”
(Rita Levi Montalcini)
422)       “Or bene,» gli disse il bravo all’orecchio, ma in tono solenne di comando, «questo matrimonio non s’ha da fare, né domani, né mai…” (I promessi sposi)
(Alessandro Manzoni)
423)       “Spesso il male di vivere ho incontrato era il rivo strozzato che gorgoglia
era l’incartocciarsi della foglia riarsa, era il cavallo stramazzato…”
(Eugenio Montale)
424)       “E s’aprono i fiori notturni,
nell’ora che penso ai miei cari.
Sono apparse in mezzo ai viburni
le farfalle crepuscolari…”
(Eugenio Montale)
425)       “Un pianeta migliore è un sogno che inizia a realizzarsi quando ognuno di noi decide di migliorare se stesso…”
(Mahatma Gandhi)
426)       “Migliaia di candele possono venire accese da una singola candela, e la vita della candela non sarà abbreviata. La felicità non diminuisce mai con l’essere condivisa…”
(Buddha)
427)       “Un uomo può essere felice con qualsiasi donna, purché non la ami veramente…”
(Oscar Wilde)
428)          ”Posare da campione di purezza, come vien…”
(Oscar Wilde)
429)       “La logica vi porterà da A a B.
L’immaginazione vi porterà dappertutto…”
(Albert Einstein)
430)       C’è tanta gente infelice che tuttavia non prende l’iniziativa di cambiare la propria situazione perché è condizionata dalla sicurezza, dal conformismo, dal tradizionalismo, tutte cose che sembrano assicurare la pace dello spirito, ma in realtà per l’animo avventuroso di un uomo non esiste nulla di più devastante di un futuro certo. La gioia di vivere deriva dall’incontro con nuove esperienze, e quindi non esiste gioia più grande dell’avere un orizzonte in costante cambiamento, del trovarsi ogni giorno sotto un sole nuovo e diverso… Non dobbiamo che trovare il coraggio di rivoltarci contro lo stile di vita abituale e buttarci in un’esistenza non convenzionale.
(Dal film Into the Wild)
431)   Quei periodi neri in cui sei come un tronco braccato da ogni onda e sbattuto continuamente sulla riva, finché un giorno vieni finalmente spiaggiato, e le prime parole che ti vengono incontro non ti sbattono più da una parte all’altra e impari di nuovo la mano aperta che ti raccoglie e la spinta che ti rialza.
(Fabrizio Caramagna)
432) “Il soldato Bonucci quando è stato capitano alla Juventus non ha avuto delle grandi prestazioni…”
(Alberto Ferrarini Mental Coach)
433) “Un giorno dipingono Totti come un mito, il giorno dopo è un delinquente donnaiolo e poi torna a essere il benefattore dei bisognosi. Ma a rimetterci sono sempre io. Sono la più grande cornuta d’Italia, tradita un giorno sì e l’altro pure. Ho imparato a non farci più caso. Mi secca solo che nessuno pensi che anche Santa Ilary potrebbe avere un amante a Milano…”
(Ilary Blasi)
434) “Non è un problema di matrimonio ma di riconoscimento delle unioni civili anche tra persone dello stesso sesso. Sono anche convinta che il primo soggetto da tutelare sia il minore. Partendo da questa prospettiva, se esistono delle coppie di fatto di due padri o due madri gay che vivono già questa condizione, magari per precedenti matrimoni, è giusto per il bambino che venga riconosciuto il rapporto con queste persone. Se una delle due viene a mancare non può rischiare di finire in un istituto…”
(Maria Elena Boschi)
435) “Ai miei collaboratori, al gruppo di ragazzi che sta rilanciando la Fiat, raccomando sempre di non seguire linee prevedibili, perché al traguardo della prevedibilità arriveranno prevedibilmente anche i concorrenti. E magari arriveranno prima di noi…”
(Sergio Marchionne)
436) “Arriva questo dono di Dio e quando rischi di perderlo ti spaventi, fai tutto quello che è necessario per evitare di perdere la creatura. E poi ho conosciuto questa bambina fortissima. Ridiamo insieme, è una cosa bellissima. Ho assistito al parto. Ho fatto il corso e se non l’avessi fatto sarei svenuto subito. Con una figlia le priorità si rimescolano. Tua figlia rovescia la vita, rovescia i pensieri…”
(Fabrizio Frizzi)
437) “La Lega ha tradito perché a Salvini interessano solo le poltrone tanto che sta aprendo le porte a un governo Renzi Berlusconi… si dovrebbe vergognare…”
(Luigi Di Maio)
438) “1923 – 2017 Anche in Senato il Governo impone la fiducia sul Rosatellum, come Mussolini sulla legge Acerbo… [IL FASCISTELLUM DEL BUGIARDO] I Deputati devono essere scelti tutti direttamente, nessuno escluso, dai cittadini (Matteo Renzi programma per le Primarie Dem del 2012). Una legge Elettorale che restituisca ai cittadini il sacrosanto diritto di scegliere a chi affidare i propri sogni, le proprie speranze e progetti… (Matteo Renzi mozione Congressuale per le Primarie Dem del 2013)”
(Il Fatto Quotidiano Prima Pagina di Mercoledì 25 Ottobre 2017)
439) “Non vorrei indicare formule politiche o soluzioni di larghe intese. E tantomeno evocare lo spettro dell’inciucio, come fu giustamente catalogato il tentativo limpido avviato ai tempi della Bicamerale. Mai un romanista diventerà un laziale, eppure nessuno, neanche il tifoso più accanito, ha mai gridato all’inciucio se e quando la sua squadra o la sua società contribuisce, insieme alle altre, a definire le regole del gioco, a stabilire il numero e le caratteristiche dei partecipanti l’organizzazione del campionato, il campo e l’ora della sfida…”
(Gianni Letta)
440) “Qualcuno dovrebbe spiegare all’ingegner De Benedetti che talvolta forse il silenzio è d’oro. Nel suo caso, per esempio, sul Lodo Mondadori. Grazie a due sentenze sconcertanti e in contraddizione tra loro ha intascato – per il momento – la bellezza di 564 milioni di euro. Ma invece di tacere e sperare che la giustizia continui ad essere ingiusta com’è stata finora, sempre più spesso con arroganza e impudenza sale in cattedra a pontificare e a impartire improbabili lezioni di rigore morale a tutti e su tutto, Lodo compreso…”
(Marina Berlusconi)
441) “Credo di essere coraggiosa nei momenti decisivi, ma ho bisogno di tempi lunghi e cerco quanto più possibile di riflettere prima di agire…”
(Angela Merkel)
442) “Ho lavorato otto anni con Montanelli e credevo di essere di destra nel senso che la destra era Montanelli. Quando ho visto la destra all’opera ho deciso che non potevo essere di destra. Di sinistra non lo ero prima e non posso esserlo adesso visto che la sinistra ha spianato la strada a Berlusconi. Non sono più niente. In un paese normale voterei per i conservatori. Ma la destra di Montanelli era già minoritaria prima. Senza di lui è praticamente in estinzione…”
(Marco Travaglio)
443) “Il potere logora chi non ce l’ha…”
(Giulio Andreotti)
444) “Il più bel complimento l’ho ricevuto da due giovanissime che, incontrandomi per caso, mi hanno detto in lacrime “grazie per quello che fai per noi ragazze violentate…”
(Barbara D’Urso)
445) “Occhio, malocchio, prezzemolo e finocchio, ego me baptizzo contro il malocchio. [sputa nella vasca] E con il peperoncino e un po’ d’insaléta ti protegge la Madonna dell’Incoronéta; con l’olio, il sale, e l’aceto ti protegge la Madonna dello Sterpeto; corrrrrno di bue, latte screméto, proteggi questa chésa dall’innominéto…” [antico rituale voodoo-pugliese]
(Lino Banfi)
446) “[… ] nella nostra terra, quando succedono disastri ambientali, tutti sembrano avere degli alibi. In questa terra degli alibi, però, io credo sia colpa di tutti. E credo che dove c’è illegalità non c’è sviluppo economico, e dove non c’è sviluppo si diffonde la malavita organizzata, che stringe legami forti con il mondo politico e amministrativo, rendendo di fatto luoghi meravigliosi come i nostri, depressi e senza speranza…” (Luca Abete)
447) “Mi ero laureata bene e mio padre voleva che rimanessi nel mondo universitario. Ci provai ma non era cosa per me. Tentai con grande sicurezza il concorso per diventare magistrato e mi bocciarono. Cominciai a mandare in giro curriculum, niente. Mia madre si ricordò di un suo vecchio fidanzato, Franco Crepax, il discografico della Cgd. Andai da lui e finii nell’ufficio legale di un’associazione che si chiamava Univideo. Lavorando lì, dopo un anno, conobbi Maurizio Costanzo…”
(Maria De Filippi)
448) “Claudio Cecchetto mi ha scoperto, Fatma Ruffini mi ha “riconfezionato” intuendo che sarei andato bene anche per il pubblico delle famiglie…”
(Gerry Scotti)
449) “Sono stata corteggiatrice del primo tronista in assoluto, Roberto. C’erano poche persone, non si usciva dallo studio, ognuna di noi portava delle piccole esibizioni. Poi sono diventata tronista e ricordo ancora quando un corteggiatore mi portò del pane perché faceva il panettiere…” [Sull’inizio del programma tv Uomini e Donne]
(Tina Cipollari)
450) “A parità di capacità professionale, gli uomini dovrebbero davvero stare fermi un giro per cedere il passo a una donna. È una questione di giustizia e intelligenza politica. Oggi è impossibile gestire la complessità delle società globali senza il fondamentale contributo delle competenze femminili…”
(Lilli Gruber)
451) “Prodi annuncia che un’entità, che da verbale ufficiale pare si riferisse a La Pira e Don Sturzo, indica Gradoli come luogo di prigionia dello statista pugliese rapito dalle Br. Ma mentre la moglie di Moro suggerisce subito che dovrebbe logicamente trattarsi della romana via Gradoli, gli investigatori “virano” sull’omonimo paesino nella Tuscia…”(Romano Prodi)
452) “Sono veramente fiero di essere un membro di Scientology: “è la mia filosofia religiosa, e mi ha aiutato in tantissime occasioni…”(Tom Cruise in una conferenza stampa a Parigi)
453) “Grasso é uscito dal Pd perché con la vergognosa approvazione del Rosatellum sono state messe in imbarazzo le istituzioni. Nel Pd sono rimasti solo Renzi, i Renzi boys e Verdini. Il Pd è quello dove il condannato Verdini si sente a suo agio e il procuratore nazionale antimafia esce…”
(Luigi Di Maio)
454) “Renzi in modo rozzo, maldestro e propagandistico, portando sul piano politico l’elezione del governatore di Bankitalia, ha reso di fatto obbligatoria la riconferma di Visco di cui ora si lamenta…”
(Massimo D’Alema a Radio Capital)
455) “Ho ritenuto di lasciare il Pd perché non mi riconosco più nel merito nè nel metodo. La scelta di uscire dal Pd è stata molto sofferta. L’approvazione del Rosatellum grazie al voto di fiducia chiesto dal governo senza la possibilità che un ramo del Parlamento possa discuterne nemmeno una virgola, è stato un atto di violenza che ho voluto rappresentare con la decisione di lasciare il gruppo del Pd…”
(Piero Grasso Presidente del Senato)
456) “Il nostro paese si ritroverà non solo con più debito pubblico, ma anche con un capitale privato depauperato dal forte calo degli investimenti e dall’aumento della disoccupazione. Se dovessimo limitarci a tornare su un sentiero di bassa crescita come quello degli ultimi 15 anni, muovendo per di più da condizioni nettamente peggiori, sarebbe arduo riassorbire il debito pubblico e diverrebbe più cogente la necessità di politiche restrittive per garantirne la sostenibilità…”
(Mario Draghi)
457) “Il tragico entertainment quotidiano offerto dai politici, seguito con passione dai cittadini che pure lo disprezzano, consente agli uni e agli altri di distrarsi. Altrimenti, bisognerebbe occuparsi di questioni più noiose. Ad esempio, del fatto che in altri Paesi si sta lavorando per preparare ai propri figli un’economia e una società dinamiche, non un Paese di cui a volte, pur amandolo, ci si vergogna…”
(Mario Monti)
458) “La formula del successo si riassume in tre parole: lavoro, lavoro, lavoro…”
(Silvio Berlusconi)
460) “Si può considerare penoso che da qualunque parte, nel Sud e nel Nord, si balbettino giudizi liquidatori sul conseguimento dell’unità, negando il salto di qualità che l’Italia tutta, unendosi, fece verso l’ingresso a vele spiegate nell’Europa moderna…”
(Giorgio Napolitano)
461) “Mi sveglio di solito alle cinque del mattino e per un paio d’ore leggo i giornali. Prima il Financial Times e il Wall Street Journal, poi quelli italiani: Repubblica, Corriere, il Sole, la Stampa. I quotidiani italiani hanno articoli bellissimi, straordinari pezzi culturali, ma resto sempre perplesso sulle troppe pagine dedicate alla politica, soprattutto a un certo tipo di politica…”
(Sergio Marchionne)
462) “Ci sono progetti Paese che vanno sicuramente al di là dei tempi della politica. Ci sono opere nel campo della scuola, della giustizia, dei trasporti che ogni governo dovrebbe portare avanti facendo il suo pezzo di strada. Credo sinceramente che questo sia l’auspicio di moltissimi italiani che vogliono vedere i problemi risolti e non ricominciare da capo in una direzione diversa ad ogni cambio di governo…”
(Corrado Passera)
463) “Dio supera il nostro metro di misura e lo sorprende, non in astratto però, bensì nel Bimbo deposto in una grotta…”
(Angelo Bagnasco)
464) “Ognuno ha la sua specialità. Io sono egocentrico e voglio stare da solo sul palco, non so presentare e non voglio presentare…”
(Rosario Fiorello)
465) “Penso con orrore a chi crede che le calamità possano essere un pretesto per fare buoni affari. Il terremoto, le vittime, la desolazione che ne consegue meritano ben altri sentimenti e ben altra pietà…”
(Gianni Letta)
466) “Della famiglia Agnelli è rimasto ben poco, sono rimasti dei ragazzi che non sono grandi lavoratori, ma è con loro che bisogna parlare. E per farlo bisogna andarli a cercare in qualche discoteca. Hanno succhiato tutto quello che potevano succhiare e ora dicono che questo è un paese dove non si può lavorare? Vogliono andarsene? Lo facciano, ma il governo non si giri dall’altra parte, se no la sua responsabilità è doppia…”
(Diego Della Valle)
467) “La crisi [economica] è stata gen­er­ata da decenni di ges­tione sceller­ata, dal non aver cre­duto nello sviluppo ma solo nella pos­si­bil­ità di arric­chirsi, dall’aver con­sid­er­ato ogni regola una zavorra per la crescita e ogni redis­tribuzione di ric­chezza una dis­per­sione di risorse. Così facendo hanno cre­ato sem­pre più pre­ca­ri­età e su questa pre­ca­ri­età è cresci­uta la paura di perdere il lavoro, la paura di real­iz­zare prog­etti, di non vedere un futuro…”
(Roberto Saviano)
468) “A volte anche un cretino ha un’idea…”
(Antonio De Curtis in Totò Baby)
469) “Durante la malattia ho passato più tempo nelle mie case, soprattutto in campagna, a Broni, con gatti, cani e collaboratori. È brutto godersi le cose soltanto perché sei malato. Comunque mi sono reso conto di quanto la creatività, dunque il mio lavoro, mi aiuti a vivere. Anche se per anni ho ignorato la salute. Ora faccio delle pause e cerco di andarmene a casa alle 18…”
(Giorgio Armani)
470) “Numerosi psichiatri e psicologi hanno dimostrato che non esiste relazione tra celibato e pedofilia, ma molti altri – e mi è stato confermato anche recentemente – hanno dimostrato che esiste un legame tra omosessualità e pedofilia. Questa è la verità e là sta il problema…”
(Tarcisio Bertone)
471) “E’ nella riforma dello Stato e delle istituzioni che possiamo vedere una soluzione strutturale al gigantesco problema della corruzione. Fin tanto che l’azione dello Stato non sarà resa più efficiente e trasparente, fin tanto che gli spazi di intermediazione fra la società civile e la cosa pubblica saranno molteplici e confusi, fin tanto che il cittadino non avrà la possibilità di poter contare su una pubblica amministrazione pienamente funzionale e responsabile, le occasioni per il malaffare si sprecheranno…”
(Luca Cordero Di Montezemolo)
472) “La nostra cena si è conclusa da poche ore. Le dico francamente che è stato un errore invitarmi. Mi sono sentito davvero fuori posto. C’era tutta la prima linea dell’informazione, ma non ho sentito parlare di giornalismo neanche per un minuto. Sembrava una cena di Thanksgiving… Un giorno del ringraziamento elettorale. Tutti attorno a me avevano votato allo stesso modo, e ognuno sapeva che anche gli altri lo avevano fatto…”
(Enrico Mentana)
473) “Da giovane ho fatto una pubblicità, ma poi ho capito alcune cose sulla pubblicità. Qualche anno dopo ho cominciato a prendermela coi politici perché le cose non andavano bene, ma poi ho capito alcune cose sulla politica, che è controllata dall’economia. Qualche anno fa ho cominciato uno spettacolo prendendo a mazzate un computer, ma ora ho capito alcune cose su internet, che è la nostra unica difesa…”
(Beppe Grillo)
474) “Per rassicurarci, potremmo cominciare col dire che la “cosa-democrazia” diventa rilevante quando la “parola-democrazia” non è più in discussione. Siamo una democrazia giovane ma ormai consolidata e non revocabile. Non si può ragionevolmente credere che oggi qui, in mezzo all’Europa, qualcuno sia capace di attentare al sistema democratico. Dunque si può ragionare senza rischi e senza ambiguità sul funzionamento delle nostre istituzioni e del meccanismo democratico. Potremmo dire che finalmente la società non si accontenta più di avere la democrazia, non le basta contemplarla, come un orizzonte statico di riferimento, immutabile: pretende di misurarla nel suo divenire. C’è per fortuna un’autonomia della società anche rispetto alle regole di funzionamento del sistema che, nel momento in cui vengono riconosciute, sono anche valutate e giudicate. E c’è per fortuna una vitalità della democrazia che si muove e muta insieme con la società che le dà forma. Non si tratta di una fede immobile o, peggio, di un’ideologia. Altrimenti sarebbe inutile misurarla nel tempo…”
(Ezio Mauro)
475) “Il senno di poi è una scienza esatta…”
(Arthur Bloch)
476) “Io guardo il mondo che mi circonda e con esso alimento il mio esercizio artistico. Me ne servo e lo uso. Non mi chiamo fuori e ne faccio una nervatura dei miei lavori. Tutto dovrebbe esserci familiare, ma poi tutto ci diventa estraneo…”
(Maurizio Cattelan)
477) “Una nuova, drammatica crisi economica globale. Tenete d’occhio il cambio dollaro-yuan: la Cina comincia a svalutare, spia di una visione assolutamente negativa. Non so se sarà tra un mese o tra un anno; so che questa bolla finanziaria è troppo pericolosa. La Fed, la Bce, la Bank of Japan hanno riversato sul mondo tonnellate di moneta, ma non hanno contrastato la deflazione. Oggi ci sono 11 trilioni di dollari di titoli di Stato, emessi da vari paesi, che hanno rendimento negativo. Questi soldi, stampati per entrare nell’economia, sono rimasti in una nuvola che aleggia sopra di noi e che spostandosi determina scossoni finanziari e minacce di tuoni e fulmini, senza penetrare nell’economia reale. È come se ci fosse un immenso prato che ha disperata sete di acqua, ma è coperto da un telo di plastica; la pioggia non dà ristoro, si trasforma in torrenti che sconvolgono il territorio…”
(Carlo De Benedetti)
478) “Non ne posso più della Padania. Che cos’è? Quali sono i confini? Io sono di Savona, dove si parla un dialetto diverso da quello di Genova che è a quaranta chilometri, figurarsi da quello di Trieste o di Rimini. Non ne posso più della confusione che si fa tra gli abitanti del Nord Italia e gli elettori della Lega. Ci sono moltissimi settentrionali che non votano Lega e si sentono italiani, non padani…”
(Fabio Fazio)
479) “La diffusione della precarietà è figlia di un’idea che sempre più considera il lavoro come una merce, che ha sostituito nel pensiero corrente il lavoratore con il consumatore, che ha affrontato il tema della pluridentità delle persone dando per scontato che quella data dal lavoro potesse divenire progressivamente marginale, fino quasi a scomparire…”
(Susanna Camusso)
480) “Non si può vivere con le donne ma non ne devi fare a meno…”
(Diego Baglioni)
481) “Più conosci l’altra metà del cielo e più ti avvicini alla vita…”
(Diego Baglioni)
482) “Sgomberata una sede di FDI – AN, erano morosi dal 72’…”
(Virginia Raggi sindaco di Roma)
483) “Pezzi di Stato, dei Carabinieri e dei Servizi hanno fabbricato prove false contro di me per arrestare mio padre. I responsabili di questa schifezza dovranno pagare…”
(Matteo Renzi)
484) “Chi prima non pensa dopo sospira…”
(Diego Baglioni)
485) “Prima di parlare pensa perché parola poco pensata porta pena…”
(Diego Baglioni)
486) “Minacciare di bruciare vivo un avversario politico è inaccettabile e vergognoso…”
(Presidente della Camera Laura Boldrini)
487) “Ma lei ha offeso 10 Milioni di Italiani, dicendo che una persona con la testa a posto non voterebbe il Movimento Cinque Stelle. Lei dice che vogliamo introdurre una tassa di successione, patrimoniale o vogliamo mettere un’imposta sulla casa; L’imposta sulla casa c’è già, l’ha messa lei col suo governo. Non vogliamo introdurre nessuna patrimoniale, nel programma non c’è, nè la tassa di successione, una tassa illiberale…”
(Luigi Di Maio candidato Premier per il Movimento Cinque Stelle)
488) “Il Movimento Cinque Stelle ha portato troppo odio, non riescono a fermarsi. L’odio che Grillo ha introdotto nella politica portano a queste follie…”
(Matteo Renzi)
489) “Dicono che Mussolini abbia fatto anche cose buone. Ma sicuramente. Anche Stalin o Hitler, un ponte o una strada l’avranno fatta, anche il mostro di Firenze avrà detto buon giorno a qualcuno qualche volta..”
(Roberto Benigni)
490) “Vi benedica il Signore e vi protegga… Sappia che là dove ti posso essere utile, con il volere di Dio, sono a tua completa disposizione…”
(Bernardo Provenzano)
491) “La ‘ndrangheta, per meglio tutelare i propri interessi, ha dato vita alla Santa, una zona grigia di commistione fra la politica, le istituzioni e la massoneria deviata. Gli unici a non accorgersi di questi preoccupanti intrecci di potere sono stati i politici, che ai velenosi miasmi con cui la ‘ndrangheta ammorba e intossica il mondo finora hanno prestato scarsa attenzione…”
(Nicola Gratteri e Antonio Nicaso nel libro Fratelli di Sangue)
492) “Io so. Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato “golpe” (e che in realtà è una serie di “golpe” istituitasi a sistema di protezione del potere). Io so i nomi dei responsabili della strage di Milano del 12 dicembre 1969. Io so i nomi dei responsabili delle stragi di Brescia e di Bologna dei primi mesi del 1974. Io so i nomi del “vertice” che ha manovrato, dunque, sia i vecchi fascisti ideatori di “golpe”, sia i neo-fascisti autori materiali delle prime stragi, sia, infine, gli “ignoti” autori materiali delle stragi più recenti. (…) Io so. Ma non ho le prove (…)”
(Poco prima del suo omicidio il 14 novembre 1974, Pasolini aveva firmato il famoso articolo, sul Corriere della Sera di Piero Ottone)
493) “Non c’è nulla di irrecuperabile. Guardate me: all’inizio mi tiravano i pomodori, oggi il mio quarto disco viene elogiato da tutti. Il segreto è la forza di volontà…” (Quotidiano Il Messaggero)
(Jovanotti)
494) “Fossimo in Renzi stapperemmo champagne anche se di mattina. Il Corriere della Sera finora pende per il no; come dimostrano gli editoriali delle sue penne di punta, la linea è difendere la Costituzione “più bella del mondo”. Non solo. Esiste una legittima preoccupazione che Cairo possa spostare il giornale su posizioni populiste come i suoi tabloid o pentastellate come la sua televisione La7. Ebbene le parole di Bazoli pesano come pietre. Al referendum, pur turandosi il naso, bisogna votare sì. Per il bene del paese. Quanto a Cairo, “serio, umile e libero politicamente”, non deve destare preoccupazioni, del resto è uno che “quando esce spegne la luce…”
(Giovanni Bazoli)
495) “Il Movimento Cinque Stelle al Governo e alla Regione è un pericolo. Ai vostri concittadini dovete raccontare i pericoli che si corrono con esponenti del Movimento Cinque Stelle al Governo e al vertice della Regione. Penso che voi possiate ripetere l’exploit del 2008. Avete avuto una serie di dominatori, dagli Ostrogoti ai Savoia. Non vorrete farvi dominare da un certo Grillo…”
(Silvio Berlusconi)
496) “Non è una Fake News… Matteo Renzi ha un’accordo per spartirsi la Sicilia e l’Italia con Berlusconi. Voglio un incontro tv dopo il 5. Ci stai?”
(Luigi Di Maio candidato Premier per il Movimento Cinque Stelle)
497) “OK, Di Maio, accolgo la tua sfida. Mi và bene Martedì 7 Novembre. Decidiamo se farlo in Rai o altra rete televisiva. Io ci sono!”
(Matteo Renzi)
498) “Travaglio è un monumento vivente alla libertà d’informazione…”
(Michele Santoro)
499) “Certi momenti ho bisogno di silenzio e di solitudine | Certi altri ho bisogno di compagnia e di amore | Certi momenti ho bisogno di musica | a tutto volume Certi momenti ho bisogno di musica… | Ma di abbassare il volume | certi momenti ho bisogno di scrivere | certi momenti ho bisogno di leggere | certi momenti ho bisogno di parlare | di sfogarmi, di dominare | di agir e, di far e di sostituirmi a dio, al destino | e di modificare | certi altri ho bisogno di stare zitto | di ascoltare | di non agire | di non interferire | di lasciar perdere…”
(Vasco Rossi)
500) “Sinistra senza pietà
Il PD fà pagare le tasse
ai terremotati sfollati…
La Commissaria scrive ai comuni:
“Dal 16 Dicembre dovete tornare a pagare…” Chi non ce la fà?
Si indebiti con MPS…”
(Prima Pagina del Giornale di
Venerdì 03 – Novembre – 2017)
501) “Il Pd sbaglia a rinviare l’aumento dell’età pensionabile a 67 anni perché così mette a rischio i conti. Chiudere la rottamazione e aprire un’operazione verità sulle prospettive del Paese…”
(Calenda Ministro dello Sviluppo Economico Governo Gentiloni)
502) “Un triangolatore non è un faccendiere -ritrovando il sorriso-. Le figure di raccordo servono alla democrazia. Evito i salotti. Preferisco stare fra tre, quattro persone, condizione ideale per le intuizioni fruttuose. Le conoscenze sono come le ciliegie. L’una porta l’altra. Ma vanno coltivate con intelligenza. Mai dare bufale o abbandonarle nella disgrazia. Il mio maestro è stato Giulio Andreotti. Da lui ho imparato a prendere con ironia e leggerezza il brutto e il bello della vita. La caratteristica di ogni potente è la fragilità. I Craxi, gli Andreotti, Berlusconi, il Matteo nazionale -che ho studiato negli ultimi mesi per scrivere con Paolo Madron il libro appena uscito e già stravenduto, I potenti al tempo di Renzi- di fronte alle decisioni sono soli e incerti. Io sono sempre stato vicino a tutti. Nell’auge e nella polvere…”
(Luigi Bisignani)
503) “La distanza non è più un limite, prima era un limite e questo stravolge totalmente i canoni del giornalismo e dell’informazione. Per cui adesso in qualche modo possiamo essere presenti con lo stesso media in tutto il mondo allo stesso momento e naturalmente anche il tempo è un tempo che in qualche modo è stato annullato. Quindi viviamo in una era di distanza zero e di tempo zero. Cioè, nello stesso tempo reale posso essere in tutto il mondo, incurante del fatto che ci sia una distanza geografica che prima condizionava fortemente. Queste rivoluzioni non faranno scomparire la carta stampata, che resterà, caso mai cambierà il tipo di lavoro giornalistico, che sarà in qualche modo declinato su vari mezzi di informazione. Cioè il giornalista lavorerà contemporaneamente per la televisione, per una rete Internet e per la carta stampata…”
(Ferruccio De Bortoli)
504) “Senza piccioli e rispetto sei il nulla mischiato al niente…”
(Totò Riina)
505) “La meteorologia non fa il tempo, non decide quando splende il sole o quando piove, ma aiuta a navigare. I marinai sanno che non si governa il mare ma la nave, che si manovrano le vele e non il vento…”
(Giulio Tremonti)
506) “Confindustria è pronta a difendere la propria autonomia da ogni tentativo della politica e di gruppi di potere di ridurla a collateralismo. Confindustria resta impermeabile a ogni strattone polemico, a ogni campagna giornalistica volta a collocarci cinque centimetri più vicini o lontani dal governo o dall’opposizione…”
(Emma Marcegaglia)
507) “Ho una vecchiaia serena. Tutte le mattine parlo con le voci della mia coscienza, ed è un dialogo che mi quieta. Guardo il Paese, leggo i giornali e penso: ecco qua che tutto si realizza poco a poco, pezzo a pezzo. Forse sì, dovrei avere i diritti d’autore. La giustizia, la tv, l’ordine pubblico. Ho scritto tutto trent’anni fa…”
(Licio Gelli)
508) “Se saprai starmi vicino, e potremo essere diversi, se il sole illuminerà entrambi senza che le nostre ombre si sovrappongano, se riusciremo ad essere noi in mezzo al mondo e insieme al mondo, piangere, ridere, vivere. Se ogni giorno sarà scoprire quello che siamo e non il ricordo di come eravamo, se sapremo darci l’un l’altro senza sapere chi sarà il primo e chi l’ultimo se il tuo corpo canterà con il mio perché insieme è gioia Allora sarà amore e non sarà stato vano aspettarsi tanto…”
(Pablo Neruda)
509) “Grati alle Forze Armate Italiane”
(Ministra della Difesa Pinotti in occasione della celebrazione della giornata dell’unità nazionale e delle Forze Armate)

510) “Non aspettare di finire l’università,
di innamorarti,
di trovare lavoro,
di sposarti,
di avere figli,
di vederli sistemati,
di perdere quei dieci chili,
che arrivi il venerdì sera o la domenica mattina,
la primavera,
l’estate,
l’autunno o l’inverno.

Non c’è momento migliore di questo per essere felice.
La felicità è un percorso, non una destinazione. Lavora come se non avessi bisogno di denaro,
ama come se non ti avessero mai ferito e balla, come se non ti vedesse nessuno.
Ricordati che la pelle avvizzisce,
i capelli diventano bianchi e i giorni diventano anni.
Ma l’importante non cambia: la tua forza e la tua convinzione non hanno età.
Il tuo spirito è il piumino che tira via qualsiasi ragnatela.
Dietro ogni traguardo c’è una nuova partenza. Dietro ogni risultato c’è un’altra sfida.
Finché sei vivo, sentiti vivo.

Vai avanti, anche quando tutti si aspettano che lasci perdere…”
(Madre Teresa di Calcutta)

“Non aspettare di finire l’università,
di innamorarti,
di trovare lavoro,
di sposarti,
di avere figli,
di vederli sistemati,
di perdere quei dieci chili,
che arrivi il venerdì sera o la domenica mattina,
la primavera,
l’estate,
l’autunno o l’inverno.

Non c’è momento migliore di questo per essere felice.
La felicità è un percorso, non una destinazione. Lavora come se non avessi bisogno di denaro,
ama come se non ti avessero mai ferito e balla, come se non ti vedesse nessuno.
Ricordati che la pelle avvizzisce,
i capelli diventano bianchi e i giorni diventano anni.
Ma l’importante non cambia: la tua forza e la tua convinzione non hanno età.
Il tuo spirito è il piumino che tira via qualsiasi ragnatela.
Dietro ogni traguardo c’è una nuova partenza. Dietro ogni risultato c’è un’altra sfida.
Finché sei vivo, sentiti vivo.

Vai avanti, anche quando tutti si aspettano che lasci perdere…”
(Madre Teresa di Calcutta)

511) “Io penso che le persone non si dimenticano. Non puoi dimenticare chi un giorno ti faceva sorridere, chi ti faceva battere il cuore, chi ti faceva piangere per ore intere. Le persone non si dimenticano. Cambia il modo in cui noi le vediamo, cambia il posto che occupano nel cuore, il posto che occupano nella nostra vita. Ci sono persone che hanno tirato fuori il meglio di me, eppure adesso tra noi, c’è solamente un semplice “ciao”. […] Ci sono persone che nonostante mi abbiano fatto versare lacrime, mi abbiano stravolto la vita… mi hanno insegnato a vivere. Mi hanno insegnato a diventare quello che sono. E, anche se oggi tra noi resta solamente un sorriso o un semplice ciao, faranno per sempre parte della mia vita. Io non dimentico NESSUNO. Non dimentico chi ha toccato con mano, almeno per una volta la mia vita. Perché se lo hanno fatto, significa che il destino ha voluto che mi scontrassi anche con loro prima di andare avanti…”
(Luciano Ligabue)

512) “Si sbaglia sempre. Si sbaglia per rabbia, per amore, per gelosia. Si sbaglia per imparare. Imparare a non ripetere mai certi sbagli. Si sbaglia per poter chiedere scusa, per poter ammettere di aver sbagliato. Si sbaglia per crescere e per maturare. Si sbaglia perché non si è perfetti…” (Bob Marley)

513) “Si può essere tutto ciò che si vuole, basta trasformarsi in tutto ciò che si pensa di poter essere…” (Freddie Mercury)

514) “Ti manderò un bacio con il vento e so che lo sentirai, ti volterai senza vedermi ma io sarò li Siamo fatti della stessa materia di cui sono fatti i sogni Vorrei essere una nuvola bianca in un cielo infinito per seguirti ovunque e amarti ogni istante Se sei un sogno non svegliarmi Vorrei vivere nel tuo respiro Mentre ti guardo muoio per te Il tuo sogno sarà di sognare me Ti amo perché ti vedo riflessa in tutto quello che c’è di bello Dimmi dove sei stanotte ancora nei miei sogni? Ho sentito una carezza sul viso arrivare fino al cuore Vorrei arrivare fino al cielo e con i raggi del sole scriverti ti amo Vorrei che il vento soffiasse ogni giorno tra i tuoi capelli, per poter sentire anche da lontano il tuo profumo! Vorrei fare con te quello che la primavera fa con i ciliegi…” (Pablo Neruda)

515) “I giovani devono viaggiare, perché viaggiando si può capire gli altri. Viaggiando si può capire che le differenze sono un valore e non un problema…” (Renzo Piano)

516) “Ti criticheranno sempre, parleranno male di te e sarà difficile che incontri qualcuno al quale tu possa piacere così come sei! Quindi vivi, fai quello che ti dice il cuore, la vita è come un’opera di teatro, ma non ha prove iniziali: canta, balla, ridi e vivi intensamente ogni giorno della tua vita prima che l’opera finisca priva di applausi…” (Charlie Chaplin)

 

517) “Mantieni i tuoi pensieri positivi,
perché i tuoi pensieri diventano parole.
Mantieni le tue parole positive,
perché le tue parole diventano i tuoi comportamenti.
Mantieni i tuoi comportamenti positivi,
perché i tuoi comportamenti diventano le tue abitudini.
Mantieni le tue abitudini positive,
perché le tue abitudini diventano i tuoi valori.
Mantieni i tuoi valori positivi,
perché i tuoi valori diventano il tuo destino…” (Mahatma Gandhi)

518) “Ogni raggio dell’alba prenda per mano i tuoi sogni notturni, i più belli. E li conduca alla realtà…”
(Proverbio Tibetano)

519) “È una follia odiare tutte le rose perché una spina ti ha punto, abbandonare tutti i sogni perché uno di loro non si è realizzato, rinunciare a tutti i tentativi perché uno è fallito.

È una follia condannare tutte le amicizie perché una ti ha tradito, non credere in nessun amore solo perché uno di loro è stato infedele, buttare via tutte le possibilità di essere felici solo perché qualcosa non è andato per il verso giusto.

Ci sarà sempre un’altra opportunità, un’altra amicizia, un altro amore, una nuova forza. Per ogni fine c’è un nuovo inizio…”
(Antoine De Saint Exupéry)

520) “Io sono un vegetariano convinto per ragioni etiche (non mi va di soddisfare la gola a spese del dolore e della morte di altri animali), ma nel fare queste affermazioni mi baso su ragioni scientifiche più che accertate. Noi siamo circondati da sostanze inquinanti, che la sensibilità collettiva ritiene ormai un rischio per la nostra vita. Sono sostanze nocive se le respiriamo, ma lo sono molto di più se le ingeriamo. Consumando carne, ci mettiamo proprio in questa situazione, perché dall’atmosfera queste sostanze ricadono sul terreno, e quindi sull’erba che, mangiata dal bestiame, si accumulano nei suoi depositi adiposi, e infine arrivano sul nostro piatto quando mangiamo la carne. Una sostanza tossica è più pericolosa se viene ingerita piuttosto che se viene respirata…”
(Umberto Veronesi)

521) “La vita mi ha insegnato che chiunque mi abbia fatto del male alla fine non ha tratto benefici…”
(Bruno Vespa)

522) “Dato Sicilia risultato straordinario per Cancelleri che per gli Exit Poll raccoglie una forbice di voti del 33 – 37%. Noi competitivi con una sola lista contro un’accozzaglia. Il PD è fallito, l’allegra ditta Renzi – Alfano è stata mandata a casa. Noi correvamo da soli contro un’armata Brancaleone e di impresentabili e abbiamo avuto un dato importantissimo…”
(Corrao Europarlamentare del Movimento Cinque Stelle)

523) “Gli infelici valutano costantemente gli altri, criticano continuamente il loro comportamento e spesso su di loro sfogano il proprio personale malessere o fallimento…”
(Fabio Volo)

524) “La Fiat ha fatto del bene al Paese e continua a farlo, ma è insopportabile vedere gente che ha cariche istituzionali a bordo di un’Audi o di una Bmw…”
(Lapo Elkann)

525) “I giovani devono essere più determinati nel trovare il lavoro, perché ci sono molte opportunità, spesso colte da altri, proprio perché loro non hanno voglia di coglierle. Questo stimolo, legato al fatto che o non ne hanno bisogno o non c’è la condizione di fare certe cose…”
(John Elkann)

526) “La forza mentale fa parte del carattere, non si può studiare a tavolino. Si è forti di testa se si riesce a rimanere sereni e divertirsi anche quando le cose non vanno bene, e se si riesce a non perdere mai la fiducia in se stessi e nel lavoro di squadra…”
(Valentino Rossi)

527) “Negli scorsi giorni un altro politico eminente, Luca Coscioni, presidente del Partito radicale, aveva saputo di non essere stato ammesso a far parte di un Comitato bioetico, mancandogli, se ho ben capito, i requisiti accademici. Coscioni, che era per professione scelta un economista e docente, è diventato poi per necessità un impaziente ammalato di sclerosi amiotrofica laterale, e ne è diventato esperto di quella doppia competenza che viene dall’esperienza sofferta e dallo studio metodico. Si sarebbe detto che nessuno avesse titoli più completi dei suoi per entrare in quell’impegnativo comitato, presieduto del resto da una degna persona come Giovanni Berlinguer, se non sbaglio. Invece ne è restato fuori. Nessuna obiezione, purché non si ripeta che non aveva i titoli: si dica francamente anche per lui che è stato portato fuori dai commessi…”
(Adriano Sofri)
528) “Avevo chiesto il confronto con Renzi qualche giorno fa, quando lui era il candidato Premier di quella parte politica. Il terremoto del voto in Sicilia ha completamente cambiato questa prospettiva. Mi confronteró con la persona che sarà indicata come candidato Premier da quel partito o quella coalizione. Il PD è politicamente defunto. Il nostro competitor non è più Renzi o il PD…”
(Luigi Di Maio candidato Premier per il Movimento Cinque Stelle in un post su Facebook)
529) “Di Maio è talmente ridicolo che ogni commento rovinerebbe questa sua farsa”
(Richetti portavoce della segreteria PD)
530) “Spero che Floris mantenga il confronto. Al limite con una sedia vuota. Tanto non si noterà granché la differenza”
(Orfini Presidente Dem)
531) “Sullo stile e l’eleganza dei commenti di alcuni importanti esponenti del Partito Democratico in merito al coraggio del Presidente Grasso non resta che confermare ancor di più le motivazioni per le quali il Presidente si è dimesso dal gruppo del PD. Merito, metodi e contenuti dell’attuale classe dirigente del Partito Democratico sono molto lontani da quelli dimostrati dal Presidente”
(Grasso Presidente del Senato)
532) “Imputare a Grasso il risultato che si va profilando per il PD in Sicilia, peraltro in linea con tutte le ultime competizioni amministrative e referendarie, è una patetica scusa, utile solo ad impedire più approfondite riflessioni di carattere politico sul bilancio della fase attuale e sulle prospettive future.”
(Pasquini portavoce del Presidente del Senato Grasso)
533) “Di Maio hai scelto la data, la Tv, il conduttore e adesso scappi? Un leader non fugge. Ci vediamo domani da Floris a La7, ore 21.30. Oggi Di Maio scappa. Mi spiace per i miei figli pensare che gli Italiani rischino di essere guidati da un leader senza coraggio…”
(Matteo Renzi segretario del Pd)
534) “In Italia non c’è più opinione pubblica. Non parlo dell’opposizione, ma di qualcosa o qualcuno trasversale ai partiti, che comunque si riconosca in comuni valori democratici. E che, come succede in altri paesi, dovrebbe “punire” – mettiamoci le virgolette, per carità – un capo del governo che non ha senso dello Stato, che non va alle celebrazioni del 25 aprile, che aggredisce la magistratura, che ha come braccio destro un condannato per corruzione e come braccio sinistro un condannato per concorso in associazione mafiosa. E invece passano concetti come “agli italiani non interessa il conflitto di interessi, visto che hanno fatto vincere Berlusconi”. Sì, ma interessa alla democrazia… La maggioranza delle persone, e non solo a destra, ormai considera normale che un uomo abbia il monopolio della tv, faccia politica e sia anche capo del governo. La sua vittoria è questa: ormai la bassa qualità della democrazia italiana è considerata un fatto normale, marginale…”
(Nanni Moretti)
535)   “Ora nei salotti gira la tesi che il declino morale del paese cominciò con Drive In. Persino Fuksas, l’architetto, ha rilasciato dichiarazioni sdegnate su quel mio programma, salvo poi accorgersi, dopo una mia telefonata, di essersi confuso con Colpo Grosso. Gli autori di Drive In, è bene ricordarlo, erano Elle Kappa, Gino & Michele, Disegni & Caviglia, Staino, la crème dell’intellighenzia umoristica di sinistra. In un periodo reale di censura, Drive In fu un momento di libertà d’espressione…”
(Antonio Ricci)
536)   “La pratica sportiva è un microcosmo della vita fatto di sacrifici, applicazione nel lavoro, rispetto delle regole, successi e delusioni. Ma è soprattutto un modo sano di intendere la vita, a prescindere dai risultati che ciascuno può ottenere…”
(Cesare Prandelli)
537)   “Non è accettabile che una maggioranza si spacchi su una norma di civiltà e semplice buon senso etico e giuridico come lo ius soli, è una maggioranza perdente. Questo dimostra che non si possono fare alleanze con il centrodestra. Minori, bambini e bambine che in tutta Italia frequentano le nostre scuole, che hanno genitori che lavorano regolarmente e pagano le tasse, sono già persone integrate. Dobbiamo riconoscere i doveri e i diritti di tutti i cittadini. A questo serve lo ius soli…”
(Giuliano Pisapia)
538)   “Visto da vicino, Pelù è sconcertante: ha l’espressione di uno che è appena uscito da una lavatrice. Alla faccia tritata come un teppista del Caravaggio, occorre aggiungere uno sguardo luciferino e barcollante, muscoli tozzi e ben oliati, naturalmente esposti fuori dalla canottiera su cui campeggia l’inevitabile santino del Che Guevara; in questo stato, il nostro Pelù superfluo canta la rivolta giovanile, la scopata rockettara, la protesta religiosa, sempre attenendosi a un’unica, semplice e ignorantissima regola: mai sistemare col pensiero ciò che si può sistemare con un colpo di bacino…”
(Roberto D’Agostino)
539)   “Il segreto per vivere a lungo è: mangiare la metà, camminare il doppio, ridere il triplo e amare senza misura…”
(Proverbio Cinese)
540)   “Ama la vita così com’è
Amala pienamente, senza pretese;
amala quando ti amano o quando ti odiano,
amala quando nessuno ti capisce,
o quando tutti ti comprendono.Amala quando tutti ti abbandonano,
o quando ti esaltano come un re.
Amala quando ti rubano tutto,
o quando te lo regalano.Amala quando ha senso
o quando sembra non averlo nemmeno un po’.
Amala nella piena felicità,
o nella solitudine assoluta.Amala quando sei forte,
o quando ti senti debole.
Amala quando hai paura,
o quando hai una montagna di coraggio.Amala non soltanto per i grandi piaceri
e le enormi soddisfazioni;
amala anche per le piccolissime gioie.Amala seppure non ti dà ciò che potrebbe,
amala anche se non è come la vorresti.
Amala ogni volta che nasci
ed ogni volta che stai per morire.
Ma non amare mai senza amore.
Non vivere mai senza vita!”
(Madre Teresa di Calcutta)541)   “Le cose più semplici sono le più straordinarie, e soltanto il saggio riesce a vederle…”
(Paulo Coelho)

542)   “La vita è un sogno… Fanne una realtà…”
(Madre Teresa di Calcutta)

543)   “Non amate per la bellezza, perché un giorno finirà. Non amate per l’ammirazione, perché un giorno vi deluderà. Amate e basta, perché il tempo non può far finire un amore che non ha spiegazioni…”
(Madre Teresa di Calcutta)

544)   “I litigi tra gli innamorati completano l’amore…”
(Terenzio)

545)   “Gli amori più belli sono di due tipi… Quelli che cominciano per caso e quelli che durano per scelta…”
(Diego Baglioni)

546)   “Il bambino che non gioca non è un bambino, ma l’adulto che non gioca ha perso per sempre il bambino che ha dentro di sé…”
(Pablo Neruda)

547)   “Il bambino impara ciò che vive
Se vive nel rimprovero, diverrà più intransigente
Se vive nell’ostilità diverrà più aggressivo
Se vive nella derisione, diverrà più timido
Se vive nel rifiuto, diverrà uno sfiduciato
Se vive nella serenità, diverrà più equilibrato
Se vive nell’incoraggiamento, diverrà più intraprendente
Se vive nell’apprezzamento, diverrà più comprensivo
Se vive nella lealtà, diverrà più giusto
Se vive nella chiarezza, diverrà più fiducioso
Se vive nella stima, diverrà più sicuro di sé
Se vive nell’amicizia, diverrà veramente amico per il suo mondo…”
(Dorothy Law Nolte)

548)   “Non competo con nessuno.
Proseguo il mio cammino.
Non ho il minimo desiderio
di cercare di essere superiore agli altri,
in nessun modo, forma o stile.
Aspiro solo a migliorare,
ad essere migliore di quello che ero prima.
Io sono così e sono libero!”
(Diego Baglioni)

549)   “Certo che ti farò del male. Certo che me ne farai. Certo che ce ne faremo. Ma questa è la condizione stessa dell’esistenza. Farsi primavera significa accettare il rischio dell’inverno. Farsi Presenza, significa accettare il rischio dell’Assenza…”
(Antoine De Saint Exupéry)

550)   “Il più bello dei mari è quello che non navigammo. Il più bello dei nostri figli non è ancora cresciuto. I nostri giorni più belli non li abbiamo ancora vissuti. E quello che vorrei dirti di più bello non te l’ho ancora detto…”
(Nazim Hikmet)

551)   “Ci sono persone con cui perdi tempo e altre con cui perdi il senso del tempo. E’ solo una questione di scelte…”
(Diego Baglioni)

552)   “Non ci sottostimare, non cimettere alla prova…” (Donald Trump Presidente USA alla Corea del Nord)

553)   “La Sala trofei della Juventus è bellissima… troveremo lo spazio per altre coppe…” (Matuidi Centrocampista della Juventus)

554)   “Fatto gravissimo Cateno De Luca appena eletto con il Centrodestra era un nome segnalato…” (Bindi Presidente Commissione Antimafia)

555)   “Migranti, boom domande protezione +44%” (Anci, Caritas Italiana, Cittalia, Fondazione Migrantes, Servizio Centrale Sprar, Unhcr)

556)   “Con l’accusa di frode e corruzione finiscono 16 arrestati tra cui l’imprenditore e Top Manager Alfredo Romeo, Direttore Generale ospedale Cardarelli di Napoli Ciro Verdoliva, Giovanni Annunziata ex Dg Comune Napoli, Ivan Russo collaboratore Romeo” (Ansa)

557)   “Cateno De Luca dell’Udc è il primo impresentabile arrestato di Nello Musumeci. Lo hanno eletto all’assemblea Siciliana neppure 48 ore fa, un record storico. La notizia non ci coglie di sorpresa, anzi la meraviglia è che ci si meravigli. Ora chiedete scusa ai Siciliani… (Giancarlo Cancelleri candidato del Movimento Cinque Stelle alla presidenza della Regione Sicilia sul Blog di Beppe Grillo)

558)   “Dio ha creato l’uomo più forte, ma non necessariamente più intelligente. Egli ha dato alle donne l’intuizione e la femminilità. E, usata correttamente, questa combinazione manda facilmente in pappetta il cervello di ogni uomo che abbia mai incontrato…”
(Farraw Fawcett)

559)   “Abbiamo perso il nostro bambino”
(Costanza Caracciolo e Christian Vieri)

560)   “Niente a che vedere con giornalismo o diritto di cronaca, è istigazione a odio e violenza” (Fnsi commentando la Prima Pagina del Giornale Libero di Vittorio Feltri che Mercoledì 08 – Novembre – 2017 titolava “Per stendere Renzi bisogna sparargli”)

561)   “Aggrediti a Ostia da Roberto Spada due inviati del programma Rai [Nemo nessuno escluso], che volevano realizzare un servizio sul voto nel Municipio” (Ansa)

562)   “Cafiero De Raho è Procuratore Antimafia” (Plenum del Csm)

563)   “A Ostia episodio grave, seguo caso” (Minniti Ministro dell’Interno)

564)   “Ostia, operato reporter Rai Daniele Piervincenzi” (Agi)

565)   “Data elezioni o Lega a Roma” (Matteo Salvini Leader Lega)

566)   “Dio sa mescolare il dolce con l’amaro e converte in premio eterno le pene transitorie della vita…”
(San Pio da Pietrelcina)

567)   “La misura dell’amore è amare senza misura…”
(Sant’Agostino)

568)   “Jatevenne…” (Il grido degli studenti nell’occupazione dell’università Federico II di Napoli contro il convegno su lavoro e diritti con la partecipazione di D’Alema e Camusso)

569)   “Se nuoti nella vasca dei piranha non puoi lamentarti se quando esci ti manca un arto (…) Ma dovrei provare pietà? No! Ti ubriachi da fare schifo. E dopo la cavolata di ubriacarti con chi ti allontani? Con un magrebino? Notoriamente, soprattutto a Piazza Verdi,tutti gentleman. Ti sei bevuta anche tutta la tirata ideologica sull’accogliamoli tutti?”
(Don Lorenzo Guidotti, un sacerdote di Bologna ha pubblicato questo Post su Facebook per commentare la notizia di una 17enne che ha denunciato lo stupro da parte di un nordafricano rivolgendosi alla ragazza…)

570)    “Il vero Pd era quello di Bersani” (Pietro Grasso Presidente del Senato)

571)   “C’è una campagna di denigrazione della Resistenza: diretta dall’alto, coltivata dal cortigiano. Il loro gioco preferito è quello dei morti, l’uso dei morti: abolire la festa del 25 aprile e sostituirla con una che metta sullo stesso piano partigiani e combattenti di Salò, celebrare insieme come eroi della patria comune Giacomo Matteotti, ucciso dai fascisti e il filosofo Gentile, presidente dell’accademia fascista, giustiziato dai partigiani, onorare insieme le vittime antifasciste della risiera di San Sabba e quelle delle foibe titine. Proposte da comitati di reduci che evidentemente non hanno mai sentito parlare dei lager in cui i fascisti, prima e dopo l’armistizio, hanno chiuso migliaia di cittadini colpevoli unicamente di essere di etnia slovena…”
(Giorgio Bocca)

572)   “Vecchia fama nel mondo li chiama orbi; gent’è avara, invidiosa e superba: dai lor costumi fa che tu ti forbi. La tua fortuna tanto onor ti serba, che l’una parte e l’altra avranno fame di te, ma lungi fia dal becco l’erba…”
(Dante Alighieri)

573)   “Qual masso che dal vertice di lunga erta montana, abbandonato all’impeto di rumorosa frana, per lo scheggiato calle precipitando a valle, barre sul fondo e sta; là dove cadde, immobile giace in sua lenta mole; né, per mutar di secoli, fia che riveda il sole della sua cima antica, se una virtude amica in alto nol trarrà: tal si giaceva il misero figliol del fallo primo, dal dì che un’ineffabile ira promessa all’imo d’ogni malor gravollo, donde il superbo collo più non potea levar. Qual mai tra i nati all’odio, quale era mai persona che al Santo inaccessibile potesse dir: perdona? far novo patto eterno? al vincitore inferno la preda sua strappar? Ecco ci è nato un Pargolo, ci fu largito un Figlio: le avverse forze tremano al mover del suo ciglio: all’ uom la mano Ei porge, che sì ravviva, e sorge oltre l’antico onor. Dalle magioni eteree sgorga una fonte, e scende, e nel borron de’ triboli vivida si distende: stillano mele i tronchi dove copriano i bronchi, ivi germoglia il fior. O Figlio, o Tu cui genera l’Eterno, eterno seco; qual ti può dir de’ secoli: Tu cominciasti meco? Tu sei: del vasto empiro non ti comprende il giro: la tua parola il fe’. E Tu degnasti assumere questa creata argilla? qual merto suo, qual grazia a tanto onor sortilla se in suo consiglio ascoso vince il perdon, pietoso immensamente Egli è. Oggi Egli è nato: ad Efrata, vaticinato ostello, ascese un’alma Vergine, la gloria d’lsraello, grave di tal portato da cui promise è nato, donde era atteso usci. La mira Madre in poveri panni il Figliol compose, e nell’umil presepio soavemente il pose; e l’adorò: beata! innazi al Dio prostrata, che il puro sen le aprì. L’Angel del cielo, agli uomini nunzio di tanta sorte, non de’ potenti volgesi alle vegliate porte; ma tra i pastor devoti, al duro mondo ignoti, subito in luce appar. E intorno a lui per l’ampia notte calati a stuolo, mille celesti strinsero il fiammeggiante volo; e accesi in dolce zelo, come si canta in cielo A Dio gloria cantar. L’allegro inno seguirono, tornando al firmamento: tra le varcare nuvole allontanossi, e lento il suon sacrato ascese, fin che più nulla intese la compagnia fedel. Senza indugiar, cercarono l’albergo poveretto que’ fortunati, e videro, siccome a lor fu detto videro in panni avvolto, in un presepe accolto, vagire il Re del Ciel. Dormi, o Fanciul; non piangere; dormi, o Fanciul celeste: sovra il tuo capo stridere non osin le tempeste, use sull’empia terra, come cavalli in guerra, correr davanti a Te. Dormi, o Celeste: i popoli chi nato sia non sanno; ma il dì verrà che nobile retaggio tuo saranno; che in quell’umil riposo, che nella polve ascoso, conosceranno il Re…”
(Alessandro Manzoni)

574)   “Gli uomini non potendo per se stessi acquistare la propria e l’altrui stima, cercano di innalzarsi, paragonando que’ difetti che per ventura non hanno, a quelli che ha il loro vicino. Ma chi non si ubriaca perché naturalmente odia il vino, merita lode di sobrio?”
(Ugo Foscolo)

575)   “Ho perdonato errori quasi imperdonabili, ho provato a sostituire persone insostituibili e dimenticato persone indimenticabili.

Ho agito per impulso, sono stato deluso dalle persone che non pensavo lo potessero fare, ma anch’io ho deluso.

Ho tenuto qualcuno tra le mie braccia per proteggerlo; mi sono fatto amici per l’eternità.

Ho riso quando non era necessario, ho amato e sono stato riamato, ma sono stato anche respinto.

Sono stato amato e non ho saputo ricambiare.

Ho gridato e saltato per tante gioie, tante.

Ho vissuto d’amore e fatto promesse di eternità, ma mi sono bruciato il cuore tante volte! Ho pianto ascoltando la musica o guardando le foto.

Ho telefonato solo per ascoltare una voce.

Io sono di nuovo innamorato di un sorriso.

Ho di nuovo creduto di morire di nostalgia e ho avuto paura di perdere qualcuno molto speciale (che ho finito per perdere), ma sono sopravvissuto! E vivo ancora! E la vita, non mi stanca… e anche tu non dovrai stancartene.

Vivi!

È veramente bello battersi con persuasione, abbracciare la vita e vivere con passione, perdere con classe e vincere osando, perché il mondo appartiene a chi osa!

La Vita è troppo bella per essere insignificante!”
(Charlie Chaplin)

576)   “Qual è la differenza tra mi piaci e ti amo? Quando ti piace un fiore, è sufficiente coglierlo. Quando ami un fiore, lo annaffi ogni giorno…”
(Diego Baglioni)

577)   “Non sono una persona speciale. Sono un uomo normale con pensieri normali e una vita normale. Non ci sono monumenti dedicati a me, il mio nome sarà dimenticato. In una cosa sono riuscito in maniera assolutamente eccezionale. Ho amato una donna con tutto il cuore, e tutta l’anima per me questo è sempre stato sufficiente…”
(Noah Calhoun)

578)   “La felicità è un’opera d’arte… Trattatela con cura…”
(Edith Wharton)

579)   “Le cose belle insegnano ad amare la vita, quelle brutte a saperla vivere…”
(Diego Baglioni)

580)   “Se amate qualcuno per la sua bellezza, non è amore ma desiderio.
Se amate qualcuno per la sua intelligenza, non è amore ma ammirazione.
Se amate qualcuno per la sua ricchezza, non è amore ma interesse.
Se amate qualcuno e non sapete il perché, questo è amore…”
(Diego Baglioni)

581)   “Nessuno è nato sotto una cattiva stella; ci sono semmai uomini che guardano male il cielo…”
(Diego Baglioni)

582)   “La terra è un paradiso… L’inferno è non accorgersene…”
(George Luis Borges)

583)   “L’arte del saper vivere consiste nell’avere gli occhi di chi ne ha passate tante e il sorriso di chi le ha superate tutte…”
(Diego Baglioni)

584)   “Nella vita non contano i passi che fai, né le scarpe che usi, ma le impronte che lasci…”
(Diego Baglioni)

585)   “La gente piccola la riconosci subito, è quella che cerca di spiegarti quanto è grande…”
(Mauro Soldano)

586) “Italia a rotoli anche nel calcio. Non accede ai Mondiali del 2018… Non accadeva dal 1958…”
(Diego Baglioni)

587)   “Chi corre dietro al nulla diventa lui stesso nullità…”
(Papa Francesco)

588)   “Il bello delle donne è che hanno paura, ma alla fine hanno il coraggio di fare tutto…”
(Diego Baglioni)

589)   “L’esperienza è il tipo di insegnante più difficile. Prima ti fa l’esame, poi ti spiega la lezione…”
(Oscar Wilde)

590)   “Tra vent’anni sarai più infastidito dalle cose che non hai fatto che da quelle che hai fatto. Perciò molla gli ormeggi, esci dal porto sicuro e lascia che il vento gonfi le tue vele. Esplora. Sogna. Scopri…”
(Mark Twain)

591)   “Quello che noi facciamo è solo una goccia nell’oceano, ma se non lo facessimo l’oceano avrebbe una goccia in meno…”
(Madre Teresa di Calcutta)

592)   “Meriggiare pallido e assorto presso un rovente muro d’orto, ascoltare tra i pruni e gli sterpi schiocchi di merli, frusci di serpi. Nelle crepe del suolo o su la veccia spiar le file di rosse formiche ch’ora si rompono ed ora s’intrecciano a sommo di minuscole biche. Osservare tra frondi il palpitare lontano di scaglie di mare mentre si levano tremuli scricchi di cicale dai calvi picchi. E andando nel sole che abbaglia sentire con triste meraviglia com’è tutta la vita e il suo travaglio in questo seguitare una muraglia che ha in cima cocci aguzzi di bottiglia…”
(Eugenio Montale)

593)   “Gli uomini passano, le idee restano. Restano le loro tensioni morali e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini…”
(Giovanni Falcone)

594)   “Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell’Occidente è che perdono la salute per fare i soldi e poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere né il presente, né il futuro. Vivono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto…”
(Diego Baglioni)

595)   “Che io possa avere la forza di cambiare le cose che posso cambiare, che io possa avere la pazienza di accettare le cose che non posso cambiare, che io possa avere soprattutto l’intelligenza di saperle distinguere…”
(Tommaso Moro)

596)   “Il segreto della felicità è la libertà…”
(Diego Baglioni)

597)   “Il mondo è nelle mani di coloro che hanno il coraggio di sognare e di correre il rischio di vivere i propri sogni…”
(Paulo Coelho)

598)   “Prima o poi arriva l’ora in cui bisogna prendere una posizione che non è né sicura, né conveniente, né popolare; ma bisogna prenderla, perché è giusta…”
(Martin Luther King)

599)   “L’educazione è il grande motore dello sviluppo personale. È grazie all’educazione che la figlia di un contadino può diventare medico, il figlio di un minatore il capo miniera o un bambino nato in una famiglia povera il presidente di una grande nazione. Non ciò che ci viene dato, ma la capacità di valorizzare al meglio ciò che abbiamo è ciò che distingue una persona dall’altra…”
(Nelson Mandela)

600)   “E’ proibito non fare le cose per te stesso, avere paura della vita e dei suoi compromessi,
non vivere ogni giorno come se fosse il tuo ultimo respiro.
E’ proibito sentire la mancanza di qualcuno senza gioire,
dimenticare i suoi occhi e le sue risate
solo perché le vostre strade hanno smesso di abbracciarsi.
Dimenticare il passato e farlo scontare al presente…”
(Pablo Neruda)

601)   “Sii sempre come il mare che infrangendosi contro gli scogli, trova sempre la forza di riprovarci…”
(Jim Morrison)

602)   “Se tu hai una mela, e io ho una mela, e ce le scambiamo, allora tu ed io abbiamo sempre una mela ciascuno. Ma se tu hai un’idea, ed io ho un’idea, e ce le scambiamo, allora abbiamo entrambi due idee…”
(George Bernard Shaw)

603)   “La donna uscì dalla costola dell’uomo, non dai piedi per essere calpestata, non dalla testa per essere superiore ma dal lato, per essere uguale, sotto il braccio per essere protetta, accanto al cuore per essere amata…”
(Williams Shakespeare)

604)   “Insegnare i dettagli significa portare confusione. Stabilire i rapporti tra le cose significa dare conoscenza…”
(Maria Montessori)

605)   “La vita e i sogni sono fogli di uno stesso libro: leggerli in ordine è vivere, sfogliarli a caso è sognare…”
(Arthur Schopenhauer)

606)   “Alcuni piagnucolano pietosamente, altri bestemmiano oscenamente, ma nessuno o pochi si domandano: se avessi fatto anch’io il mio dovere, se avessi cercato di far valere la mia volontà, sarebbe successo ciò che è successo?”
(Antonio Gramsci)

607)   “L’ostacolo più grande? la paura!
La cosa più facile? Sbagliarsi!
L’errore più grande? Rinunciare!
La radice di tutti i mali? L’egoismo!
La distrazione migliore? Il lavoro!
La sconfitta peggiore?Lo scoraggiamento!
I migliori insegnanti? I bambini, gli ammalati!
Il primo bisogno? Comunicare!
La fedeltà più grande? Essere utili agli altri!
Il difetto peggiore? Il malumore!
La persona più pericolosa? Quella che mente!
Il sentimento più brutto? Il rancore,l’indifferenza!
Il regalo più bello? La carità, l’ascolto!
La sensazione più bella? La pace interiore!
L’accoglienza migliore? Il sorriso!
La miglior medicina? L’ottimismo!”
(Madre Teresa di Calcutta)

608)   “Grande stima verso tutte le forze dell’ordine Italiane. Uomini e donne dediti al dovere e al rispetto delle regole. Ultimo vero baluardo di onestà in una Italia che va a rotoli. Ultimamente si leggono e sì sentono troppe critiche nei loro confronti… Io non sono daccordo… Grazie ancora…”
(Diego Baglioni)

609)   “Non esiste separazione definitiva fino a quando c’è il ricordo…”
(Isabel Allende)

610)   “Ha più morti innocenti sulla coscienza Totò Riina o Emma Bonino?”
(Don Francesco Pieri)

611)   “Ti diranno che sei un pazzo, solo perché loro non avranno mai il coraggio di fare quello che fai tu…”
(Diego Baglioni)

612)   “Finché riusciremo ad amarci a vicenda da ricordarci il sentimento d’amore che abbiamo provato, potremo morire senza uscire realmente dal mondo. L’amore che si è creato resta qui. I ricordi sono ancora qui. E tu continui a vivere nei cuori di chi hai nutrito, educato o commosso su questo pianeta…”
(Mitch Albom)

613)   “I referenti politici dei clan ormai sono incensurati. Ora i candidati cercano i boss…”
(Nicola Gratteri dalla Prima Pagina del Fatto Quotidiano di Lunedì 20 Novembre 2017)

614)   “Le dichiarazioni di Monica Picca e Fabio Rampelli sono gravi e diffamatorie… stiamo andando a denunciarli ai Carabinieri”
(Movimento 5 Stelle Roma su Facebook)

615)   “Non hai bisogno di vedere l’intera scalinata. Inizia semplicemente a salire il primo gradino…”
(Diego Baglioni)

616)   “Ci fanno lavorare gratis, i percorsi di alternanza scuola lavoro sono fasulli e vengono fatti in aziende non idonee. Il sistema ha fallito…”
(Il rappresentante degli studenti dell’università Bicocca di Milano in una irruzione durante la cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico davanti al Ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli per protestare contro la legge alternanza lavoro)

617)   “Peccato, aggiunge Maroni. Vorrà dire che sosterremo più fortemente la Catalogna nella sua richiesta d’autonomia e indipendenza…”
(Governatore Lombardo Maroni a proposito del mancato rispetto della promessa del ministero degli esteri spagnolo Dastis del voto a favore dell’Italia per la presidenza dell’Ema)

618)   “Scherzando, si può dire di tutto, anche la verità…”
(Sigmund Freud)

618)   “A volte le persone vanno scosse, perché può capitare che la loro parte migliore si depositi sul fondo…”
(Diego Baglioni)

619)   “Quale mondo giaccia al di là di questo mare non so, ma ogni mare ha un’altra riva, e arriverò…”
(Cesare Pavese)

620)   “Ho visto un pescecane…
Troppo poco pesce…
Ma tanto cane…”
(Diego Baglioni)

621)   “Tra Berlusconi e Di Maio io voto Berlusconi…”
(Eugenio Scalfari fondatore e direttore di Repubblica)

622)   “Non puoi iniziare un nuovo capitolo della tua vita se continui a rileggere l’ultimo…”
(Diego Baglioni)

623)   “Alcuni centri di accoglienza italiani danno soldi alle mafie nella gestione dei viaggi degli immigrati…”
(Matteo Salvini su Rai 2 ospite a Nemo)

624)   “La mafia mi ucciderà quando altri lo permetteranno…”
(Paolo Borsellino)

625)   “E’ quando le aspettative sono ridotte a zero che si apprezza veramente ciò che si ha…”
(Stephen Hawking)

626)   “Le fissazioni sono più gravi delle malattie…”
(Diego Baglioni)

627)   “Potete copiarmi quanto volete…
L’originale sarò sempre e solo io…”
(Diego Baglioni)

628)   “Siete e lo sarete per l’eternità…
Improvvisati copioni e replicanti…”
(Diego Baglioni)

629)   “Di quello che vedi a metà devi credere…
Di quello che senti… a nulla…”
(Diego Baglioni)

630)   Mia nonna diceva: “A pensare male si fà peccato ma spesso ci si indovina…”
(Diego Baglioni)

631)   Mia nonna diceva che: “Con padre e con padrone non esiste ragione…”
(Diego Baglioni)

632)   “La più alta forma di intelligenza umana è la capacità di osservare senza giudicare…”
(Jiddu Krishnamurti)

633)   “Berlusconi e Renzi mi attaccano perché sanno di stare dietro nei sondaggi. Io non gli rispondo! La rivoluzione liberale promessa da Berlusconi in 20 anni e mai fatta la faremo noi. Berlusconi usa con noi i metodi che la sinistra utilizzava contro di lui e infatti la sinistra perdeva sempre. Resteremo in Ue, lo assicuro! Diamo 20 Mld l’anno all’Ue e ce ne rientrano soltanto 12. O ci ascoltano, oppure una parte di quei 20 Mld cominciamo a darli alle imprese italiane.”
(Luigi Di Maio candidato Premier per il Movimento Cinque Stelle)

634)   “Il centrodestra ha già cominciato a litigare. Non hanno avuto il tempo di nominare il candidato Premier, il generale Gallitelli, che lo hanno già ammazzato politicamente.”
(Luigi Di Maio candidato Premier per il Movimento 5 Stelle)

635)   “Non dobbiamo chiederci se la storia si ripeterà ma quando si ripeterà…”
(Diego Baglioni)

636)   “Direi che il dato più probante e preoccupante della corruzione italiana non tanto risieda nel fatto che si rubi nella cosa pubblica e nella privata, quanto nel fatto che si rubi senza l’intelligenza del fare e che persone di assoluta mediocrità si trovino al vertice di pubbliche e private imprese.

In queste persone la mediocrità si accompagna ad un elemento maniacale, di follia, che nel favore della fortuna non appare se non per qualche innocuo segno, ma che alle prime difficoltà comincia a manifestarsi e a crescere fino a travolgerli. Si può dire di loro quel che D’Annunzio diceva di Marinetti: che sono dei cretini con qualche lampo di imbecillità: solo che nel contesto in cui agiscono l’imbecillità appare – e in un certo senso e fino a un certo punto è – fantasia.

In una società bene ordinata non sarebbero andati molto al di là della qualifica di “impiegati d’ordine”; in una società in fermento, in trasformazione, sarebbero stati subito emarginati – non resistendo alla competizione con gli intelligenti – come poveri “cavalieri d’industria”; in una società non società arrivano ai vertici e ci stanno fin tanto che il contesto stesso che li ha prodotti non li ringoia…”
(Leonardo Sciascia)

637)   “Renzi da ricovero…”
(Matteo Salvini)

638)   “Fine vita? Penso ai vivi…”
(Matteo Salvini)

639)   “Il terzo Anticristo ben presto attaccherà, 27 anni di sangue durerà la sua guerra, gli eretici morti , i prigionieri esiliati, sangue di corpi umani arrossa l’acqua e la grandine distrugge la terra”
(Nostradamus profezia terzo anticristo)

640)   “Le più belle chiamate sono quelle della concorrenza…
Ormai ci copiano anche quello che diciamo nelle telefonate, i prezzi, i percorsi etc…
Buona fortuna REPLICANTI…!!!”
(Diego Baglioni)

641)   “Mia nonna diceva che: “Non conta quanto siete alla partenza…
Conta quanti ne arrivano al traguardo…”
(Diego Baglioni)

642)   “…certi amori non finiscono…
fanno dei giri immensi…
poi ritornano…”
(Antonello Venditti dalla canzone “Amici mai”)

643)   “Berlusconi ha già dato la composizione del governo, un dibattito surreale, lo invito a smettere. Voglio prima il programma, nero su bianco, prima delle elezioni. Io non lancio candidati a capocchia per avere tre titoli sui giornali.”

644)   “Dove ci sono donne innamorate è inutile tenere porte serrate…”
(Diego Baglioni)

645)   “Inoltre obbligò tutti, piccoli e grandi, ricchi e poveri, liberi e schiavi, a farsi mettere un marchio sulla mano destra o sulla fronte. Nessuno poteva comprare o vendere se non portava il marchio, cioè il nome della bestia o il numero che corrisponde al suo nome. Qui sta la sapienza. Chi ha intelligenza, calcoli il numero della bestia, perché è un numero d’uomo; e il suo numero è seicentosessantasei”
(Apocalisse 13:16-18)

646)   “Migranti come accattoni, zingari, extracomunitari…”
[Editoriale pubblicato nel settimanale diocesano di Nuoro l’ortobene]
(Don Francesco Mariani, parroco di San Giuseppe, sociologo, giornalista, direttore per anni di Radio Barabagia)

647)   “Un saluto affettuoso a Sonia che trova il tempo tutti i giorni per chiamarci [più volte al giorno]. Ti vogliamo un mondo di bene e ci siamo legati a te per l’enorme interesse che ci dimostri…”
(Diego Baglioni)

648)   “Il parlare e argento fino… il tacer oro zecchino…”
(Diego Baglioni)

649)   “È un bell’onore davvero, quello delle donne…
dista mezzo pollice dall’ano…”
(Georg Christoph Lichtenberg)

650)   “Non dobbiamo chiederci se la storia si ripeterà ma quando si ripeterà…”
(Diego Baglioni)

651)   “Di fronte a tutto questo dobbiamo davvero ripetere che le parole sono pietre. Suscitano umori, li fanno sedimentare, li trasformano in consenso, ne fanno la componente profonda di un modello culturale inevitabilmente destinato ad influenzare le dinamiche politiche. Parliamo chiaro. Una ventata razzista e forcaiola sta attraversando l’Italia, e rischia di consolidarsi. […] La reazione può essere quella di chi alza le mani, si arrende culturalmente e politicamente e si consegna al modello messo a punto dagli altri, con un esercizio che vuol essere realista e, invece, è suicida? […] Se si pensa che vi sono emergenze che devono essere fronteggiate con forte spirito politico, e il degrado culturale lo è al massimo grado, bisogna essere chiari e necessariamente polemici…”
(Stefano Rodotà)

652)   “Un prete cattolico che violenti fanciulle… è molto meno pericoloso per la democrazia di un prete senza abiti sacri, un prete senza religione grossolana, un prete ideale e democratico che predica la creazione di un nuovo Dio. Poiché smascherare il primo prete è facile, non è difficile condannarlo e scacciarlo ‐ ma il secondo non si lascia scacciare così semplicemente; è mille volte più difficile smascherarlo, e nessun piccolo borghese “Fragile e incostante” si dichiarerà disposto a condannarlo…”
(Lenin)

653)   “Non vivo per me, ma per la generazione che verrà…”
(Vincent Van Gogh)

654)   “Errare è umano, ma perseverare è diabolico…”
(Sant’Agostino)

655)   “Una volta che apriamo gli occhi di questi bambini della foresta sulla loro vera condizione, essi si renderanno conto che la politica del governo generale verso il pellerossa non è solo liberale, ma generosa…”
(Andrew Jackson)

656)   “Mio padre è un imprenditore e votò Berlusconi nel 1994. Rimase deluso per la mancata rivoluzione liberale promessa da Berlusconi a più riprese. Berlusconi mi ricorda il film ‘Goodbye Lenin’ di un uomo che si è appena risvegliato dal 1994”.
(Luigi Di Maio candidato Premier per il Movimento 5 Stelle)

657)   “Ciò che una donna dice all’amante appassionato, scrivilo nel vento e nell’acqua rapida…”
(Catullo)

658)   “Continuo a ricevere sul mio sito ufficiale dai fan richieste di un duetto con Mina: dalla Spagna, dall’Italia, dagli Stati Uniti. Rispondo sempre che lei non è la Barbra Streisand europea, ma semplicemente Mina perché la colonna sonora della sua vita, la sua arte e la sua personalità sono uniche. Abbiamo in comune tanti fan, apparteniamo alla stessa generazione, privilegiamo entrambe la privacy e per entrambe l’ambizione non ha nulla a che fare con la musica…”
(Barbra Streisand)

659)   “Etruria usata per attaccare il Pd. Da due anni attaccano me e il Pd sulla vicenda Banca Etruria. Il fatto che mio padre sia stato per qualche mese vicepresidente della Banca non ha impedito al nostro governo di commissariarla, la legge è uguale per tutti. Se mio padre ha commesso reati ne risponderà, è una vicenda personale, non certo del Pd. Mi dispiace ma sono costretta a denunciare De Bortoli e altri giornalisti…”
(Maria Elena Boschi Sottosegretaria a Palazzo Chigi)

660)   “Quella gente là non ha più credibilità. Rinuncino a voler governare questo paese, la loro parola a livello nazionale e internazionale non vale più nulla. Se saremo prima forza alle elezioni, chiederemo incarico di governo a Mattarella e restituiremo i soldi ai risparmiatori. Sul caso del Procuratore di Arezzo ‘ qui il caso è politico è come diciamo noi; avevano fatto la legge per salvare la banca della Boschi e mandare
e mandare i risparmiatori sul lastrico…”
(Luigi Di Maio candidato Premier per il Movimento 5 Stelle sulle vicende di Banca Etruria)

661)   “Portiamo a conoscenza di tutti voi nostri simpatizzanti che in automatico quando il Maestro Diego verificherà le vostre domande con i vostri dati riceverete istantaneamente i suoi influssi di Protezione e Pulizia di tutte le negatività presenti nella vostra vita. I nostri assistiti ne usufruiscono pienamente da anni ormai…”
(Redazione&Team di Diego Baglioni)

662)   Un consiglio fraterno: “Non seguite i forum online su internet in cui trovate
consigli, dritte, recensioni etc…
in realtà sono gestiti da cartomanti
senza clienti per farsi pubblicità
occulta. Vi suggestionano per farsi
chiamare per rubarvi soldi…”
(Redazione&Team&Staff di Diego Baglioni).

663)   “Non credete a chi vi truffa dicendovi che in 3, 30 etc… giorni… lune e quant’altro vi riporteranno il vostro amore… in questo settore non esistono tempi certi ma…
soprattutto non valgono i nostri tempi terreni e umani…”
(Redazione&Team&Staff di Diego Baglioni).

664)   Un consiglio fraterno: “Non chiamate mai gli 899 e tutti i numeri a pagamento.
Sono delle truffe, voi chiamate
per i vostri problemi ma nemmeno
le toccano le carte. Sono operatori
di call center (falliti e depressi)
che hanno il semplice compito di
tenervi il più tempo possibile al telefono per spillarvi tanti più soldi possibili…”
(Redazione&Team&Staff di Diego Baglioni).

664)   “Di Maio è solo il frontman del Movimento 5 Stelle. Il vero presidente del consiglio sarebbe Piercamillo Davigo che ha stabilito con Grillo di mettere otto magistrati nel governo…”
(Silvio Berlusconi)

665)   “La Boschi non ha fatto nulla. Ho chiesto. a Renzi di non candidarla…”
(Silvio Berlusconi)

666)   “Come sempre piena solidarietà a tutte le forze dell’ordine. Invitiamo tutti a esprimerla soprattutto oggi dopo il vile attentato con ordigno rudimentale fatto esplodere davanti al portone d’ingresso della stazione dei Carabinieri di Roma San Giovanni”
(Redazione&Staff&Team Di Diego Baglioni)

667)   “L’hanno rimasto solo…”
“Pisapia e Alfano si ritirano…”
“La battuta di Gassman ne
[L’Audiace colpo dei soliti ignoti]
è perfetta per descrivere il Mercoledì
nero di Renzi…
I due ultimi alleati evaporano e il Pd
deve ingoiare l’audizione di Ghizzoni
sulla Boschi in Commissione banche…”
(Prima Pagina del Fatto Quotidiano di Giovedì 07 Dicembre 2017).

668)   “Sotto accusa i sistemi sanitario e di Welfare, incapaci di garantire adeguata
assistenza… Al Senato si accelera sulle
Dat… voto finale già il 14 Dicembre 2017.
VERO FINE VITA D’ITALIA…
AUMENTANO I MORTI…
per il 2017si stimano 48mila
decessi in più…”
(Prima Pagina di Avvenire di Giovedì
07 Dicembre 2017).

669)   “I nemici mi rendono migliore…
Non perché mi dicono che sbaglio…
Perché le loro critiche sono destinate ai più forti…”
(Diego Baglioni)

670)   “Il vero consulto gratuito deve essere fatto spontaneamente con la purezza dell’onestà. In realtà tutti (tranne noi) si aggrappano al consulto gratuito per farsi pubblicità intrappolando le persone nelle loro grinfie…
Attenzione alta alla trappola del consulto gratuito o della domanda gratuita.
Solo noi lo facciamo in modo sincero, preciso e disinteressato nel pieno rispetto del segreto professionale e confessionale… nel pieno rispetto della
privacy e senza alcun impegno o
vincolo da parte di nessuno…”
(Diego Baglioni)

671)   “L’amore è per i coraggiosi…”
(Diego Baglioni)

672)   Mai andare sui quei siti web in cui
puoi scegliere delle carte da dove
ricavare una risposta alle tue domande.
Tutte le persone che si fanno le carte
da soli avranno per sempre enormi
negatività eterni…
inoltre le risposte sono uguali per tutti
quindi serietà ZERO. Questi siti approfit-
tano della situazione per farsi pubblicità. Tenete gli occhi aperti e fate molta attenzione…”
(Redazione&Staff&Team Di Diego Baglioni)

673)   “Non dir di me finché di me non sai, pensa di te poi mi dirai…”
(Diego Baglioni)

674)   ***Venerdì-29-Dicembre-2017***           ” Cartomanzia GRATIS al:339-27.29.722, Rituali GRATIS al:339-27.29.722, Tarocchi GRATIS al:339-27.29.722, Sibille GRATIS al:339-27.29.722, Ritualista GRATIS al:339-27.29.722, Maestro Spirituale GRATIS al:339-27.29.722, Astrologia GRATIS al:339-27.29.722, Lettura Carte Online GRATIS al:339-27.29.722, Carte Napoletane GRATIS al:339-27.29.722, Tarocchi e Sibille GRATIS al:339-27.29.722, Tarocchi Egizi GRATIS al:339-27.29.722, Tarocchi Bolognesi GRATIS al:339-27.29.722, Consulti GRATIS al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS Diego al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS Amore al:339-27.29.722, Tarocchi degli Angeli GRATIS al:339-27.29.722, Tarocchi Lavoro GRATIS al:339-27.29.722, Cartomanzia online GRATIS AL:339-27.29.722, Cartomanzia Telefonica GRATIS al:339-27.29.722, Cartomanzia Virtuale GRATIS al:339-27.29.722, Numeri Vincenti GRATIS al:339-27.29.722, Tanto altro sempre GRATIS al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATUITA al:339-27.29.722, Cartomante GRATIS al:339-27.29.722, Sensitivo GRATIS al:339-27.29.722, Veggente GRATIS al:339-27.29.722, Chiaroveggente GRATIS al:339-27.29.722, Angeologia GRATIS al:339-27.29.722, Medium GRATIS al:339-27.29.722 Astrologo GRATIS al:339-27.29.722, Incantesimi GRATIS al:339-27.29.722, Legamenti GRATIS al:339-27.29.722, Ritorni GRATIS al:339-27.29.722, Filtri d’Amore GRATIS al:339-27.29.722, Alta Magia GRATIS al:339-27.29.722, Cartomanzia Professionale GRATIS al:339-27.29.722, Consulti GRATIS al:339-27.29.722, Consulenze GRATIS al:339-27.29.722, Perizie GRATIS al:339-27.29.722, Cartomagia GRATIS al:339-27.29.722, Astrocartomagia GRATIS al:339-27.29.722, Magia Bianca GRATIS al:339-27.29.722, Magia Rossa GRATIS al:339-27.29.722, Magia Nera GRATIS al:339-27.29.722, Magia Gialla GRATIS al:339-27.29.722, Magia Brasiliana GRATIS al:339-27.29.722, Dai risposte sicure ad ogni tuo dubbio e risolvi i tuoi problemi di lavoro, amore, affari etc… GRATIS al:339-27.29.722, Massima riservatezza e segreto Professionale GARANTITI al:339-27.29.722. https://www.cartomanziagratissempre.it https://www.cartomanziagratissempre.it/home.html Cartomanzia GRATIS a Agrigento al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Alessandria al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Ancona al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Aosta al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Arezzo al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Ascoli Piceno al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Asti al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Avellino al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Bari al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Barletta Andria Trani al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Belluno al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Benevento al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Bergamo al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Biella al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Bologna al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Bolzano al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Brescia al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Brindisi al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Cagliari al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Caltanissetta al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Campobasso al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Carbonia Iglesias al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Caserta al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Catania al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Catanzaro al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Chieti al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Como al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Cosenza al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Cremona al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Crotone al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Cuneo al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Enna al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Fermo al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Ferrara al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Firenze al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Foggia al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Forli Cesena al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Frosinone al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Genova al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Gorizia al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Grosseto al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Imperia al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Isernia al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a La Spezia al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a L-Aquila al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Latina al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Lecce al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Lecco al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Livorno al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Lodi al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Lucca al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Macerata al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Mantova al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Massa Carrara al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Matera al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Messina al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Milano al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Modena al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Monza Della Brianza al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Napoli al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Novara al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Nuoro al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Olbia Tempio al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Oristano al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Padova al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Palermo al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Parma al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Pavia al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Perugia al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Pesaro Urbino al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Pescara al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Piacenza al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Pisa al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Pistoia al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Pordenone al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Potenza al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Prato al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Ragusa al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Ravenna al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Reggio Calabria al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Reggio Emilia al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Rieti al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Rimini al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Roma al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Rovigo al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Salerno al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Medio Campidano al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Sassari al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Savona al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Siena al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Siracusa al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Sondrio al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Taranto al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Teramo al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Terni al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Torino al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Ogliastra al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Trapani al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Trento al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Treviso al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Trieste al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Udine al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Varese al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Venezia al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Verbano Cusio Ossola al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Vercelli al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Verona al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Vibo Valentia al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Vicenza al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Viterbo al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Abruzzo al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Basilica al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Calabria al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Campania al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Emilia Romagna al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Friuli Venezia Giulia al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Lazio al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Liguria al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Lombardia al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Molise al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Marche al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Piemonte al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Puglia al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Sardegna al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Sicilia al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Toscana al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Trentino Alto Adige al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Umbria al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Valle D-Aosta al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Veneto al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Milano al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Torino al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Napoli al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Palermo al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Bologna al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Firenze al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Venezia al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Genova al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Trento al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Trieste al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Pordenone al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Bari al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Pescara al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Verona al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Udine al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Perugia al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Cagliari al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS in tutta Italia al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Spagna al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS a Cina al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS in Svizzera al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS in Germania al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS in Francia al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS in Belgio al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS in Europa al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS in Australia al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS in Argentina al:339-27.29.722, Operatore Olistico GRATIS al:339-27.29.722, Pranoterapeuta GRATIS al:339-27.29.722, https://www.cartomanziagratissempre.it https://www.cartomanziagratissempre.it/home.html Consigli GRATIS al:339-27.29.722, Pareri GRATIS al:339-27.29.722, Telefono Amico GRATIS al:339-27.29.722, Rituali per l’amore GRATIS al:339-27.29.722, Rituali per l’anima gemella GRATIS al:339-27.29.722, Rituali per attrarre denaro GRATIS al:339-27.29.722, Legamenti coppie gay GRATIS al:339-27.29.722, Rituali di Protezione Universale GRATIS al:339-27.29.722, Cartomanzia Spirituale GRATIS al:339-27.29.722, Cartomanzia Cattolica GRATIS al:339-27.29.722, Cartomanzia di Luce GRATIS al:339-27.29.722, Cartomanzia Reale GRATIS al:339-27.29.722, Cartomanzia Vera GRATIS al:339-27.29.722., Tarocchi GRATIS Diego&Francesco al:339-27.29.722, Tarocchi GRATIS Diego&Alessandro al:339-27.29.722, Servizi Esoterici GRATIS al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS Diego&Princess al:339-27.29.722, Cartomanzia gratis amore al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia gratis carte napoletane al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia gratis Francesco al Telefono:339-27.29.722, Lettura carte gratis Zingara al Telefono:339-27.29.722, Lettura dei tarocchi gratis al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi consulto gratuito al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia gratis al telefono al Telefono:339-27.29.722, Lettura carte gratis sull’amore al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia gratis francesco al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia gratis amore zingara al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia gratis carte napoletane al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia gratis al telefono al Telefono:339-27.29.722, Lettura dei tarocchi gratis al Telefono:339-27.29.722, Lettura carte gratis al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi consulto gratuito al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi gratis topazio al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi gratis decani al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi gratis amore al Telefono:339-27.29.722, Lettura dei tarocchi gratis al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi gratis lavoro al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi gratis Francesco al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi consulto gratuito al Telefono:339-27.29.722, Lettura carte napoletane gratis al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi gratis Topazio al Telefono:339-27.29.722, tarocchi gratis Topazio al Telefono:339-27.29.722, Lettura delle carte gratis al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi gratis amore al Telefono:339-27.29.722, Lettura tarocchi gratis al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi consulto gratuito al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi gratis lavoro al Telefono:339-27.29.722, Lettura carte napoletane gratis al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi degli Angeli al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi antichi gratis al Telefono:339-27.29.722, Consulto tarocchi gratuito cartomanzia da nejma al Telefono:339-27.29.722, Consulto gratuito tarocchi amore al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi consulto gratuito al telefono al Telefono:339-27.29.722, Lettura carte Napoletane gratis al Telefono:339-27.29.722, Lettura delle carte gratis al Telefono:339-27.29.722, I tarocchi di Francesco al Telefono:339-27.29.722, Lettura carte gratis Zingara al Telefono:339-27.29.722, Cartomante gratis primo consulto al Telefono:339-27.29.722, Cartomante gratis prima domanda al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia telefonica primo consulto gratuito al Telefono:339-27.29.722, Cartomanti gratis al cellulare al Telefono:339-27.29.722, Numeri cartomanti gratis al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia gratis al telefono fisso al Telefono:339-27.29.722, Cartomanti primo consulto gratuito gratis al telefono 7 giorni su7 al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia gratis sensitivo consulto gratuito eccezionale al Telefono:339-27.29.722, Lettura carte napoletane gratis al Telefono:339-27.29.722, Lettura delle carte gratis al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi gratis lavoro al Telefono:339-27.29.722, Lettura carte gratis zingara al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi gratis amore al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi gratis topazio al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi consulto gratuito al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi degli angeli al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi amore gratis angeli al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi dell’amore predire al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi amore veri al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi gratis amore si o no al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia gratis amore ritorni al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi gratis amore carte napoletane al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi amore oggi al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi gratis amore infallibili al Telefono:339-27.29.722, Cartomante gratis primo consulto al Telefono:339-27.29.722, Cartomante gratis prima domanda al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia telefonica primo consulto gratuito al Telefono:339-27.29.722, Cartomanti gratis al cellulare al Telefono:339-27.29.722, Numeri cartomanti gratis al Telefono:339-27.29.722, Consulto cartomanzia 5 minuti gratis al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia gratis al telefono fisso al Telefono:339-27.29.722, Cartomanti primo consulto gratuito gratis al telefono 7 giorni su7 al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia di zoe al Telefono:339-27.29.722, Cartomanti dell’amore al Telefono:339-27.29.722, Cartomanti on line al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia professionale telefonica al Telefono:339-27.29.722, Cartomanti a basso costo al Telefono:339-27.29.722, Cartomanti al telefono al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia.net turni al Telefono:339-27.29.722, Cartomanti melissa al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi del ritorno della persona amata Tornerà da me tarocchi gratis al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi ritorno amore perduto al Telefono:339-27.29.722, Carte amore destino al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi amore veri gratis al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia gratis amore francesco al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi gratis amore veri egiziani al Telefono:339-27.29.722, Stesa per il ritorno al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia gratuita 24 ore su 24 al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia a basso costo da cellulari al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia consulti 24 ore al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia gratis 24 ore su 24 al Telefono:339-27.29.722, Chiamare cartomanti gratis al Telefono:339-27.29.722, Cartomanti gratis al telefono 24 ore su 24 al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia gratis da cellulare al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia 24h su 24 al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi consulti gratuiti al Telefono:339-27.29.722, Consulto esoterico gratuito al Telefono:339-27.29.722, Consulti gratuiti in chat al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi in diretta gratis al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia in chat gratuita e immediata al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia online gratis carte napoletane al Telefono:339-27.29.722, Cartomante online gratis francesco al Telefono:339-27.29.722, Stella cartomante palermo al Telefono:339-27.29.722, Oracolo dell’amore GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Oracolo della sibilla GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Oracolo delle rune GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Oracolo gratis GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Oracolo si e no GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Oracolo angeli GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Oracolo imperatrice GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Oracolo dell’amore mi richiamerà GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia chat gratuita e immediata GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Vera cartomante chat GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi in diretta gratis GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi consulti gratuiti GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi on line chat xat GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Consulto esoterico gratuito GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi online tagboard GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Cartomante online gratis francesco GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Cartomante veggente sensitiva gratis online GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Consulto veggente gratuito GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Consulti sensitivi gratis GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Chiaroveggenza amore GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Zoradamus chiaroveggenza sua veggenza gratuita GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Chiaroveggenza consulto gratis online GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Veggenti gratis al telefono GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Prima veggenza gratuita GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Veggenza gratis via email GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Chiaroveggenza consulto gratis GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Veggenza gratuita immediata GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Consulti sensitivi gratis GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Veggenti gratis al telefono GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Zoradamus chiaroveggenza sua veggenza gratuita GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Veggenti gratis via email GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Potente sensitiva gratis una domanda GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Sensitiva prima domanda gratis GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Sensitiva gratis via email GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Sensitiva gratis online GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Cartomanzia via email gratis GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Cartomante domanda conoscitiva gratuita GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Sensitiva luce GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Cartomante sensitiva Celeste GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Sensitiva esoterica GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Sensitivi veri gratis GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Medium sensitivi gratis GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Sensitiva veramente brava GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Sensitivi veri a Milano GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Vera sensitiva gratis GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Sensitivi famosi Milano GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Medium simonetta recensioni GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Mira sensitiva GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Sensitivi veri a Milano GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Cerco sensitiva seria GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Medium a Milano GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Sensitivi a Milano GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Vera sensitiva gratis GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Sensitivi Italiani famosi GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Sensitiva Maria Monica GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Esistono i veri sensitivi GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Magia legamenti d’amore GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Riti d’amore GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Legamenti d’amore indissolubili GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Legamento d’amore potentissimo GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Legamenti d’amore potenti fai da te GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Legamento amore eterno GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Veri legamenti d amore GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Incantesimi d’amore potenti gratis GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Legamenti d’amore potenti fai da te GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Riti d’amore gratis GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Legamenti d’amore indissolubili GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Legamento amore eterno GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Magia legamenti d’amore gratis GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Legamento d’amore potentissimo GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Veri legamenti d amore GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Legamenti d’amore fai da te riusciti GRATIS al Telefono:339-27.29.722, Tarocchi Free al:339-27-29-722, Cartomanzia Free al:339-27.29.722, Tarot Free al:339-27.29.722, Sibille Free al:339-27.29.722, Rituali Free al:339-27.29.722, Fatture Free al:339-27.29.722, Legamenti Free al:339-27.29.722, Cartomanzia GRATIS amore ritorni al:339-27.29.722, Tarocchi dell’amore predire GRATIS al:339-27.29.722, Tarocchi Ritorno della persona amata GRATIS al:339-27.29.722, Il pensiero di lui Tarocchi GRATIS al:339-27.29.722, Tarocchi amore futuro relazione ritorni legamenti GRATIS al:339-27.29.722, I tarocchi dell’amore gratis on line al:339-27.29.722…”    (Diego Baglioni)

675)   ***Domenica-31-Dicembre-2017***
“La morte di un cittadino non può credersi necessaria che per due motivi. Il primo, quando anche privo di libertà egli abbia ancora tali relazioni e tal potenza che interessi la sicurezza della nazione, quando la sua esistenza possa produrre una rivoluzione pericolosa nella forma di governo stabilita. […] io non veggo necessità alcuna di distruggere un cittadino, se non quando la di lui morte fosse il vero ed unico freno per distogliere gli altri del commettere delitti, secondo motivo per cui può credersi giusta e necessaria la pena di morte…”
(Cesare Beccaria)

676)   ***Domenica-31-Dicembre-2017***
“Gesú gli disse: ‘Ama il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente’. Questo è il grande e il primo comandamento. Il secondo, simile a questo, è: ‘Ama il tuo prossimo come te stesso’…”
(Matteo 22:37-39)

677)   ***Mercoledì-03-Gennaio-2018***
“Se dalla preghiera si alza un uomo migliore, la preghiera è esaudita…”
(George Meredith)

678)  ***Mercoledì-03-Gennaio-2018***
“Ma io canterò la tua potenza, e al mattino loderò ad alta voce la tua bontà, perché tu sei stato per me una fortezza, un rifugio nel giorno dell’avversità…”
(Salmi 59:16)

679)   ***Giovedì-04-Gennaio-2018***
“Lo scopo dell’arte medica è la salute, il fine è ottenerla…”
(Galeno)

680)   ***Venerdì-5-Dicembre-2017***
“Per me è un fratello…”
(Tony Renis celebra gli 80 anni di Adriano Celentano)